Dio li fa e poi li accoppia: Salvini incontrerà Donald Trump

giovedì, 28 gennaio 2016

Matteo Salvini incontrerà Donald Trump. Lo annuncia il “Giornale” di giovedì 28 gennaio 2016, in un articolo firmato da Francesco Mario Del Vigo. Il quotidiano di Sallusti indica come possibile luogo dell’incontro le città di New York e Philadelphia, che il leader leghista visiterà domenica e lunedì prossimi. La foto della riunione tra la felpa di Salvini e la chioma di Trump, a loro modo tratti caratteristici di questi due leader politici della destra anti migranti, potrebbe già essere diffusa a partire dal prossimo fine settimana. Uno scenario non così credibile, visto che il 1° febbraio si svolgeranno i caucus dell’Iowa, e Donald Trump sarà impegnato per vincere, come potrebbe secondo i sondaggi, la prima consultazione delle primarie repubblicane. Più probabile invece un incontro nelle prossime settimane, magari in giorni non a ridossa di una primaria combattuta. Il “Giornale” certifica comunque la decisione di Salvini di farsi vedere con il miliardario del Gop, per sfruttarne la popolarità e la rilevanza mediatica. Il leader leghista chiuderebbe così il cerchio dei suoi punti di riferimenti esteri: Marine Le Pen , e Vladimir Putin, in Europa, e Donald Trump negli Stati Uniti. Tre leader molto diversi tra loro, ma l’eclettismo nei rapporti internazionali sembra tracciare una linea di continuità tra Salvini e Berlusconi, amico di Bush, Putin e Gheddafi. Il segretario della Lega Nord aveva espresso più volte la sua ammirazione per il miliardario repubblicano, definito un “personaggio eroico e colorito. Siamo sulla stessa lunghezza d’onda per alcune battaglie. Abbiamo ideali comuni”. Una dichiarazione che per “Il Giornale” equivale a un biglietto prenotato per la sede della Trump Organization, un modo per Salvini per legittimarsi all’estero e provare a uscire dall’attuale situazione di stallo. Dopo il brillante risultato delle amministrative 2015 la Lega Nord sembra aver fermato la sua ascesa nei sondaggi, e la leadership sul centrodestra di Matteo Salvini è ostacolata dalle perplessità di Silvio Berlusconi. L’incontro con Trump potrebbe fornire una spinta al segretario del Carroccio, sopratutto se come sembra al momento  il miliardario conquisterà la nomination repubblicana. Donald Trump ha posizioni comparabili con quelle di Matteo Salvini, al netto delle notevoli differenza tra Usa e Italia. Entrambi hanno basato una parte rilevante del loro messaggio sul contrasto durissimo all’immigrazione, caratterizzato da un contrasto all’Islam e da una difesa della sovranità nazionale tipica dei decenni passati. Sia Salvini che Trump sono difensori del Welfare State e avversari della globalizzazione, seppur con posizioni diverse, proponendo un corso diverso rispetto al liberismo della destra reaganiana, a cui a parole si ispirava anche Silvio Berlusconi.

49 Commenti

  1. Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:43 pm

    Senti quattro Pink alleati di
    Kulatte
    Lesbiche
    Trans
    Ladri
    Mafiosi
    Servì tassatori
    Dare lezioni di vita.
    Vanna Marchi in paragone è una regina!
    SALVINI PREMIER

    • mary · giovedì, 28 gennaio 2016, 8:45 pm

      presidente?della bocciofila dietro bellerio
      a raccattare….

    • marco · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:23 am

      SALVINI FOR PRESIDENT

  2. (IL CODICE DA VINCI) · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:38 pm

    Uno dei mali assoluti del mondo è l’incapacità di confrontarsi con se stesso.

    VI RACCONTO BREVEMENTE UNA PARTE DELLA STORIA DI KRISHNA, DENTRO DI LUI ERA FORTE IL RICHIAMO DI SENTIRSI UN ELETTO, MA TALE VIRTU’ LO TURBAVA, UN GIORNO INCONTRA UN SAGGIO, SI CONFIDA, IL SAGGIO INCORAGGIO DICENDOGLI:

    Perché sei turbato, hai paura del mondo? Dimostra prima a Te Stesso di essere un eletto e il mondo te ne sarà grado.

