Il Tweet

venerdì, 29 gennaio 2016

Viaggio a Bruxelles con la sensazione di vivere un passaggio storico infausto: la dissoluzione dell'Europa come probabilità concreta

162 Commenti

  1. tsè · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:07 am

    Espellere tutti coloro che sono entrati senza titolo migliorerà la fiducia nell’unione.

    • jules.b · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:14 am

      Espellerli verso dove?

      • b. i. · venerdì, 29 gennaio 2016, 1:37 pm

        Accogli qualche migrante a casa tua, dai il buon esempio.

      • senza nome · venerdì, 29 gennaio 2016, 5:24 pm

        S. Elena!
        Luogo ameno per un ex Imperatore!

    • cooperante · venerdì, 29 gennaio 2016, 1:30 pm

      non si possono espellere
      bisogna accoglierli in centri sotto la gestione delle coop
      non vorrai lasciare tante famiglie senza uno stipendio
      razzista

  2. ESTERI by Pepito · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:02 am

    E’ inevitabile porsi la domanda: è possibile che non solo la guerra annichilatrice scatenata dalle potenze angloamericane sulla Germania, ma la posteriore satanizzazione del Terzo Reich, abbia avuto come motivo reale il seppellimento nella damnatio memoriae i suoi successi economici?
    E’ la domanda proibita della storia recente. Non la porremmo se non l’avesse adombrata un avversario militare del Terzo Reich: il generale britannico J.F.C. Fuller.
    Scomparso nel 1966, Fuller è considerato il Clausewitz britannico, è noto come il più brillante innovatore della guerra corazzata. Ha combattuto i tedeschi nella prima e nella seconda guerra mondiale. Avversario, ma leale.Nella sua opera principale, Storia militare del mondo occidentale, scrive:

    “La prosperità della finanza internazionale dipende dall’emissione di prestiti ad interesse a nazioni in difficoltà economica. L’economia di Hitler significava la sua rovina. Se gli fosse stato permesso di completarla con successo, altre nazioni avrebbero certo seguito il suo esempio, e sarebbe venuto il momento in cui tutti gli Stati senza riserve auree si sarebbero scambiati beni contro beni (…) prestatori finanziari avrebbero dovuto chiudere bottega.
    Questa pistola finanziaria era puntata alla tempia, in modo particolare, degli Stati Uniti, i quali detenevano il grosso delle riserve auree mondiali, e perché loro sistema di produzione di massa esigeva l’esportazione del 10% circa dei loro prodotti per evitare la disoccupazione”
    .

    Fuller ricorda anche che “sei mesi dopo che Hitler divenne cancelliere, Samuel Untermeyer,un ricco procuratore di New York, proclamò una ‘guerra santa’ contro il nazionalsocialismo e ordinò il boicottaggio sui beni, trasporti e servizi tedeschi”. Il 24 Marzo del 1933, appare sul Daily Express una vera e propria dichiarazione di guerra dal titolo:
    Jews Declare War on Germany, testo integrale lo potrete leggere qui.
    Fuller allude qui ad un evento preciso, che ebbe luogo al Madison Square Garden il 6 settembre 1933:
    qui la comunità giudaica americana celebrò il vero e proprio rito di morte e maledizione dello “cherem”, o scomunica maggiore. “Furono accesi due ceri neri e si soffiò tre volte nello shofar mentre il rabbino B.A. Mendelson pronunciava la formula: a partire da oggi,ci asterremo da qualunque commercio di materie prime provenienti dalla Germania…la validità di tale decisione durerà fino alla fine di Hitler; allora il cherem avrà la nostra benedizione – (Jewish Daily Bulletin, New York, 6 gennaio 1935).
    Samuel Untermeyer, rampollo di una famiglia bancaria d’affari ed alto esponente del B’nai B’rith, ripeterà questa cerimonia il 5 gennaio 1935, “a nome di tutti gli ebrei, massoni e cristiani”.
    Qui si intravvede, spero, quale fu l’errore capitale, l’errore imperdonabile di Hitler, quello per cui alla fine perse la guerra: fu quello di non aver proposto alle nazioni che conquistava il suo sistema economico tedesco, come proposta di liberazione e nuovo ordine mondiale. Come la Merkel oggi, come sempre l’impoliticità tedesca, è un miscuglio di provincialismo e incapacità di universalismo; si occupa del bene dei soli tedeschi, senza presentarsi come un modello di civiltà mondiale, nel timore taccagno di perderci.

    • ESTERI by Pepito · venerdì, 29 gennaio 2016, 11:07 am

      Gli Stati Uniti, o meglio il Council on Foreign Relations nel 1941, aveva chiari gli scopi per cui entrava nel conflitto: scopi che lo stesso CFR – meglio, il War and Peace Studies Project che fu costituito al suo interno – indicava come “imperialismo”. L’autosufficienza del blocco tedesco chiudeva gli sbocchi alle sue multinazionali di un’intera Europa, e l’economia americana aveva bisogno di “grandi spazi per vivere”.
      Però nell’accurata preparazione bellica che fece per il presidente USA, il War and Peace Studies Project dei Rockefeller mise a punto anche il messaggio politico-propagandistico da adottare.
      “Se gli scopi della guerra vengono enunciati in modo da apparire preoccupati dal solo imperialismo anglo-americano, avranno poco da offrire alla gente del resto del mondo, e sarà vulnerabile alle contro-promesse naziste” (Memorandum E-B32, 17 aprile 1941, CFR, War and Peace Studies).
      Il governo doveva dunque “evitare le forme convenzionali di imperialismo” (sic), e proporre ai popoli che avrebbe conquistato tutto l’apparato propagandistico che conosciamo: l’America vi porta la libertà, identificata col mercato. L’America è l’arsenale della democrazia; quando vi impone il suo sistema finanziario, vi porta la pace e l’abbondanza del Nuovo Ordine Mondiale; vi regala il Piano Marshall per la vostra ricostruzione, fonda l’ONU dove ogni piccolo stato avrà voce in capitolo: naturalmente, le sue finanze saranno sotto la benevola sorveglianza del Fondo Monetario. Gli Usa come potenza altruista e generosa, è ancor oggi la convinzione delle masse in Europa, e fu un illusione perfino nella Russia di Eltsin, che si lasciò saccheggiare dai consulenti della scuola di Chicago. E’ il risultato di un grande successo politico che dura tutt’ora.

