Ci vuole una bella faccia tosta per lamentarsi che Pisapia non resti neutrale

venerdì, 29 gennaio 2016

 

Ieri sera Giuliano Pisapia ha ufficializzato il suo appoggio alla vicesindaca Francesca Balzani nelle primarie del centrosinistra milanese del 6-7 febbraio. Domani al teatro Elfo Puccini racconterà il perché della sua scelta, insieme a Stefano Boeri e Valerio Onida, cioè i suoi sfidanti di cinque anni fa, adesso uniti nel sostegno alla Balzani come felice sviluppo del laboratorio politico milanese.
Se andate a vedere chi sono gli scafati navigatori politici milanesi che subito si sono lamentati perché il sindaco espresso per l’appunto una posizione politica, sono proprio gli stessi che Pisapia non lo volevano neanche nel 2011. Troppo autonomo, conoscitore dei meccanismi del potere ma esterno alle convenienze dell’establishement. Prima lo snobbarono, poi fecero di tutto per sconfiggerlo nelle primarie, poi si adeguarono. Ma non vedono l’ora di voltare pagina rispetto all’”epoca arancione”, una stagione di indipendenza dalle logiche d’apparato da cui dipendono le loro carriere. Il fastidio che lasciano trapelare nei confronti di Francesca Balzani, e l’insistenza con cui la descrivono come un “corpo estraneo”, replicano esattamente l’ostilità con cui cercarono di sbarrare il passo a Pisapia.
È davvero singolare l’accusa rivolta adesso al sindaco di aver mancato la parola data, dichiarando per chi voterà alle primarie. Ma quale parola? Ne trovino solo una che alludesse a un’impensabile neutralità di Pisapia. Dopo aver lavorato con fatica affinché le primarie si tenessero, dopo aver manifestato l’impegno a tenere vivo uno schieramento unitario civico e di centrosinistra, davvero qualcuno pensava che il sindaco avesse smesso di essere anche un politico appassionato.
Leggo che il mio amico Pietro Bussolati, segretario milanese del Pd, lamenta di essere rimasto solo a fare l’arbitro. Ma va là, Pietro. Le primarie hanno un comitato di garanti e non hanno bisogno di nessun arbitro. Pure noi componenti del Comitato degli 11 che ha redatto la Carta dei Valori, svolta la nostra funzione, di comune accordo abbiamo ovviamente stabilito la piena libertà per ciascuno di esprimersi. Il nostro coordinatore, Mario Rodriguez, sta facendo campagna per Sala. Io e altri abbiamo firmato l’appello pro-Balzani. Ora tocca al sindaco, come si usa in democrazia. Perché lamentarsene, a chi dovrebbe far paura?

51 Commenti

  1. COOPERATIVE ROSSE SEMPRE IMBROGLI, TOSCANA · sabato, 30 gennaio 2016, 12:14 am

    Scandicci,(Firenze FI) 500 case popolari vendute a prezzo maggiorato. Comune vuole penale e cittadini i soldi. Ma la coop è in crisi

    Gli alloggi sono stati venduti alle famiglie con sovrapprezzo fino a 100mila euro oltre i costi pattuiti con l’amministrazione.

    Il sindaco chiede 15 milioni di euro all’azienda che però è ricorsa al Consiglio di Stato.
    E i cittadini vedono a rischio i 9 milioni prestati alla ditta.
    M5s: “Il primo cittadino si è mosso in ritardo, mozione di sfiducia”. Lui: “Ci siamo mossi correttamente”
    di Gianni Rosini | 29 gennaio 2016

    Alloggi popolari venduti anche a 100mila euro sopra i prezzi pattuiti, una penale da 15 milioni di euro che rischia di non essere riscossa dall’amministrazione comunale e centinaia di cittadini che potrebbero perdere i propri risparmi. La vicenda che riguarda la vendita irregolare di 500 alloggi popolari nel Comune di Scandicci, in provincia di Firenze, da parte della Cooperativa Unica attende la decisione del Consiglio di Stato, ma le famiglie che hanno acquistato le abitazioni sovrapprezzo e i cittadini che hanno prestato alla cooperativa 9,6 milioni di euro rischiano di perdere i propri soldi.

