Nei primi sondaggi la lista Tsipras va bene

venerdì, 7 marzo 2014

La lista Tsipras potrebbe riportare la sinistra in Parlamento in maniera autonoma. E’ il dato dei primi sondaggi effettuati sulle prossime elezioni europee, che confermano il buon potenziale del nuovo soggetto politico, sostenuto dai partiti a sinistra del PD e da molti esponenti della società civile. Secondo PollWatch2014, un sito che aggrega i risultati dei sondaggi effettuati a livello nazionale per le europee, e rielabora i dati delle rilevazioni demoscopiche nazionali per stimare i seggi all’Europarlamento, la lista Tsipras sarà in grado di entrare all’Assemblea di Strasburgo. PollWatch stima possibile il raggiungimento di cinque seggi all’Europarlamento, un risultato che riporterebbe la sinistra radicale italiana all’assemblea di Strasburgo dopo l’esclusione del 2009. Cinque anni fa Sel e le liste comuniste ottennero insieme circa il 6% – la soglia di sbarramento è al 4% – ma la loro divisione le escluse. Come riporta il sito Giornalettismo in un articolo scritto da Donato De Sena, la lista Tsipras viaggia al momento su un media del 6,2%. Un dato ancora molto prematuro, visto che si basa solo su due sondaggi, effettuati dagli istituti Ixé e Scenari Politici, ma che concede buone speranze ai sostenitori del nuovo soggetto politico che sostiene la candidatura del leader di Syriza alla Commissione europea.

16 Commenti

  1. Peru · sabato, 8 marzo 2014, 4:24 pm

    Non facciamo sapere a razzisti Nazisti, Fascisti, Leghisti, ecc…
    che anche loro derivano da individui africani di pelle nera

    altrimenti si sucidano immediatamente,

    con enorme beneficio per le persone civili!!!!!

  2. Peru · sabato, 8 marzo 2014, 11:40 am

    Se esistesse veramente la tanto idiotamente vantata “Meritocrazia aristocratica” di Specie, Classe, Casta, Etnia, Nazione, Regione, Individuo, ecc…,
    per le diverse capacità di Specie, Classe, Casta, Etnia, Nazione, Regione, Individuo, ecc…,
    che non che non sono altro che totalmente immeritata conseguenza dei totalmente immeritati condizionamenti ambientali,
    dal totalmente immeritato DNA
    al totalmente immeritato ambiente di nascita e crescita,

    non avrebbe avuto alcun senso

    abbattere le classi sociali di

    Padroni di schiavi, Feudatari, Monarchi assoluti-Nobili-Cleronobili, ecc…,

    nonché il futuro abbattimento della Borghesia Capitalista,

    che sarebbero quindi

    tutti perfettamente “Meritevoli”

    dei loro più infami privilegi,

    con cui hanno sempre sfruttato

    gli ignoranti Schiavi, Servi della gleba, Borghesia, Proletariato,

    finché questi non hanno capito che,

    anziché benefattori,

    essi non erano altro che totalmente inutili parassiti

    come il Falsobilancista, Evasore,

    Puttaniere di minorenni,

    Corruttore di parlamentari e privati,

    Bancarottiere degli Italiani nel 2011,

    ecc…ecc…,

    Berlusconi “GhePensiMì-AFregàTi”,

    “MenoMaleCheSilvioC’é-AMetterteloNelSerapapiè”!!!!!

  3. In Onore di Don Timossi · venerdì, 7 marzo 2014, 7:01 pm

    La VERITA’ SU PIAZZA ALIMONDA, raccontata dal prete che per primo si e’ inginocchiato vicino al corpo di Giuliani