      • Gigi · venerdì, 29 gennaio 2016, 5:03 pm

        Perchè non dovremmo riconoscere all’America la dignità di rappresentare l’istituzione imperiale nella modernità?Quale paura ci scatena il termine Impero nelle nostre menti? Il sistema che viene difeso è forse il più coerente e funzionale sistema che la storia abbia mai avuto. Non ha alcun senso giustificare l’abominio nazista che seppur funzionale nei suoi caratteri economici e produttivi si basava sull’assunto anti-moderno della razza o quello comunista basato sulla violenza politica e privata. Certo è un sistema che può essere migliorato, ma revisionare la storia e i suoi sottoprodotti non fa che rievocare quei fantasmi. Eltsin l’aveva capito e il suo ultimo discorso prima di lasciare la presidenza fu un emblematico invito a costruire la pace. Il problema è concreto quando l’ambizione del ruolo imperiale diventa materia per 2 o più soggetti. In questo caso quale sistema di valori, quale organizzazione sociale ed economica, quale cultura difendono tali nuovi improbabili soggetti?

  3. ESTERI by Pepito · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:29 am

    Tair Kaminer, la ragazza israeliana di 19 anni, che è stata imprigionata per 20 giorni per aver rifiutato di servire nell’esercito a causa della violenza contro i palestinesi, è stata liberata questa mattina, innescando una reazione mista con alcuni lodando il suo coraggio e da altri come un “traditore”. La giovane donna dovrà riferire alla base militare di appartenenza domenica prossima, dove ancora una volta dovrà per forza servire nell’esercito. Se dovesse rifiutare, la Kaminer verrà rimessa dietro le sbarre per un altro mese….

  4. bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:22 am

    Ecco che ricominciano con le LACRIME DI COCCODRILLO.
    ——————————————–
    Ebrei perseguitati e in fuga. L’Europa non ha Memoria
    Il Giornale, 27 gennaio 2016

    “Giorno della memoria” è un’espressione impossibile per i più perché “ci hanno tirato via da sotto i letti, da dentro gli armadi, imprecavano: “Il treno aspetta, dritti all’inferno, alla piazza di carico, all’Umschlag, alla morte”. “Dalle camere tutti ci hanno estratto e hanno frugato in cerca dell’ultimo vestito nell’armadio, dell’ultima minestra. dell’ultima pagnotta”. Quale memoria può sopportare una scena simile? Eppure così racconta Itzak Katzenelson, in poesia, il momento della deportazione, e non è che l’inizio; nel viaggio avviene una prima decimazione in cui i bambini muoiono in braccio alle madri, e i padri, racconta, tenendo in braccio i figli; poi, Katzenelson subisce come milioni, la fine della moglie e dei suoi due bambini, lo sterminio di un popolo enorme, “i bambini mentre venivano ammazzati alzavano le braccia verso di voi”. Chi può vivere questo Giorno della memoria? Chi è capace davvero dei politici, dei religiosi, degli intellettuali che piegano la testa e depongono corone in questo giorno, può solo pensare quello che è successo al Popolo Ebraico in quegli anni? Il tentativo di porre un rimedio, o almeno una toppa sulla vicenda che solo 70 fa ha frastagliato la vita europea ha visto molte fasi, dall’incredulità al pentimento, ha chiamato in causa istituzioni, scuole, corsi, cerimonie, viaggi ad Auschwitz. Ci sono state gentilezza, sorrisi, scuse, moltissime promesse, tutti intitolati “mai più”. Ma, evidentemente le cose non hanno funzionato.

    Oggi, di nuovo, molti ebrei scelgono di andarsene dall’Europa a frotte, perché in alcuni Paesi non intravedono la speranza di un futuro per sé e per i loro figli. La proposta scandalosa quanto indecente, di togliersi kippà e ogni altro segno distintivo dopo che, ultimo attacco in ordine di tempo, un ebreo è stato attaccato a Marsiglia con un machete da uno dei tanti jihadisti, va insieme al numero record di 10mila emigrazioni in un anno dall’Europa Occidentale, soprattutto dalla Francia. Da qui provengono 8000 persone, seguiti dagli Ucrani (5840), e poi dagli Inglesi, i Belgi, gli Italiani,circa 400, e non sono davvero pochi, date le minuscole dimensioni della comunità italiana.

    La sequenza di attacchi terroristi è talmente serrata da fornire la ragione immediata della scelta ebraica: prendiamo, appunto, la Francia, dal gennaio al dicembre 2015, e troviamo subito i quattro uccisi al supermarket kasher dopo l’eccidio di Charlie Hebdo, e via via con frequenza insopportabile aggressioni personali, atti di vandalismo, botte, urli a mamme e bambini al parco (“Hitler non ha finito il lavoro”), rapine, assedi in sinagoga e in altre sedi di riunione, scritte, pugnalate, veleni…La maggior parte dei perpetratori dei crimini, in parallelo ai quali scorrono altri delitti in altre nazioni europee, sono islamici jihadisti. Ma, attenzione,non è solo questo il problema: la realtà è che la struttura europea è diventata più o meno consciamente, un guscio accogliente. E’ dal 1979, e poi via via lungo la guerra del Libano dell’82, che si susseguono attentati a Parigi, sul cui sfondo si muovono cortei che urlano contro un inventato “genocidio in Libano” (lo scrissero Le Monde, l’Humanitè, anche Teimoniage Chretien). L’antica avversione anti-israeliana si fa israelofobia, e quindi antisemitismo delle classi intellettuali. L’attuale odio jihadista non è un puro problema sovrastrutturale di cui, alla fine, gli europei potrebbero essere solo molto spiacenti, pur sostenendo che gli attacchi terroristici e il nuovo antisemitismo siano frutto delle recenti ondate migratorie. Non è solo così: gli ebrei che se ne vanno non avvertono più la volontà di combattere il fenomeno, hanno visto cortei ai tempi della guerra difensiva di Gaza inondare Berlino (!) di urla “morte agli ebrei”: è la sensazione che non ci sia più la volontà da parte dei Paesi di origine di contenere l’antisemitismo dilagante, di bloccarlo o almeno di disapprovarlo con tutti i sentimenti, la forza intellettuale e morale, il comune buon senso.

