Benedetto XVI e i Vangeli controversi

giovedì, 3 marzo 2011

Naturalmente meriterà di essere letto con attenzione il secondo volume dedicato da Joseph Ratzinger-Benedetto XVI (così si firma, con la duplice denominazione) alla vita di Gesù. Già mi hanno appassionato i capitoli anticipati quest’oggi su “Avvenire” per la meticolosità con cui lo studioso mette a confronto i Vangeli e rileva le contraddizioni fra loro su alcuni episodi cruciali. In particolare sulla datazione dell’ultima cena (fu o non fu un “seder pasquale”? è pensabile che il processo e la condanna di Gesù siano avvenuti in un giorno di festività solenne?); e sull’attribuzione di responsabilità nella proposta di condanna fatta pervenire a Ponzio Pilato. L’autore prende decisamente partito nell’affermare la credibilità di un Vangelo e smentire la credibilità degli altri che sostengono una posizione diversa. E’ notevole il coraggio interpretativo e la risolutezza di scelta. Temo non basterà a dissipare definitivamente la millenaria accusa di deicidio scagliata dalla Chiesa contro il popolo ebraico, raffigurato in questo dipinto medievale del processo di Gesù con i caratteristici cappelli a punta resi obbligatori, dai predecessori di Benedetto XVI, e adoperati come segnalatica per facilitare la discriminazione.

153 Commenti

  1. mcginobbi · giovedì, 3 marzo 2011, 6:15 pm

    Certo che ognuno ha le sue fissazioni… sia la chiesa che gli ebrei…. E su queste fissazioni lanciano discussioni inutili… ai fini del miglioramento della vita umana….. secolari…. e ci campano alla grande… Io ricordo sempre con affetto e piacere quel burlone di mio padre che , ateo, mi costrinse a leggere la Bibbia non emendata e piuttosto delinquenziale nelle storie e che ridendo soleva dire…… Ma guarda tu che cosa doveva nascere da una scopata di Maria con un centurione romano……

  2. arca · giovedì, 3 marzo 2011, 6:13 pm

    daniele 16.altro parametro per la valutazione della ignoranza del popolo è costituito dall’esagerato “attaccamento” alle squadre di calcio(9 milioni di abbonamenti a sky – mediaset premium e alla defunta dalia) per cui a conti fatti in italia tra osservanti religiosi e tifosi di calcio siamo vicini a 50 milioni di individui.niente male !

  3. Inga · giovedì, 3 marzo 2011, 6:12 pm

    MAESTRINA

    Ho letto attentamente la Bibbia cercando di procurarmi commenti anche di laici.
    Il materiale è immenso e ci sono pagine di altissima poesia.
    Ma nel complesso lo considero, nella mia ignoranza che è premetto enorme, il più grande inno all’obbedienza che sia mai stato scritto.

  4. Snepretz · giovedì, 3 marzo 2011, 6:06 pm

    ‘Sta cosa del deicidio non l’ho mai capita benissimo: fosse stato in Svezia e fosse stato fatto fuori da un ebreo allora sì che sarebbe stato stranello. Se non voleva morire in palestina faceva che nascere ad Abbiategrasso et voilà.

  5. daniele · giovedì, 3 marzo 2011, 6:06 pm

    comportiamoci da esseri razionali! è l’uomo che ha creato dio, non il contrario. la religione è sempre servita ai potenti per ingannare e asservire il popolo. non per niente la religione, di qualunque fede si tratti, fa tanto più presa quanto più i popoli sono ignoranti. tanto vale discutere di testi più autorevoli basati su certezze, non campati in aria o frutto di pura fantasia.

  6. Inga · giovedì, 3 marzo 2011, 6:03 pm

    MITI
    Premetto che non sono credente e quindi non sono qui a difendere la Chiesa.
    Con il Concilio vaticano II di Giovanni XXIII si assistè ad una apertura nei confronti delle altre chiese.
    Oggi con Benedetto XVI si tende a vanificare il messaggio giovanneo.

    Si sono nuovamente arroccati su posizioni teocratiche e hanno perso il contatto con i reali problemi dei poveri, degli ultimi.