    Lo esposta così come io la vedo, quello che percepisco è l’universalità dell’io, addio NUOVO MESSIA.

  3. Trump-Putin 2016 · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:22 pm

    ..una difesa della sovranità nazionale tipica dei decenni passati. Sia Salvini che Trump sono difensori del Welfare State e avversari della globalizzazione..

    Ha parlato uno che è cittadino del mondo, uno che dell’Italia gliene frega sto CZ

    • PD= partito degli assassini · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:25 pm

      Il verme Mollica, cosi come tutti quelli del PD= partito degli assassini preferiscono ancora la dinastia faraonica dei Clinton, quelli che hanno rovinato il mondo intero. Se questo è un uomo….

      • mary · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:59 pm

        ma piantala disturbato mentale
        insetto velenoso che scrive insulti non mettendo il proprio nome,naascosto dietro al tuo velenoso cerebrale maus
        a cuccia
        parli di assassini?pratico personalmente,in tema?

  4. (IL CODICE DA VINCI) · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:18 pm

    Si fanno dei confronti, ma siamo capaci a confrontarci con noi stessi?

  5. (IL CODICE DA VINCI) · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:16 pm

    E’ facile fare gli eroi con le paure altrui.

  6. (IL CODICE DA VINCI) · giovedì, 28 gennaio 2016, 3:15 pm

    Vorrei vedere ognuno di voi con l’Isis alle porte cosa farebbe, sono rimaste nella mia mente le semplici parole di un prete che vive in un villaggio in Irak, sente le cannonate dell’Isis che sono a 15 Km, ha detto semplicemente l’Isis prima o dopo sarà sconfitta, i tempi dipendono dalle grandi potenze, io aggiungo che dipende anche dalla vendita delle armi. L’occidente crea e poi respinge, non va bene.

  7. jules.b · giovedì, 28 gennaio 2016, 2:44 pm

    fummo · giovedì, 28 gennaio 2016, 12:08 pm

    Se hai qualche opinione… manifestala.
    Altrimenti sei la solità nullità che nemmeno un nick anonimo riesce a tenere da un giorno all’altro. E campi roso dall’invidia ed obliterato dal padrone: peggio di una vacca d’allevamento.

    • marco · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:26 am

      tutto bene ieri sera al centro sociale?
      fumato pesante?

  8. Hillary Clito · giovedì, 28 gennaio 2016, 2:19 pm

    Molto meglio D. Trump che la fetida criminale, cornuta e putrefatta Clintoride, detta anche Hillary Clito

    • ma va? · giovedì, 28 gennaio 2016, 2:48 pm

      Apparte che alla Hillary Rhodam il cognome del marito è una barzelletta:

      William Jefferson “Bill” Clinton, nato con il nome di William Jefferson Blythe III, Clinton è il cognome della madre da sposata in seconde nozze , pare che il cognome del padre – Jefferson – al Bill Clitor le faccia schifo, in effetti sua madre, che a sua volta si chiamava Virginia Dell Cassidy era la IV moglie del padre naturale, che a sua volta si chiamava William Jefferson Blythe, Jr.. Il cognome Clinton, lo prende dal sua padre adottivo Roger Clinton, secondo marito della madre.

      • pensieri · giovedì, 28 gennaio 2016, 2:58 pm

        Certo che cambiare il cognome negli USA è come cambiare le mutande, come fanno quasi tutti gli ebrei. A proposito:
        il padre adottivo del Bill, il Roger Clinton, era una alcoolista che pistava di botte la madre, incarcerato piu volte, insomma, una ottima famiglia, il Bill deve essere orgoglioso di portare quel cognome / Clinton al posto di quello vero Jefferson…..