    L’antisemitismo si è fatto in buona parte dei casi affluente del grande fiume del politically correct, le classi dirigenti quindi non hanno gli strumenti per individuare il nemico e batterlo. Intanto, proibire all’immigrazione islamica di essere antisemita è una operazione culturale gigantesca, che richiederebbe un lavoro capillare sin dall’infanzia: una volta all’Unione Europea chi scrive ha sentito sostenere che mettere fra le condizioni per fornire aiuti ai Paesi arabi quella di rinunciare a esprimere volontà bellicose contro Israele era una pretesa assurda. Anche bloccare l’antisemitismo lo è. Ma lo è persino chiamarlo per nome. Un esempio: quando nel 2004 fu rapito a Parigi il ragazzo ebreo Ilan Halimi dal gruppo della banlieue “i barbari”, torturato e ucciso leggendo il Corano, la polizia batté ogni possibile pista prima di piegarsi all’idea che si trattasse di un rapimento che aveva come obiettivo proprio un ebreo: pensò alla droga, al sesso, alla malavita… La madre di Halimi invano insistette sulla pista antisemita.

    Così oggi: alleato oggettivo dell’antisemitismo più pratico, quello che minaccia fisicamente gli ebrei, è l’ israelofobia che ormai da decenni fa parte della cultura di base sia della destra che della sinistra, che lascia che di Israele si dicano le cose più assurde, che lo si accusi di genocidio (“fa ai palestinesi quello che i nazisti facevano agli ebrei” è un evidente blood libel antisemita) di apartheid, addirittura come scrisse il giornale svedese Aftonbladet, di uccidere i palestinesi per venderne gli organi. Anche in Italia quando invece di dare la notizia degli attacchi terroristi che tormentano Israele si titola il giornale sul palestinese terrorista che è stato ucciso nel tentativo di fermarlo dal colpire ancora, o come fa la Svezia si accusa Israele di “uccisioni extragiudiziali” perché si difende, si compie un’operazione di supporto evidente all’antisemitismo. Israele, lo Stato degli ebrei, è colpevole, gli ebrei sono colpevoli, è la facile equivalenza.

    L’Europa non combatte l’antisemitismo: basta guardare alla recente promozione da parte dell’Unione Europea del “labeling” dei beni (vino, prodotti soprattutto alimentari) prodotti nei territori oltre la Linea Verde. E’ una scelta discriminatoria: ci sono 200 conflitti territoriali fra cui alcuni vicinissimi, come quello del Marocco o di Cipro, ma a nessuno l’Europa ha inflitto un bollo, solamente a Israele, che così deve vedere di nuovo prodotti ebraici marcati, come nel passato. L’Europa pretende, in mezzo al mare di violenza Medio Orientale, di disegnarne i confini e quindi i mezzi di difesa di Israele, di sostituirsi alla trattativa prevista. Oppure non è questo lo scopo, anzi, lo scopo non c’è: c’è l’espressione incontrollata di un malanimo, di una mancanza di comprensione che sfiora l’antisemitismo, lo incontra, lo ingloba, lo promuove… Sì, anche nel Giorno della memoria.

    ———————————————-
    cara NIRENSTEIN, QUANDO MI SON RIVOLTO ANCHE A TE
    TE TI CI SEI FATTA SOPRA DELLE GRASSE RISATE, O MI SBAGLIO?
    21 ANNI A REDDITO ZERO DOPO 22 DI FABBRICA, per un operaio metalmeccanico, NON SONO STATI UNA PASSEGGIATA.
    ——————————————
    HAI RISO DI ME E DELLA MIA FANIGLIA, DKI CHE COSA TI LAMENTI ORA CHE TOCCA A TE E ALLA FRANCA ECKERT COEN?
    SE VI PIACE GODERE, DOVETE ESSWERE DISPOSTE ANCHE A PIANGERE LACRIME AMARE, noi lo si fa da una vita, grazie a persone dalla caratura morale come la vostra.