  7. miti · giovedì, 3 marzo 2011, 6:02 pm

    inga

    ma delle atrocità commesse dai cristiani? Non solo le crociate ma anche prima di loro si sono amazzati tradi loro…un fiume di sangue…la storia del cristianesimo comprende anche la storia dei circa 35 milioni di morti della seconda guerra mondiale. Continenti interi devastati con la croce e la spada….rapinati or sterminati tribu dopo tribu dai uomini di chiesa. Ogni volta quando entro nel Basilica di San Pietro mi riempio do orrore..

  8. maestrina dalla penna rossa · giovedì, 3 marzo 2011, 5:58 pm

    La Chiesa sulle semplici parole di Cristo ha costruito una tale impalcatura che non si riconosce più.

    Infatti nel Vangelo non si trova scritto nulla ( e come si potrebbe?) su fecondazione assistita, matrimoni gay, adozione di bambini da parte dei single, idratazione e nutrizione artificiale delle persone in coma, tutte cose che la chiesa di oggi mette al centro della discussione.
    Io conosco le scritture molto superficialmente, ma posso dire che leggendo la Bibbia per conto mio l’ho trovata profondamente diversa da quella che mi hanno raccontato a scuola i vari insegnanti di religione. Le letture del vangelo che vengono fatte in chiesa poi non sono mai complete (almeno non lo erano quando, molti anni fa, ancora frequentavo la chiesa). I vangeli apocrifi non li ho mai letti e i vangeli che ho a casa sono quelli approvati dalla CEI. La Chiesa cattolica ha sempre osteggiato la libera lettura della Bibbia da parte dei fedeli, per cui, chi non è particolarmente ferrato in questo campo e non ha letto tutte le spiegazioni inventate dai teologi, viene tacciato di presunzione se legge per conto suo e pretende modestamente di capire quello che c’è scritto. (Per qualunque libro non banale si possono trovare mille significati reconditi e accusare gli altri di lettura superficiale)

  9. Inga · giovedì, 3 marzo 2011, 5:50 pm

    YES

    Non è così semplice, perchè molto della nostra formazione culturale viene dalla Chiesa.
    Nella storia non si può disconoscere l’importanza che ha avuto nell’educazione dei popoli in certi periodi.
    Per esempio il periodo del basso medioevo che possiamo collocare tra il 1000 e il 1300 è stato ispirato dai grandi abati che contribuirono a invenzioni che hanno migliorato molto le condizioni dell’uomo medievale. Penso alla staffa, alla gualchiera, alla rotazione triennale e alle tregue di Dio.

  10. miti · giovedì, 3 marzo 2011, 5:47 pm

    ìTemo non basterà a dissipare definitivamente la millenaria accusa di deicidio scagliata dalla Chiesa contro il popolo ebraico,–’

    Sicuramente non basterà. Di razzismo la chiesa vive. Poi ci sono le altre sorelle, sorelline, sorellastre, grande e piccole chi siano che del odio verso gli ebrei campano. Dificile cambiare e dire che e stato ammazato ma non so conosce l’autore.
    Ho fatto parte per un po di una chiesa ortodossa e protestante dove in entrambe si predica che il re dei re e stato ammazzato dagli ebrei.

  11. onyric · giovedì, 3 marzo 2011, 5:41 pm

    è pensabile che il processo e la condanna di Gesù siano avvenuti in un giorno di festività solenne – ebbè, è la condanna d’un eversore, la solennità è adattissima.

    l’affermare la credibilità di un Vangelo e smentire la credibilità degli altri – è la prassi comune d’una istituzione che deve continuamente rivedere la propria ideologia pur proclamandola eterna ed immutabile.

    acqua calda in bacile d’argento.

  12. YES · giovedì, 3 marzo 2011, 5:40 pm

    Bibbia vecchio o nuovo testamento, oggi asistiamo a quello che è il contrario degli scritti: non è Dio che ci ha fatto a sua immagine, ma i popoli con nomi e religioni diversi ad essersi fatto un Dio a loro immagine e somiglianza….