    GENOVA — Fiori e biglietti lasciati in ricordo di Carlo Giuliani ricoprono la cancellata all’angolo della chiesa. Su uno striscione: «Carlo vive». «Retorica. Anzi peggio, la manifestazione dell’anniversario mi sembra una provocazione». Don Giovanni Timossi, parroco della chiesa di piazza Alimonda, capelli bianchi ma energico, parla a voce bassa nella sacrestia ma non esprime pareri da pretino pavido. Rifiuta il conformismo ufficiale. Rifiuta la santificazione di Carlo.
    Accusa: «La verità è che quel povero ragazzo l’avevano imbottito di odio».
    «Non c’è un solo motivo perché si faccia questa manifestazione. La verità è evidente di per sé — riprende don Giovanni — La verità è nei fatti per come si sono svolti non nella loro interpretazione e la verità è che ci fu violenza».
    Da parte di chi?
    «Io c’ero e ho visto come si sono svolti i fatti. La città era in mano ai rivoltosi. La zona rossa, dove si svolgeva il G8 era iperprotetta ma la città no».
    Perché anniversario all’insegna della retorica?
    «Perché c’è il vuoto e invece di commemorare bisognerebbe cambiare. Invece si continua a iniettare odio. Vada a vedere le scritte sui muri della chiesa. In qualche caso sono dovuto intervenire io perché fossero cancellate».
    In quale caso?
    «Ce n’era una che diceva: Carlo Giuliani ucciso dai carabinieri mentre difendeva un corteo dalle volenze della polizia. L’ho fatta coprire. Ecco, quella era la verità ideologica, la verità di parte».
    E la sua qual è?
    «Provo un grande dolore per la morte di quel ragazzo ma non si può ignorare che stesse facendo un atto di violenza. Purtroppo ha pagato un prezzo troppo alto e sproporzionato. E detto questo, che c’entra tornare qui? Per fare che cosa?».
    Secondo lei?
    «E’ una manifestazione che serve solo a una parte politica. Farei meglio a stare zitto. Ma lo sa quello che penso? Io penso che quel ragazzo era là perché era stato imbottito di odio. Ecco le vere responsabilità. Perciò dico: non facciamone un eroe».
    Quando parla di retorica che nasce dal vuoto intende vuoto morale o politico?
    «Intendo vuoto di pensiero. Contestano la globalizzazione. Ma dimenticano che i Paesi del G8 rappresantano milioni di uomini. E’ vero che ci sono le ingiustizie da combattere e difetti gravissimi ma questo è il mondo che esiste. Comunque questo è solo il mio pensiero».
    Quanti sono contrari alla manifestazione di oggi?
    «La gran parte dei genovesi, e quando dico gran parte intendo dire il 99 per cento».
    Che dicono i suoi parrocchiani?
    «Mi rimproverano di non aver fatto togliere tutte quelle cose dalla cancellata. Hanno fatto tante petizioni ma io finora ho tollerato».
    Qualcuno le ha chiesto di lasciare tutto com’è?
    «No, nessuno. Di notte varie volte hanno incendiato quelle magliette, fiori, biglietti. Tanto che ho scritto al questore e al prefetto per segnalare che c’è un pericolo di incendio perché lì c’è l’archivio della chiesa».
    Che le hanno risposto?
    «Non mi hanno risposto ma mi hanno fatto dire che la zona è sotto controllo».
    Anche al sindaco si è rivolto?
    «A lui no, perché lui mi ha fatto sapere che quelle cose non intralciano il traffico urbano e che dunque non è una cosa di sua competenza».
    Con chi altri ha parlato?
    «Con il padre di Carlo Giuliani. Gli ho detto che tutte le cose hanno un termine».
    E lui?
    «Passata questa commemorazione ne riparleremo».
    Che ne pensa della proposta di cambiare il nome alla piazza?
    «La gente è contraria. Sarebbe una bravata».
    E quell’altarino quando lo smonterà?
    «Io sono solo e voglio continuare ad avere una posizione equilibrata. Poi sa bene chi c’è dietro queste storie, no? I centri sociali».

    DISINTRUPPATEVI RAGAZZI.
    NON MANDATE IL CERVELLO ALL’AMMASSO

    • In Onore di Don Timossi · venerdì, 7 marzo 2014, 7:05 pm

      QUESTO ARTICOLO CHE RIPORTO E’DEL 2002 MA PERFETTAMENTE ATTUALE.

      DITEMI PERCHE’ DOVREMMO VOTARE UN PAZZO SCATENATO COME CASARINI O IL SUO COMPAGNO DI DISTRUZIONI TSIPRAS.

      Grazie dell’attenzione.