  5. bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:16 am

    bruno d · Venerdì, 29 Gennaio 2016, 7:55 Am
    GAD LERNER,
    esimio genio della lampada, ho seguito quello che hanno appena affermato su RAI 1 FRANCO DI MARE ed i suoi preziosi ospiti a proposito di migranti:
    UN QUADRO A DIR POCO ALLARMANTE PER LE NOSTRE COSTE
    ADRIATICHE.
    Adesso, fa mentalmente un riassunto di tutte le BAGGIANATE CHE AVETE profferito te e i tuoi amici
    RADICAL-CHIC.
    I paesi della costa di fronte alla nostra in Adriatico, hanno già provveduto a chiudere le loro
    frontiere a mare, e intendono difenderle IN ARMI.
    E NOI?
    CHIEDILO ALLA TUA AMICA PINOTTI, AL TUO AMICO ALFANO, OPPURE DIRETTAMENTE AL VIMINALE.
    I migranti, a loro buon diritto, disperatamente cercano e cercheranno di trovare una soluzione alla loro umana vicenda, e siccome noi, al momento abbiamo tutte le PORTE APERTE, come la Renault:
    - Porte aperte alla Renault….- E’ una reclàme, dirigeranno le prue dei loro gommoni o barche verso le coste marchigiane, abruzzesi,pugliesi,fino al canale d’Otranto.
    Hai approntato i tuoi traghetti? Noooooooooooo? hai visto come è facile parlare, piluccando l’uva dal
    tuo dorato TRICLINIUM?
    i MIGRANTI, si comporteranno da invasori, non possono fare altro, sono troppi e la nostra popolazione, dopo l’approdo degli ALBANESI, non ha
    le risorse necessarie, per far fronte alla evenienza.
    Mi preme sollecitare la tua MEMORIA, sul fatto che
    in guerra, si diventa tutti POTENZIALI ASSASSINI.
    I migranti, TUTTI I MIGRANTI, SE IN PACE SONO BRAVE PERSONE COME NOI, in guerra, si comporterebbero esattamente come noi, e gli italiani, se vai a spulciare nei libri di storia, in Croazia, Montenegro,Dalmazia etc, non molto tempo addietro,
    di morti, ne hanno fatti 800mila.
    Pensa come saranno contenti i Veneziani di sapere,
    che la loro Repubblica Marinara ha con ogni probabilità, la possibilità di poter dimostrare, il proprio valore militare.
    Tu sei un apolide, uno straniero, a cui uno stato di manica larga come il nostro, ha concesso la
    Nazionalità:
    Alfano, che non è stupido, come si potrebbe essere
    tentati di pensare, è solo un tantino inesperto,
    credo abbia valutato e realizzato quanti e quali danni hai fatto alla nostra amata nazione, sobillando, i MINUS HABEN italici.
    Imbecille, ti rendi conto adesso di cosa vuol dire avere delle frontiere e di proteggerle e sorvegliarle?
    FRANCO DI MARE, fa giornalismo garbato, stamattina,
    l’ho visto seriamente PREOCCUPATO, E NON ERA IL
    SOLO.
    Vai a zappare la vigna, almeno non fai danni.
    ABOLIRE IL TRATTATO DI SCHENGEN, per il momento,è
    l’unica cosa sensata da fare.
    Potremmo organizzarci meglio senza lacci e lacciuoli burocratici.
    QUANTO DEVE ESSERE LUNGA LA ZUCCHINA, SECONDO IL
    TRATTATO DI SCHENGEN?
    Espatria, torna in Libano, come dici, hai paura della guerra? Perché, tu credi che si sia contenti
    della situazione in cui gente sconsiderata come te
    c’ha messo?
    Ma che brave persone.
    Troppo facile al momento prevedere almeno un attentato terroristico in Italia, il POPOLO ITALIANO, HA BISOGNO DI VEDER SALIRE IL PROPRIO TASSO DI ADRENALINA, si rende indispensabile un
    intervento militare in LIBIA, bene sarebbe che il
    nostro alleato fosse la RINATA GERMANIA, unico paese in EUROPA, di cui gli ITALIANI si possono realmente FIDARE.
    CREDETE DI AVER CAPITO CHI HA VOLUTO E VUOLE QUESTA GUERRA E PERCHE’?
    Ci sarà pure, su questo blog, tra chi scrive, o tra chi legge e basta, di capire da che parte tocca stare per salvare il salvabile, mica finisce qui,
    ADESSO TUTTI I NODI COMINCERANNO A VENIRE AL PETTINE.
    Non credo che possa essere il VATICANO, o la CHIESA
    L’OBIETTIVO di eventuali ATTACCHI TERRORISTICI,no.
    Rispondi

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:19 am

      bruno d · Venerdì, 29 Gennaio 2016, 8:06 Am
      Allora, son stati Hitler e Mussolini a volere la GUERRA, nel 1945, o gli stessi a cui UNA BELLA GUERRA
      in EUROPA farebbe tanto, ma tanto comodo, anche oggi?
      Ci spingono alla MEMORIA, bene:
      - CHI E PERCHE’ VOLLE LE SANZIONI INTERNAZIONALI CONTRO ITALIA E GERMANIA NEGLI ANNI TRENTA?
      Non sono forse gli stessi che hanno massacrato gli
      IRAQENI, e ancora premono affinché si BOICOTTINO le
      giuste ISTANZE dell’IRAN, a proposito dei suoi affari interni e a proposito delle sue relazioni
      INTERNAZIONALI?
      Bene ha fatto l’ITALIA ad intessere rapporti commerciali e politici con l’IRAN, basta con le
      pesanti ingerenze USRAELIANE, nelle nostre faccende politiche e commerciali.
      Cari amici ebrei, di Roma, visto che succede q far passare per pazzo chi si avvicina a voi in maniera
      del tutto DISINTERESSATA?
      MA CHE BRAVE PERSONE, QUESTI AI SOLDI, NON PENSANO AFFATTO, E SENTONO FINO IN FONDO ALL’ANIMA IL DOLORE PER CHI PERDE IL PROPRIO LAVORO ED HA FAMIGLIA.
      il governo Renzi, è una creazione ebraica, ma quale rimpasto, tocca smontarlo e chiamare gli italiani
      al voto, vedrete che questa volta gli ITALIANI, voteranno secondo coscienza, e NON SECONDO CONVENIENZA.
      Rispondi

  6. piaghe d' Europa · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:45 am

    la ZIKA sta arrivando pure in Europa , ci mancava anche questa .

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:03 am

      Non preoccuparti, fa parte delle DOGLIE DEL MESSIA.
      Chiedi a Lerner che da ebreo certe storie le conosce.

  7. Francesco · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:44 am

    Forse l’allargamento monstre del 2004, seguito da quello ancora più pernicioso del 2007 non è stato un colpo di genio….

  8. cose turche · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:31 am

    NCD ,
    ————————————
    Hanno piu’ poltrone che voti , come Sciolta Civica del resto

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:04 am

      hanno la faccia di bronzo e non si vergognano di niente.

    • a pensare male si fa peccato ma spesso ci si prende · venerdì, 29 gennaio 2016, 5:03 pm

      Hanno ricicciato fuori pure Gentile.. per gentile concessione.. della serie, senza vergogna né pudore. Tanto ormai..

  9. salv · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:16 am

    E’ già da un pezzo che l’Europa si è dissolta, anzi non è mai esistita.
    Non ha valori che siano da tutti condivisi (neanche in ambito economico), è egemonizzata dalla Germania e dalla Francia, non ha una politica estera unitaria né un unico apparato di difesa, è subalterna agli Usa fino al punto di andare contro i suoi stessi interessi, è composta da popoli che si detestano reciprocamente e, quel che è peggio, vi si parla una ventina di lingue, anziché una sola…
    L’unica cosa di unitario che l’Europa è riuscita a produrre, oltre a una serie di vincoli più o meno penalizzanti, è la moneta, che però ha dimezzato il nostro potere d’acquisto.
    L’ennesima dimostrazione della sua inutilità e inconcludenza, l’Europa l’ha dimostra nella incapacità di gestire gli arrivi dei profughi.
    Insomma, se l’Europa dovesse dissolversi, sarebbero in pochi a rimpiangerla.
    Del resto non è un caso se i britannici, che non sono fessi, hanno preso ormai le distanze dall’Europa, non hanno adottato l’euro e sono intenzionati a uscire dall’Ue.
    Il che dimostra che si può sopravvivere e prosperare anche senza l’Europa.