    Il Movimento 5 Stelle ha per questo depositato una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Sandro Fallani (Pd) che, però, si dice tranquillo:

    La vicenda ha inizio nel 2008, quando Comune e cooperativa firmano una convenzione per la costruzione di 500 nuovi alloggi Peep (Piano di edilizia economica popolare). La SOC.COOPERATIVA (Comunista) ha così la possibilità di effettuare i lavori senza doversi fare carico degli oneri concessori, ma si impegna a rivendere gli immobili a prezzi che non superino i limiti stabiliti dall’accordo. È solo dopo due anni, nel 2010, con la segnalazione di un cittadino, che si viene a conoscenza di vendite a prezzi molto più alti, anche oltre i 100mila euro di differenza. “Una situazione – dice il consigliere comunale M5s Valerio Bencini – venuta a galla solo grazie alle proteste di un privato cittadino, segno che non c’è stato alcun controllo da parte dell’amministrazione comunale”. Inoltre, racconta Bencini, “il Comune non ha immediatamente avvertito i cittadini e le vendite a prezzi gonfiati sono continuate anche nei mesi successivi”.

    Accertamenti che, riporta il consigliere del M5S, sono durati due anni. Così, a fine 2011, arrivano le prime sanzioni: 15 milioni di penali, il doppio rispetto ai 7,5 milioni in eccesso che la cooperativa avrebbe ottenuto grazie all’aumento dei prezzi. Le penali, però, diventeranno esecutive solo nel 2014 quando, dopo il ricorso al Tar da parte della società costruttrice, il tribunale amministrativo riconosce la violazione degli accordi da parte della Coop Unica e ordina al Comune di calcolare le sanzioni secondo i criteri stabiliti dal tribunale. Quando l’amministrazione presenta il conto alla cooperativa, però, un nuovo ricorso: “Il Comune – continua Bencini – ha effettuato i calcoli senza seguire le indicazioni del Tar, così da invalidare la procedura”. “Certo – ribatte il sindaco Fallani -, chiunque nei panni dell’avvocato della cooperativa avrebbe fatto ricorso. Vediamo cosa decide il Consiglio di Stato, ma noi siamo tranquilli”.

    Ai problemi legati al pagamento delle penali, però, se ne aggiungono altri. Dopo la prima sentenza del Tar, la società viene messa in liquidazione.

    Una situazione che mette a rischio anche i 9,6 milioni di euro che Unica aveva ottenuto sotto forma di prestito sociale.

    Oltre a coloro che hanno acquistato una casa con prezzi superiori al valore stabilito – conclude Bencini – questa situazione penalizza anche chi ha prestato soldi alla cooperativa”.

    • COOPERATIVE ROSSE SEMPRE IMBROGLI, TOSCANA · sabato, 30 gennaio 2016, 12:20 am

      La COOPERATIVA UNICA con sede a FIRENZE ha chiuso con bonuscite milionarie per i capi della BANDA.
      I Fessi che hanno prestato soldi alla Cooperatiiva Unica, Comunista DOC, non li rivedranno MAI.

  2. picodepaperis · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:59 pm
    • senza nome · sabato, 30 gennaio 2016, 2:00 am

      Da condividere in toto!
      Però il Popolo è pecora e andrà dove i Potenti la condurrà, e visto l’ andazzo, non ci sono speranze!

  3. e già... · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:52 pm

    L’umanità derubricata a zootecnia d’allevamento industriale , come suini e bovini, dietro l’apparenza dell’emancipazione

    In questo panorama zoologico, fatto di uteri in affitto – inevitabilmente di giovani donne povere – per “covare” le ovaie delle signore borghesi , lesbiche e non , fecondati con gli esiti di masturbazioni di pseudo padri venditori di seme , o di invertiti desiderosi di progenie, davvero non stupisce che si inventino nuove parole , formule “pret-a-porter” , per distrarre, stupire, sviare, rendere normale ciò che normale non è .

  4. candide · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:42 pm

    La Balzani fa capire perché la sinistra ormai attrae solo la borghesia snob, quella che vive nei boschi verticali, che ha orrore delle persone normali, dei normali problemi di sopravvivenza. Quella che ironizza sulla piccola borghesia impoverita come si ironizzava negli anni settanta, quando nei licei i figli di papà di sinistra, dopo l’assemblea, si davano l’appuntamento a Cervinia . Come la Rebecca , che non vuole che gli operai siano proprietari di casa e facciano studiare i figli , non è romantico! Poverelli , regagliamogli il biglietto del tram!