  4. romano · venerdì, 7 marzo 2014, 5:31 pm

    Ma come?Scrivete ogni giorno che il M5S perde consensi e quando riportate i sondaggi dovete scrivere che e’ sempre stazionario al 24%?

  5. Erminia Federico · venerdì, 7 marzo 2014, 4:31 pm

    …e fu cosi che vinsero ancora i conservatori….che idiozia dividersi in mille rivoli…non riuscire a fare sintesi ed unire tutte le forze progressiste anche in Europa….

  6. alice · venerdì, 7 marzo 2014, 4:04 pm

    gli ingroiani delusi ce la metteranno tutta per rifarsi una faccia

  7. Gabriele · venerdì, 7 marzo 2014, 3:34 pm

    Sono contento e spero che prenda anche di più del 6%…..Certo però che in piena crisi economica uno si aspetterebbe percentuali molto più alte (anche se ipotetiche)…. e non capisco perchè la sinistra non riesce a convincere le persone che magari non c’hanno una lira, ma continuano a votare alla ca**o…..

    • Gabriele · venerdì, 7 marzo 2014, 3:34 pm

      di cane

      • mariassunta · venerdì, 7 marzo 2014, 4:17 pm

        caro Gabriele forse le persone hanno perso fiducia !che dire di tutto quello che è successo negli ultimi tempi ?mi piace l’idea di questo nuovo partito e spero che arrivi almeno al 10%!

  8. peggio di Hitler · venerdì, 7 marzo 2014, 3:26 pm

    Ucraina, il leader ultranazionalista , neo-nazista nonchè terrorista Yarosh si candiderà alle presidenziali
    http://cdn.ruvr.ru/2014/03/07/1503019836/14f64818b4c1405c68b6c2de1d9730-1.jpg
    Dmitry Yarosh, il leader del movimento ultranazionalista ucraino Settore Destro (in ucraino Pravyi Sektor), su cui pende un mandato d’arresto internazionale, si candiderà alle prossime presidenziali dell’Ucraina, fanno sapere i suoi sostenitori. In precedenza Yarosh aveva chiesto pubblicamente aiuto al terrorista islamico del Caucaso Doku Umarov, associato alla rete di Al Qaeda. Ieri i media avevano riferito che il primo ministro in carica dell’Ucraina Aseniy Yatsenyuk aveva sollevato dall’incarico 3 vice ministri della Difesa, per il fatto che si erano opposti alla proposta di concedere agli attivisti di Settore Destro lo status di regolare unità paramilitare del Paese.

    • VIVA L'EUROPA UNITA NEO-NAZISTA · venerdì, 7 marzo 2014, 3:33 pm

      E vai!!!! VIVA il 4to Reich!!!!!! Forza Bruxelles, forza Obama, forza Israele, forza Nato, forza BCE , forza PD!!! Sosteniamo Yarosh , piace il suo simbolo, mi fa venir in mente la gloriosa SVASTICA !!!!!! In confronto a questo grande uomo, ALBA DORADA e JOBBIK, son nulla!!!
      VIVA L’EUROPA UNITA NEO-NAZISTA!!!!!

      • VIVA L'EUROPA UNITA NEO-NAZISTA · venerdì, 7 marzo 2014, 3:37 pm

        Mi vanto di votare sempre il PD, in quanto è piu di destra dello stesso MUSSOLINI!!!
        Per questo voglio un’Europa FORTE, tutti appesi al collo dall’Euro, ma quale miglior invenzione per soggiogare i popoli!!!!! Ben venuta UCRAINA nel clan neo-nazista!! Dai Gad, facci sapere……, tu che sei un vero anti-russo, !!!! Putin, fuori dai koions!!

  9. fiorenza · venerdì, 7 marzo 2014, 3:00 pm

    Ottimo, basta che Casarini continui a fare l’impiegato e non ci saranno problemi.

    • Iacopo B. · venerdì, 7 marzo 2014, 3:11 pm

      Un modo per non far eleggere Casarini ce lo hai. Vota la lista L’altra Europa e mette le preferenze a altri tre candidati che NON siano Casarini. ;)

      • dimenticata · venerdì, 7 marzo 2014, 10:38 pm

        Moni Ovadia ha già detto che, se verrà eletto, rinuncerà.
        Quindi chi se lo vota?

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.