  9. dammanatio memorae · giovedì, 28 gennaio 2016, 2:12 pm

    Negli anni della guerra su Leningrado caddero più di 2000 bombe, ma i nemici più grandi erano il freddo e la fame. D’inverno la città sembrava morta. La gente moriva, uccisa dal freddo o stroncata dalla fame. Nelle case non c’era acqua, per scaldarsi almeno un po’ si bruciavano libri e tutto quanto poteva bruciare. La situazione degli abitanti era disperata. Durante gli anni dell’assedio Leningrado perse circa 1 milione di abitanti. La razione giornaliera era di soli 125 grammi di pane. La gente moriva nelle strade, la morte era diventata ormai tanto banale da non far più paura a nessuno. Eppure, gli abitanti cercavano di aiutare l’esercito. Per salvare i soldati feriti gli abitanti di Leningrado donarono 144 000 litri di sangue.

  10. vostrodemos · giovedì, 28 gennaio 2016, 1:51 pm

    Più che pensare a chi accoppia Dio
    penso a chi ha accoppiato il demonio
    da oltre due secoli …

  11. Lady Dodi · giovedì, 28 gennaio 2016, 12:26 pm

    Io ve lo dico poi vedete voi: la Lega avrà il 90 per cento dei voti appena si aprono le urne.

  12. bruno d · giovedì, 28 gennaio 2016, 12:01 pm

    8
    INTERNI
    ANDREA MOLLICA
    Dio li fa e poi li accoppa: Salvini incontrerà Donald Trump
    ——————————————-
    Giusto, vedo che sei un fautore dell’accoppamento,
    bruavo; il mondo è bello perché è avariato.

  13. fummo · giovedì, 28 gennaio 2016, 11:58 am

    Bravo Salvini, e bravo Trump naturalmente.

  14. Un vecchietto · giovedì, 28 gennaio 2016, 11:05 am

    Mollica:
    Amate l’Islam!
    Non osate a respingerlo.

  15. pinky700 · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:38 am

    Bombolomacchiettasalvini è coerente con lo skifo che il suo partito ha combinato negli ultimi 20 anni.

    Donald Trump prenderà lezioni su come si sfascia un paese.Se gli spiega come funziona in Italia il reato di clandestinità e la Bossi-Fini persino quel caprone di Trump lo manderebbe a kagare

    • fummo · giovedì, 28 gennaio 2016, 12:08 pm

      Ecco uno una spanna avanti a tutti. E poco sotto ne abbiamo un altro ancora più avanti

  16. Lady Dodi · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:35 am

    Chi è il leader di Sinistra Italiana? DA CHI E’ RICEVUTO LUI?

  17. Quattro · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:27 am

    Salvini suona la Tromba.

    Mossa Lungimirante
    quella di Salvini.
    Vi immaginate
    Trumo Presidente USA?
    Sakvini diventerà
    il Referente di Trump
    e magari PdC Italiano

    Urca
    se ne vedranno delle Brutte!

    • bruno d · giovedì, 28 gennaio 2016, 12:07 pm

      Veramente, la Maria, suona il PIANO, Slavini eventualmente, la TROMBA.

  18. Lady Dodi · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:26 am

    E’ tutta invidia. Non so cosa dareste Sinistroidi per essere ricevuti da Trump!
    Grandissimo successo di Salvini: incontrerà il probabilissimo futuro Presidente Usa.
    E il PD NO!

  19. jules.b · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:23 am

    Chissà cosa vedrà un pirla che si specchia in una pozzanghera di merxa?
    Speriamo queste alleanze proseguano rapide e con successo, così (forse) si comincerà a divertirsi.

  20. Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · giovedì, 28 gennaio 2016, 10:09 am

    Il maldestro tentativo di dipingere Salvini come uno che è spregevole anche per le sue frequentazioni:
    PUTIN
    TRUMP
    LE PEN
    Patakkino, le cose sono leggermente diverse.
    Uno si allea con chi ha una visione simile del progetto umano.
    Non è la stessa cosa pensare di invadere un paese per poi chiudere, al nord Europa le frontiere.
    Lì prendiamo tutti noi?
    È realistico?
    È saggio?
    Può funzionare?
    Ecco le risposte vengono da sole la gente sa che non è così.
    Forse anche Renzo si sta rendendo conto.
    Schengen sta, di fatto, saltando.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.