    • rebecca · sabato, 30 gennaio 2016, 12:35 am

      Ti piacerebbe eh, povera sfigatella borghesuccia vivere nel bosco verticale! E invece te ne stai con la bava a leccare l’asfalto invelenita dall’ inadeguatezza che ti ha portato a vivere una vita grigia, manco sei riuscita a sposarti con l’uomo “giusto” uno come quello che gonfiava le tette alle sue escort prima di piazzarle nell’appartamentino in periferia. Piccola cocca livorosa che aspetti il bus per 40 minuti, magari con la pelliccetta di ritagli di visone ereditata dalla suocera; ma non è stata grama la vita con te, sei tu in realtà che abusando della frustrazione tecnologica ti rotoli nella piccineria di chi non ha altri argomenti che sputare nel piatto degli altri, mentre lecchi la mano del tuo padrone.
      Piccola cieca sciocca, massì, il blog ti da diritto di parola, e che parola: un gorgoglio indistinto fra i tanti…

      • candide · sabato, 30 gennaio 2016, 8:48 am

        Tso Tso!

    • rebecca · sabato, 30 gennaio 2016, 1:00 am

      Ah, dimenticavo: la dottorezza Balzani non fa pilates, corre come lei stessa ha raccontato.
      Dici che i radicali vegani che vestono scic e mangiano il caviale vivono nel bosco verticale e fanno pilates? Ma se un radicale fosse carnivoro e vivesse nella reggia di Caserta? O se vivesse nella villa pinco pallo e mangiasse solo pollo fritto vestisse grunge e bevesse barbera? Ma se per caso preferisse le trenette al pesto?
      Ah, dici che non è di moda e non si può parlarne con livore? Oh e quindi bisogna assolutamente fare una bella inchiesta e vedere se questa discriminante del pilates possa nuocere a qualche impiegata sovrappeso la quale porella vive al Giambellino ma riesce a permetterselo, cià pure la macchina e la casa e fa studiare i figli anche se il marito non fa l’operaio! Che brutta cosa: suo marito non fa l’operaio, e lei fa il pilates…e magari va in bicicletta che snob ti rendi conto, in bicicletta!!!

      • candide · sabato, 30 gennaio 2016, 8:54 am

        Tso Tso Tso

  5. candide · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:18 pm

    Dov ‘è la citrulla che crede che sia di sinistra non far pagare l’autobus alle sciure che alle 9 a.m. fanno yoga o pilates ? È questo l’elettorato della Balzani ? Mamma mia!
    Ma chi vi vota! Dove abitate? Nel bosco verticale?

  6. rebocca · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:59 pm

    notizia di oggi il tabaccaio che uccise uno dei 3 moldavi che gli svaligiarono la tabaccheria al solito accusato di eccesso di legittima difesa,2anni e 8 mesi senza condizionale.. + 353mila euro di risarcimento alla famiglia..
    che ha gridato ”giustizia è fatta”ovviamente non per i 2 anni ma per i 350mila euro..che si papperanno ..

    i giudici hanno deciso in pochi minuti in camera di consiglio..
    questo fa capire che i giudici hanno un piano chiaro in mente e lo seguono rapidamente ie senza intoppi…
    e come essi prima ancora dei politici (che cmq fanno le leggi che poi i giudici interpretrano sempre contro le vittime italiane ed a favore dei carnefici clandestini)e come essi siano l’ingranaggio decisivo del NWO ed al loro piano di sostituzione etnica della popolazione europea con quella dei paesi africani,arabi,del terzomondo(vedi sudamerica),dei paesi dell’est..
    tutti paesi dove il NWO(ed in particolare il loro braccio armato USA-NATO-CIA etc..)hanno deposto governi eletti in favore di governi a loro vicini che portassero povertà a molti e ricchezza a pochi ossia imponessero le regole,o meglio l’assenza di regole,proprio dei sistemi iperliberisti..
    dove l’unico libero è il ricco ed il potente,il resto sono schiavi…
    o finanziato rivoluzioni colorate,stragi ,attentati etc..
    tutta questa gente abituata a subire violenza ed ad usarla prima per difendersi poi per prevaricare viene riversata in UE ed in particolare in Italia..
    dove ovvio i primi sostenitori del NWO ,il PD,li accoglie e li protegge,gli dà scuola ,sanità,asili,case popolari con tanto di utenze pagate,sgravi e detrazioni che gli italiani si sognano,sussidi e se clandestini spendono per loro 1300al mese..senza contare i ricongiungimenti anche con i loro parenti che mai hanno messo piede in Italia che si trovano 650 euro di pensione senza mai averne versato uno,senza mai essere stati in Italia…
    queste pensioni assommano ad oggi a quasi 15miliardi di euro…che vengono tolti dalla circolazione,150miliardi in 10anni che vanno ad arricchire i paesi distrutti dall’elite coloniale del NWO e che oggi il popolo deve ripagare ,infatti la carenza di moneta circolante per questo motivo,peggiora di parecchio la attuale deflazione(che di per se è appunto assenza di moneta circolante rispetto al PIL prodotto,l’inflazione è invece il contrario,surplus di moneta rispetto al PIL prodotto)