    • cul de sac · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:23 am

      Tanto per cambiare , pochi giorni fa la Nato ha esortato l’ Europa ad aumentare la spesa militare .

      • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:47 am

        Certo, ma tutti si illudono che possa essere una manovra atta solo a rivitalizzare un settore in difficoltà, mentre invece è la motrice di tutto il convoglio, perché le economie occidentali sono in crisi di LIQUIDITA’ La Cina, non esporta più tanto verso
        le Americhe, perché gli USA in particolare, non onorano gli impegni commerciali sottoscritti.

      • cul de sac · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:53 am

        La Nato non ha piu’motivo di esistere, se c’e’ ancora e’ per tenere sotto schiaffo l’ Europa stessa

      • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:11 am

        A proposito di NATO e di ESERCITO ITALIANO.
        Avere un ESERCITO DI PROFESSIONISTI E’ DELETERIO.
        - E’ L’ARATRO CHE TRACCIA IL SOLCO, MA E’ LA SPADA CHE LO DIFENDE -
        Sta a significare che se il PANE è di tutti,
        anche la sua difesa va affidata a tutti,altrimenti si corre il rischio di avere
        persone che decidono armi in pugno:
        - CHI MANGIA E CHI NO -
        Se la coscrizione obbligatoria disgregò l’ITALIA del SUD, oggi deve servire a tenerla in piedi e scevra, libera da TIRANNIA.
        Attenzione che il POTERE REALE ha tutto l’interesse al che si affermi la TIRANNIA.
        GOVERNO DI POCHI E RICCHI COME NEL CHILE DI PINOCHET.
        Questa ipotesi, in ITALIA, non è del tutto remota.

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 10:00 am

      Se così fosse, all’ITALIA, conviene staccarsi dal convoglio, tornare alla lira, e staqbilirebda sola i propri parametyri commerciali, soprattutto con l’estero.
      Si deve rafforzare la struttura Statale, togliendo
      tutto il personale prossimo alla pensione, cinque, sei anni di scivolo, poi provvedere ad inserire nei giusti ambiti quei laureati di valore che stanno a spasso, ma anche i diplomati e le maestranze di più basso livello ma di comprovate capacita’ operative.
      TOGLIERE E DESTINARE AD ALTRO INCARICO NELLA STRUTTURA PRIVATA OGNI RACCOMANDATO O PARENTE DI
      POLITICI E SIMILI.
      UNO STATO EFFICIENTE, E’ IN GRADO DI ORGANIZZARE AL MEGLIO LA NAZIONE PER IL BENE COMUNE.
      NESSUNO DEVE RIMANERE ESCLUSO DAL CICLO VIRTUOSO D’UNO STATO CHE ORGANIZZA UNA NAZIONE DOVE OGNUNO HA UNA FUNZIONE ED UN REDDITO IN GRADO DI POTERNE SOSTENERE L’ESISTENZA.
      CASI COME IL MIO, NON DEBBONO AVERE RAGIONE D’ESSERE: DI SEGNI E SOCI, VERGOGNA!

  10. Peru non compra merci di MERDkel · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:15 am

    Esimio Dott. Draghi,
    l’ ipotesi di salvare le banche col Belin della MERDkel è una contraddizione in termini assolutamente incapace di produrre un beato CheAtrocementeZuzzurroEZozzoOrgasmo..

  11. Peru non compra merci di MERDkel · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:14 am

    Esimio Dott. Draghi,
    L’ ipotesi di salvare le banche col Belin della MERDkel è una contraddizione in termini assolutamente incapace di produrre un beato CheEsimio Dott. Draghi,
    L’ ipotesi di salvare le banche col Belin della MERDkel è una contraddizione in termini assolutamente incapace di produrre un beato
    CheAtrocementeZuzzurroEZozzoOrgasmo..