  13. YES · giovedì, 3 marzo 2011, 5:38 pm

    Gigi@ tanto vale essere un libero pensatore sganciato tutte le religioni che si stanno dimostrando fonti di immensi guai

    Perfettamente d’accordo…

  14. YES · giovedì, 3 marzo 2011, 5:37 pm

    Gigi@ tanto vale essere un libero pensatore sganciato tutte le religioni che si stanno dimostrando fonti di immensi guai

    Perfettamente dìaccordo…

  15. YES · giovedì, 3 marzo 2011, 5:35 pm

    Inga scrive:
    3 marzo, 2011 alle 5:27 pm
    Discussione come quella sul sesso degli angeli.
    Come quella se Jesùs fosse primogenito o unigenito.
    Come quella sul discorso delle beatitudini dove lui dice – beati i poveri e che è stato i seguito modificato – beati i poveri di spirito –
    Cose senza importanza rispetto alla vera sostanza della sua predicazione molto, molto difficile da mettere in atto.
    La Chiesa sulle semplici parole di Cristo ha costruito una tale impalcatura che non si riconosce più.

    Più semplicemente la chiesa voluta dal Cristo non è mai esistita….

  16. gigi · giovedì, 3 marzo 2011, 5:30 pm

    mi sono sempre interessato al problema
    ho dedotto che in ogni testo religioso c’e’ tutto e il comtrario di tutto
    e questo riguarda tutte le religioni
    quando fai presente il fatto ti rispondono che fa parte del mistero divino

    tanto vale essere un libero pensatore sganciato tutte le religioni che si stanno dimostrando fonti di immensi guai

  17. Inga · giovedì, 3 marzo 2011, 5:27 pm

    Discussione come quella sul sesso degli angeli.

    Come quella se Jesùs fosse primogenito o unigenito.
    Come quella sul discorso delle beatitudini dove lui dice – beati i poveri e che è stato i seguito modificato – beati i poveri di spirito –
    Cose senza importanza rispetto alla vera sostanza della sua predicazione molto, molto difficile da mettere in atto.
    La Chiesa sulle semplici parole di Cristo ha costruito una tale impalcatura che non si riconosce più.

  18. Gummo · giovedì, 3 marzo 2011, 5:22 pm

    Gesù era un ebreo, fu come una scissione ebraica poichè l’albero originario è lo stesso. Quindi non ho mai creduto alla potatura dell’albero per il falso mito della purezza. Tutto nasce dalla più grande provocazione mai concepita: l’umanità discende da Caino.

  19. manu · giovedì, 3 marzo 2011, 5:21 pm

    non ho una grande conoscenza “accademica” dei Vangeli, e onestamente non la ritengo fondamentale per una vita che voglia seguire gli insegnamenti di Gesù,
    mi è stato insegnato che le cosiddette “contraddizioni” tra i sinottici non sono tali, ma diversi punti di vista di narrazioni rivolte a interlocutori diversi
    e anche la datazione diversa della passione di Giovanni non è una difficoltà così insormontabile
    ma….è così importante?

  20. maestrina dalla penna rossa · giovedì, 3 marzo 2011, 5:15 pm

    Queste diatribe si risolveranno quando i testi cosiddetti sacri (antico e nuovo testamento, corano etc.) saranno esaminati con seri criteri storici, per quello che sono e quello che c’è scritto. In tutti questi libri ci sono bellissime storie e bellissimi insegnamenti, ma anche tantissime contraddizioni e tantissime cose oggi per noi inaccettabili. I teologi sono capaci di arrampicarsi sugli specchi per adattare questi libri al nostro mondo, ma non c’è niente da fare, sono libri scritti molto tempo fa e rispecchiano le società di allora. Se alcuni valori possono ispirarci anche oggi ( ma questi valori non li troviamo solo nei testi sacri, c’è un’immensa letteratura del passato, nostro e di altri popoli, da cui possiamo imparare moltissimo), altre cose vanno prese proprio come sono scritte, senza farci sopra tanti arzigogoli per trovare significati oggi più graditi.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.