    difronte ad un piano che usa i mezzi più coercitivi dello stato
    dalla politica alla magistratura ai loro organi esecutivi come forze dell’ordine e agenzia delle entrate per attuare quel piano,diventa veramente difficile difendersi…

    e siccome se uno è gioiellieri o tabaccaio sa che prima o poi qualche clandestino-extracomunitario verrà a fargli visita e quindi logico si debba armare per non rischiare di essere a sua volta eliminato
    ma per difendersi dalla magistratura policitizzata dal NWO
    non rimane che intestare tutti gli averi o ad un figlio o alla moglie,senza comunione dei beni..
    in modo che almeno i predoni sappiano che rischiano la vita e che cmq non avranno nessun risarcimento…
    mentre oggi sanno che la maggior parte delle loro prede sono disarmate (perchè PD e magistratura ogni giorno premono affinchè si punisca chi reagisce con le armi!)e che quindi non rischiano di essere feriti..e hanno bottino facile..
    e se qualcuno che non si è spaventato di PD e magistratura si arma,male che va la sua famiglia avrà tutti i beni della preda..

    Riguardo alle statistiche che dicono che se si è armati si rischia di più è completamente falsa..
    e viene immessa nei media da quelli del PD proprio per convincere gli italiani a farsi saccheggiare e poi sostituire etnicamente ,senza reagire..

    basta leggere i media,quando si è armati si riesce a proteggersi e mettere in fuga i ladri,ovviamente il rischio si alza nei confronti della magistratura che poi condanna a pene e risarcimenti!Quando si citano gli USA come esempio di paese dove ci sono molte armi ma molti omicidi non si dispone della prova contraria..
    ossia che se chi viene derubato non avesse armi si avrebbero meno omicidi..
    ed inoltre è anche normale che gli omicidi non calino
    in quanto il gioielliere che si difende ed uccide causa un omicidio che ingrossa le statistiche..
    cioè ammettendo che da armati i morti non scendano,in quanto sostengono quelli del PD ,le armi non sono un deterrente tuttavia è sicuro che aumentano i morti almeno tra i predoni…
    ma la statistica non distingue prede e predoni…
    se infatti immaginiamo ci siano 50 prede disarmate e 50predoni..
    il rischio di morte dei predoni è zero il rischio di morte delle prede
    è secondo le statistiche del 20% negli USA e del 10% in Italia..
    quello dei feriti è circa lo stesso e si aggira sul 50%
    quindi in questo caso ci sarebbero 10 morti tutti tra le prede..
    e 25feriti tutte tra le prede..
    di fatto i predoni se la caverebbero liscia(specie in Italia,negli USA poi devono vedersela coi poliziotti che ammazzano senza pensarci due volte e con la giustizia che è implacabile fino alla pena di morte)

    se invece immaginiamo che le 50 prede siano tutte armate e come dovuto per legge abbiano anche imparato a sparare(al poligono)
    ecco che quantomeno iniziano ad esserci vittime anche tra i predoni..
    negli USA dove si può sparare ,funziona a chi spara prima..
    come nel west..
    da noi se spari prima finisci dentro purtroppo devi attendere che ti sparino..
    un pò come per la polizia..

    ma la statistica tra il primo e secondo caso..
    ossia prede tutte disarmate e prede tutte armate
    registra un aumento di morti e feriti
    quindi conclude ”dove le armi sono diffuse e dove i titolari di negozi siano armati,i morti aumentano”
    e quelli del PD a questa statistica fanno riferimento..
    statistica che invece quantomeno dimostra che i morti aumentano a causa
    dei morti tra i predoni..
    e quindi c’è fa gioire e sostenere la libera detenzione di armi..