  12. bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:09 am

    LERNER, TU DI SICURO AMI LA VERITA’, PROVA A CONFUTARE QUELLO CHE HO SCRITTO.
    COMPAGNO, LAVORATORE, AMICO, MI DICO CERTO CHE UNA PERSONA DELLA TUIA RARISSIMA SENSIBILITA’, NON PUO’ NON DESIDERARE DI VEDERE AFFERMATE VERITA’ E GIUSTIZIA PER TE E PER GLI ALTRI, SEI EBREO, LA QUINTESSENZA DEL SENSO DELLA GIUSTIZIA NEL MONDO,
    mondo che a D-o piacendo, gli ebrei organizzano a loro Immagine e Somiglianza.
    Suona male, per quel poco che ne so’, dovrebbe essere organizzato ad immagine e somiglianza di D-o
    stesso, che ne è il Creatore:
    GIUSTO? Ero convinto di questo, almeno, alle persone di BUONA VOLONTA’ è stato insegnato così.
    ———————————————
    Dove sono, il pane e pure il companatico per me e la mia famiglia, prima di conoscere gli EBREI di ROMA, li avevo,dopo non piu’, perché?
    IL signor di Segni, che sicuramente una coscienza ce l’ha, ed anche un’anima, come fa a non essersi accorto che permango in quella condizione di vita
    che lui ABORRISCE grandemente e che AMA DEFINIRE
    REDDITO ZERO?
    SIGNOR DI SEGNI, VORRA’ MICA METTERSI SULLO STESSO PIANO DEL SIGNOR LERNER, CHE ALLA PROVA DEI FATTI E’ UNA QUINTA COLONNA DI UNO STATO ESTERO, CHE MESTA NEL TORBIDO DELLA POLITICA ITALIANA PER TRARNE, SI DIREBBE MERI VANTAGGI PERSONALI, LEI E’
    MEDICO, RABBINO CAPO, PROFESSORE E CHISSA’ COS’ALTRO ANCORA, ALTRO CHE TRIORCHIDE.
    LEI CHE AL QUIRINALE E’ DI CASA, CI STAVA IER L’ALTRO, FACCIA UNA COSA PER ME E LA MIA FAMIGLIA,
    ha detto lei in un YOM KIPPUR di cinque anni fa:
    - OGGI PUOI CHIEDERMI QUALSIASI COSA.-
    Cosa le ho chiesto io, che socialmente parlando
    valgo meno di un cane?
    - RIVOGLIO IL MIO LAVORO -
    Lei, autentica AUTORITA’ MORALE, IN ALTRA OCCASIONE
    MI HA BUTTATO PER ARIA LE CARTE SU CUI E’ SCRITTO
    QUELLO CHE ABBIAMO DOVUTO SUBIRE, ME E FAMIGLIA, PER LA PERDITA DEL MIO LAVORO.
    BE’ CERTO LEI E’ UNA PERSONA DALLA TOLLERANZA ESTREMA, CHE NON AMA RIVESTIRSI IN MANIERA FORMALE
    DELL’AUTORITA’ CHE D-O E GLI UOMINI HANNO RITENUTO GIUSTO DI DOVERLE CONFERIRE, COME HA POTUTO UNA PERSONA DEL SUO TIPO COMPORTARSI DA AUTENTICO BANDITO NEI CONFRONTI DI CHI RECLAMA SOLO QUELLO CHE GLI COMPETE?
    A ME RISULTA CHE LEI E’ UN CREDENTE, MAGARI ANCHE
    LEI, DA EBREO, e secondo una iconografia ritenuta ormai classica è attaccato SOLO ai soldi?
    Strano, una persona nella sua posizione, dovrebbe vivere con equilibrio il senso di giustizia che pure gli deve abitare dentro.
    MAI DIRE MAI…….sefosse capitato a lei, quello che è capitato a me e famiglia, avrebbe ucciso? Po
    trebbe essere nelle sue corde, un buon medico dovrebbe avere un radicato ISTINTO OMICIDA, deve poter reggere alla vista del sangue e delle ossa rotte, purtroppo, o per fortuna, io non sono così,
    sopporto, sopporto tutte le angherie delle persone
    che al SUO pari, calpestano più o meno volutamente
    il DIRITTO DEL POVERO in maniera del tutto acritica.
    - Io ho l’auto con la scorta, perché sono una persona importante……-
    Parole sue, ricorda? Certo che in bocca ad un bambino, avrebbero suonato meglio.
    Lei, pensa di essere una persona seria e responsabile? Alla prova dei fatti che riguardano entrambi si direbbe di no.
    Per carità, nel suo ambiente, quello ebraico, è in ottima compagnia, se son questi gli ebrei, senza offesa, son io a stare da troppo lungo tempo in
    una condizione di disagioestremo, è quasi normale che il mondo vada a rotoli, volendo anche considerare che VOI EBREI siete le nostre guide.
    Perché procedete a tastoni? SIETE FORSE CIECHI?
    Che cosa vi ha reso tali? La cupidigia, e non solo.
    Comunque, OGNI PROMESSA E’DEBITO, E LEI E’ IN DEBITO CON ME.
    LEI HA DETTO: QUALSIASI COSA, ED IO HO PENSATO AD UNA COSA SEMPLICE, SEMPLICE:
    - Faccia in modo, che io possa parlare col Sig
    MATTARELLA, il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.-
    Lei, al QUIRINALE, è di casa, l’altro giorno, il
    27 us, la sua immagine assorta, pure un po’ scompigliata nell’espressione, oserei dire preoccupata dai fatti che stanno accadendo in Italia e non solo, sulle sue spalle, le sue,non
    le mie, in questi momenti ricade il peso di enormi responsabilità.
    Lei sa bene che non sono antisemita e simili,anzi,
    solo che, mica è bello quello che mi è stato fatto
    da voi.
    va be’ a tutto c’è rimedio, lei non può interessarsi delle mie faccende private, MA IL SIGNOR MATTARELLA SI.
    fACCIA MENTE LOCALE SU QUELLO CHE LEI STESSO HA AFFERMATO PUBBLICAMENTE A FORUM, a me sembra di essere in quelle condizioni spirituali, e senza ombra di dubbio alcuno.
    Mica voglio tornare a fare il METALMECCANICO, o meglio, ci tornerei solo per un giorno, in tuta e scarpe antinfortunistiche, dopo aver VINTO la causa
    che intendo intentare a chi mi ha ridotto nelle
    condizioni in cui vivo, PER NIENTE ALLEGRE, lei
    dovrebbe usarmi la sola cortesia di stare a sentire
    quello che ho da dire, vedrà da se, dato che non
    dovrebbe essere un MINUS HABEN, uno stupido, perdoni la franchezza dei termini ,ma la situazione
    lo richiede, io non sto a 100.000 euro l’anno di pensione e madonna, sto a REDDITO ZERO,REDDITO ZERO.REDDITO ZERO REDDITO ZERO REDDITO ZERO REDDITO ZERO REDDITO ZERO REDDITO ZERO espressione coniata da lei, per me.

  13. cul de sac · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:07 am

    Shengen o non Shengen la domanda e’ , l’ Italia e l’ Europa , esclusa la Germania , stavano meglio prima o dopo Shengen , Maastricht , l’ euro , Dublino , Lisbona ecc ecc.

    Non credo ci sia bisogno di risposta

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:14 am

      Eh, no, sei stato chiarissimo, addirittura Lapalissiano.

    • la barbie è la mia e la gestisco io · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:26 pm

      No, invece la risposta non è scontata perché nessuno sa cosa accadrà dopo.
      Dicerto due o tre anni fa per molte persone era pure fantascienza, e prendevano anche per i fondelli coloro che iniziavano a denunciare il pericolo. Ricordo ancora cosa risposi una volta a una persona “Il tempo passa in fretta e noi non abbiamo il senso della lungimiranza né della storia: abbiamo scambiato il piccolissimo e misero spicchio di mondo che abbiamo conosciuto con la Storia: solo 28 anni fa c’era la guerra fredda”.
      Allora prospettavo un possibile cambiamento nell’arco di 20-30 anni. Ero ottimista, col senno di poi.