    ed assolutamente questa statistica non dimostra che le armi non funzionano da deterrente perchè per far questo ci sarebbe bisogno di avere una condizione nello stesso tempo e parità di altre condizioni il che è quasi impossibile..
    di sicuro l’uso di armi da parte delle prede diminuisce,eliminandoli,il numero di predono e questo di per se è un successo…

    chi dice poi che se il gioielliere è armato poi il predono arriva col bazuka..
    questo non è dimostrato e dimostrabile..
    prima perchè già oggi vanno armati al massimo(ricordo il caso Stacchio
    dove gli zingari erano col giubotto antiproiettile e sparavano col Kalashnikoff arma da guerra tra le più potenti esistenti)
    quindi anche questa argomentazione è falsa..

    quindi tabaccai e gioiellieri(in primis,ma tutta la popolazione in generale)
    devono armarsi (imparare a sparare)e poi intestare tutto a chi non detiene l’arma…casa inclusa(perchè gli amici dei predatori,i magistrati,prendono anche la prima casa,vedi caso di quel robivecchi morto di crepacuore per avere ferito uno zingaro che gli rubava dentro casa,e che al solito i magistrati oltre alla pena avevano dato 153mila di risarcimento non avendoli,casa all’asta!)

    altrimenti meglio vendere l’attività a chi è capace di difenderla..o andar via da questo paese..

    • fru fru · sabato, 30 gennaio 2016, 2:42 am

      Ma se ti fai una sega non godi meglio?

      • bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 3:20 am

        di piùùùùùùù!

  7. francescosocialista · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:27 pm

    Gad non dimenticare che la cosa più importante è che il centrosinistra vinca. Sala offre molte più opportunità da questo punto di vista. Balzani non vincerebbe mai a Milano, è sconosciuta ai più e poi con le proposte che sta facendo…
    Certe operazioni possono essere avventurismi spericolati.

    Guai a rimettere in gioco in virtù di uno snobismo di sinistra la destra volgare che interpreta e strumentalizza i problemi

    • COOPERATIVE ROSSE SEMPRE IMBROGLI, TOSCANA · sabato, 30 gennaio 2016, 12:22 am

      Tra la volgarità e il vizio incallito della sinistra socialista e comuista di imbrogliare truffando e rapinando con le solite cooperative esentasse e per gli allocchi, francamente mi astengo.

  8. bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:57 pm

    Ci vuole una bella faccia tosta per lamentarsi che Pisapia non resti neutrale
    Ci vuole una bella faccia tosta per lamentarsi che Pisapia non resti neutrale
    ———————————-
    Più che altro ci vuole orecchio, ma
    non poco, anzi parecchio.
    https://youtu.be/taOrA_fnpNM

  9. Lady Dodi · venerdì, 29 gennaio 2016, 4:54 pm

    Ma che cattivone Tse’!
    Gli fai anche le pulci?

  10. tsè · venerdì, 29 gennaio 2016, 4:24 pm

    PP.SS:

    ancora una volta vorrei capire chi ha legittimato codesta Carta dei Valori, più che discutibile e che a quel che ho capito non è stata approvata da alcuna istanza democratica

  11. tsè · venerdì, 29 gennaio 2016, 4:23 pm

    Ho capito dove sta il trucco balzano, perchè continua a parlare di mezzi di superficie e non di mezzi di trasporto pubblici: mezzi di superficie gratuiti e (quindi) metropolitana a pagamento.

    Perciò, così disinvoltamente, si può fare.

    Bel modo di far l’esperta di bilanci: il sistema di trasporto è integrato e spesso non c’è alternativa razionale all’usare la metropolitana, le tratte di superficie rindondanti sono state soppresse da mò.

    P.S

    sostenere che Pisapia sia estraneo all’establishment è una presa per i fondelli, ma anche qui c’è il trucco: di presidi di potere ce ne sono molti e lorsignori percepiscono come establishment il territorio altrui mentre il loro specifico modo di godere di rendite gli pare naturale, frutto del loro innegabile carisma.

    come no.

  12. Alex44 · venerdì, 29 gennaio 2016, 4:09 pm

    Evitiamo i piagnistei , per favore !

  13. wilson · venerdì, 29 gennaio 2016, 2:02 pm

    Per una volta sottoscrivo tutto.

    Ognuno appoggi chi crede. Non ho capito solo chi si è lamentato. Chi lo fa sbaglia, e rientrano nella lotta politica anche le critiche strumentali.
    Ove Pisapia non avesse mantenuto la parola poi, e non è così a quanto pare, non se ne fa un caso politico.