  14. Peru non compra merci di MERDkel · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:07 am

    Esimio Dott. Draghi,
    L’ ipotesi di salvare le banche col Benin della MERDkel è una contraddizione in termini assolutamente incapace di produrre un beato CheAtrocementeZuzzurroEZozzoOorgasmo.

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:17 am

      Porca puttana, come godo stamattina, la verita’sta prendendo il sopravvento sul CAOS.
      cOMPAGNI,
      Lo Disse Prodi:
      - LA NOSTRA RISERVA AUREA E’ STATA INTACCATA -
      Proviamo a verificarlo, a chi si potrebbe chiedere?

    • Francesco · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:18 am

      Il Benin non è l’ex Dahomey? che confinava col Togo?

  15. GIULIO CESARE · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:05 am

    Chissà a nome di chi, per conto di chi ed a spese di chi il MARKETTARO andrà a BRUXELLES.
    Poichè con tutta probabilità, come è in uso tra i rossi, sarà a spese nostre, sarebbe opportuno che ci andasse per meditare sugli immensi guasti che il suo predicare odio e spacciare veleno ha provocato al paese tutto ed infine anche all’Europa.
    Un giorno il “popolo” capirà benbe cosa è successo e quel giorno, come insegna la storia, anche i predicatori di odio assaggeranno i frutti delle loro azioni.
    Il “popolo” purtroppo sa essere feroce quando la sua rabbia esplode.

    Giulio Cesare

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:17 am

      A NOME DEL FAMOSO COMPLOTTO, LO STESSO CHE HA TRACCIATO L’ORDITO DI QUESTA EUROPA CHE DOVEVA ESSERE
      NELLE LORO INTENZIONI:
      ———————-FRANCO-CENTRICA—————-
      E SOTTO IL DIRETTO CONTROLLO INGLESE.
      Churchill, era omosessuale? Di destra.
      You are posting comments too quickly. Slow down.
      avanti pari mezza con la censura usraeliana

  16. Milena · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:53 am

    La fine di Schengen può sembrare che colpisca i migranti/profughi ma il danno di gran lunga maggiore lo subiranno gli europei stessi perchè sono i principali fruitori dello spazio Schengen.

    • mary · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:00 am

      esatto

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:23 am

      Ma falla finita, la sera, la chiudi la porta di casa
      tua? Io si, tu no? Allora hai buone probabilità di ritrovarti con la gola tagliata.
      Sei autolesionista.

    • la barbie è la mia e la gestisco io · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:16 pm

      Se subiranno danni saranno di natura economica ( eventuali). Non credo sia un grosso danno dover fermarsi per una mezz’oretta alle frontiere a mostrare la carta d’identità.

  17. the end · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:51 am

    Un’ Europa costruita da una manica di incapaci burocrati , i quali hanno preteso che i popoli assistessero passivi alle loro decisioni , non poteva e non puo’ che finire cosi’ .
    E prima lo sfaldamento accade meglio sara’ .

    ps , consiglio di leggere cio’ che scrive oggi Giulio Sapelli sul sito “Il Sussidiario”

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:25 am

      Se ogni nazione europea, espelle gli ebrei dai gangli vitali della società nazionale, ci sono buone probabilità che l’Europa sopravviva a se stessa.
      Senza leggi razziali, stavolta.
      In Italia, Yoram Gutgeld, dovrebbe essere sostituito da un economista italiano doc.

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:30 am

      Non sono stati INCAPACI BUROCRATI a volere questa EUROPA, ma ebrei e americani.
      GLI ITALIANI SE NON AVESSERO PERSO LA GUERRA, SAREBBERO A CAPO DELL’EUROPA INSIEME AI CAPACI TEDESCHI, persone che hanno una economia sana.
      Ma quali nazisti, mamma mia come ci siamo lasciati
      menare per il naso.

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:41 am

      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.

      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      CERCHIAMO DI NON BUTTARE VIA IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA.
      Gli ebrei,israeliani, volevano entrare a far parte
      dell’EUROPA, sentiamo da loro, come si può fare per
      salvare capra e cavoli.
      SENZA GUERRE, SENZA FARCI DIRE CHE SIAMO FASCISTI,
      ci dicano loro, che piani avevano per far entrare
      Israele in Europa.
      A me risulta che la crisi della FINANZA INTERNAZIONALE, è dovuta a loro, WALL STREET, è in mano agli ebrei, ed anche il CONGRESSO AMERICANO.
      GLI USA HANNO UN DEBITO PUBBLICO STRATOSFERICO, e finora la bella vita l’hanno condotta grazie allo sfruttamento per due lire dell’intero pianeta.
      Chi domina sul WTO? Gli ebrei. Hanno attuato una sola economia per costruire uno stato moderno,l’attuale Israele, oppure hanno un PIANO
      REGOLATORE MONDIALE GENERALE E PARTICOLAREGGIATO
      per uscire da una crisi FINANZIARIA CHE ORMAI E’
      TALMENTE RADICALIZZATA da aver assunto l’effetto
      DOMINO?
      FRATELLI, SE NON VI E’ ANCORA CHIARO, STA CROLLANDO L’INTERO CASTELLO DI CARTE.
      Gli iraniani facevano questa accusa agli israeliani.

  18. enrico morganti · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:50 am

    DISSOLUZIONE dell’EUROPA… ma in questi giorni la famosa società civile (intellettuali, sindacati, associazioni imprenditoriali, terzo settore no profit…….) si fa sentire?

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:27 am

      No, perché tutta questa brava gente, è legata a filo doppio con le sorti d’Israele.