  14. pinky700 · venerdì, 29 gennaio 2016, 2:02 pm

    a chi dovrebbe far paura?

    al Partito Unico del Saccheggio.

    il PUS virulento che ammorba questo paese da 30 anni

    • wilson · venerdì, 29 gennaio 2016, 2:22 pm

      Aiuto!

      E con quale partito si candida la Balzani?

      • bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 3:12 am

        Con quello della pagnotta!

    • jules.b · venerdì, 29 gennaio 2016, 2:33 pm

      30 anni?
      Ottimista… diciamo che la data di inizio (della consapevolezza diffusa non certo del ladrocinio come modo di esistenza) la si può datare tranquillamente con un film ampiamente diffuso e godibile come quello di Rosi.
      Or sono 53 anni.

      • pinky700 · venerdì, 29 gennaio 2016, 3:50 pm

        “tutti dentro” di Alberto Sordi

      • pinky700 · venerdì, 29 gennaio 2016, 3:55 pm

        un film che,se ci fai caso,non viene mai riproposto dal sistema televisivo del PUS

  15. rebecca · venerdì, 29 gennaio 2016, 12:11 pm

    Era ora!

  16. Marco Mytwocents · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:20 am

    La politica non è neutralità, non ci crede nemmeno Pigi Battista.

    Detto questo, non sono così sicuro che l’endorsement scontato apporti alla Balzani un surplus di consenso.

    Innanzitutto perché era piuttosto scontato, appunto, ma anche perché rappresenta “continuità” con un’esperienza che negli anni ha perso molto dello slancio che ci si poteva attendere quando si insediò a Palazzo Marino. (Le aspettative erano maggiori)

  17. jules.b · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:04 am

    E’ vero che la Balzani ha prso la residenza a dicembre? Prima dov’era residente?

  18. Salvatore · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:20 am

    C’è niente da aggiungere a una analisi cosi accurata su Pisapia e sulle ragioni che ha piena libertà di prendere una posizione. Nella sua esperienza appena conclusa ha dimostrato distacco alle logiche del potere
    Grande nella sua azione politica.Uomo di grande spessore morale e di eccellenti capacita di amministrare. Dunque il Sindaco uscente ha pieno diritto e il dovere di indicare nel superiore interesse di Milano chi potrà proficuamente sostituirlo

  19. Nino2491 · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:11 am

    Per principio sono contro le primarie fatte in questo modo perchè sostituiscono la vita normale di un partito serio, ma visto che si fanno perchè la maggioranza le accetta, allora vale pana scegliere bene. Sala è sicuramente un buon tecnico ma presenta carenze dal punto di vista politico. Come tecnico andava bene come sindaco a Roma visto che a Roma i problemi sono tecnici prima che politici. Majorino buon candidato ma è divisivo, non aggiunge nulla ma riduca l’era che vota il centro sinistra. Resta la Balzani, che è unitiva e brava non perchè è donna ma perchè ha capacità politiche cha agli altri due candidati mancano.

  20. GIULIO CESARE · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:04 am

    MARKETTA NR. 10

    Amatissimi MAKAKI ROSSI sono certo che nessuno di voi avrà nulla in contrario se sospendiamo per un breve lasso di tempo il termine PATAKKARO e lo sostituiamo con MARKETTARO.

    Lo so che sarebbe più appropriato scrivere PATAKKARO-MARKETTARO, ma il concetto probabilmente sarebbe troppo complicato per le vostre povere testoline e rischierebbe di andarvi in fumo il cervelletto, ci fermiamo quindi a MARKETTARO.

    Tutto ciò premesso voglio sottolineare una frase del MARKETTARO:
    uniti nel sostegno alla Balzani come felice sviluppo del laboratorio politico milanese
    Avete capito BABBEI, Milano è il loro laboratorio per fare le prove di un FELICE (sic) sviluppo -chissà di cosa-, ed i milanesi?

    Quelli sono solo le cavie delle farnetikazioni islamokomuniste.
    Auguri BABBEI.

    Giulio Cesare

    • M.M. · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:49 am

      QUANDO ARRIVI, BRUTO???

    • Cicerone · venerdì, 29 gennaio 2016, 12:46 pm

      Meno male che fra poco arrivano le idi di marzo e la pianti di scrivere cazzate

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.