  19. mary · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:31 am

    Gad
    prima di esaminare l’Europa,parliamo della dissoluzione dell’umanità,nel nostro Paese, grazie a cancri mentali,demoni,nelle menti di persone che,per giochi politici fomentano l’odia
    osserviamo come, nonostante le differenze,il ns/Paese sia sempre stato un simbolo di umanità ed accoglienza,nonostante le diverse idee politiche
    media ,anche esteri,
    riportano quella forma di apartheid che sta verificandosi nelle scuole, dove sindaci senza sensibilità, vietano la mensa a bimbi di genitori ritardatari nelle rette,fino al parco giochi,idea….di un sindaco nel vercellese,per i cuttadini in difficoltà con il fisco, praticamente,un vigile vicino alle altalene?scandaloso
    sia mense che parco giochi,sono importantissimi per i bambini, vietarli significa che,già da piccoli, avranno la senzasione della diversità,dell’apartheid,vergognoso
    visto che,anche in tema d’imposte,oltre che di diritti all’uguaglianza,mla Carta Costituzionale chiarisce bene i principi,sfuggiti a questi sindaci, a quanto pare
    ma,attenzione,in questi atteggiamenti)evidenziati anche da media esteri che ne hanno scritto)vi è un sottile,strisciante ,non dichiarato,scopo di colpire i migranti oltre che le famiglie degl’italiani in difficoltà
    la Patria del diritto,che permette queste aberrazioni,e non sanziona chi compie tali atti, deve riflettere su sé stessa, la deriva,non porterà alla ricchezza ma,al degrado morale

    • mary · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:02 am

      l’odia=l’odio

    • bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 9:31 am

      ma va a Lourdes, che la Madonna ti fa il miracolo.

  20. bruno d · venerdì, 29 gennaio 2016, 8:10 am

    VIAGGIO A BRUXELLES, tanto paga sempre pantalone.
    POSSO RIAVERE IL MIO POSTO DI LAVORO E LA RIFUSIONE
    DEL DANNO SUBITO?
    —————————————-

    bruno d · Venerdì, 29 Gennaio 2016, 7:55 Am
    GAD LERNER,
    esimio genio della lampada, ho seguito quello che hanno appena affermato su RAI 1 FRANCO DI MARE ed i suoi preziosi ospiti a proposito di migranti:
    UN QUADRO A DIR POCO ALLARMANTE PER LE NOSTRE COSTE
    ADRIATICHE.
    Adesso, fa mentalmente un riassunto di tutte le BAGGIANATE CHE AVETE profferito te e i tuoi amici
    RADICAL-CHIC.
    I paesi della costa di fronte alla nostra in Adriatico, hanno già provveduto a chiudere le loro
    frontiere a mare, e intendono difenderle IN ARMI.
    E NOI?
    CHIEDILO ALLA TUA AMICA PINOTTI, AL TUO AMICO ALFANO, OPPURE DIRETTAMENTE AL VIMINALE.
    I migranti, a loro buon diritto, disperatamente cercano e cercheranno di trovare una soluzione alla loro umana vicenda, e siccome noi, al momento abbiamo tutte le PORTE APERTE, come la Renault:
    - Porte aperte alla Renault….- E’ una reclàme, dirigeranno le prue dei loro gommoni o barche verso le coste marchigiane, abruzzesi,pugliesi,fino al canale d’Otranto.
    Hai approntato i tuoi traghetti? Noooooooooooo? hai visto come è facile parlare, piluccando l’uva dal
    tuo dorato TRICLINIUM?
    i MIGRANTI, si comporteranno da invasori, non possono fare altro, sono troppi e la nostra popolazione, dopo l’approdo degli ALBANESI, non ha
    le risorse necessarie, per far fronte alla evenienza.
    Mi preme sollecitare la tua MEMORIA, sul fatto che
    in guerra, si diventa tutti POTENZIALI ASSASSINI.
    I migranti, TUTTI I MIGRANTI, SE IN PACE SONO BRAVE PERSONE COME NOI, in guerra, si comporterebbero esattamente come noi, e gli italiani, se vai a spulciare nei libri di storia, in Croazia, Montenegro,Dalmazia etc, non molto tempo addietro,
    di morti, ne hanno fatti 800mila.
    Pensa come saranno contenti i Veneziani di sapere,
    che la loro Repubblica Marinara ha con ogni probabilità, la possibilità di poter dimostrare, il proprio valore militare.
    Tu sei un apolide, uno straniero, a cui uno stato di manica larga come il nostro, ha concesso la
    Nazionalità:
    Alfano, che non è stupido, come si potrebbe essere
    tentati di pensare, è solo un tantino inesperto,
    credo abbia valutato e realizzato quanti e quali danni hai fatto alla nostra amata nazione, sobillando, i MINUS HABEN italici.
    Imbecille, ti rendi conto adesso di cosa vuol dire avere delle frontiere e di proteggerle e sorvegliarle?
    FRANCO DI MARE, fa giornalismo garbato, stamattina,
    l’ho visto seriamente PREOCCUPATO, E NON ERA IL
    SOLO.
    Vai a zappare la vigna, almeno non fai danni.
    ABOLIRE IL TRATTATO DI SCHENGEN, per il momento,è
    l’unica cosa sensata da fare.
    Potremmo organizzarci meglio senza lacci e lacciuoli burocratici.
    QUANTO DEVE ESSERE LUNGA LA ZUCCHINA, SECONDO IL
    TRATTATO DI SCHENGEN?
    Espatria, torna in Libano, come dici, hai paura della guerra? Perché, tu credi che si sia contenti
    della situazione in cui gente sconsiderata come te
    c’ha messo?
    Ma che brave persone.
    Troppo facile al momento prevedere almeno un attentato terroristico in Italia, il POPOLO ITALIANO, HA BISOGNO DI VEDER SALIRE IL PROPRIO TASSO DI ADRENALINA, si rende indispensabile un
    intervento militare in LIBIA, bene sarebbe che il
    nostro alleato fosse la RINATA GERMANIA, unico paese in EUROPA, di cui gli ITALIANI si possono realmente FIDARE.
    CREDETE DI AVER CAPITO CHI HA VOLUTO E VUOLE QUESTA GUERRA E PERCHE’?
    Ci sarà pure, su questo blog, tra chi scrive, o tra chi legge e basta, di capire da che parte tocca stare per salvare il salvabile, mica finisce qui,
    ADESSO TUTTI I NODI COMINCERANNO A VENIRE AL PETTINE.
    Non credo che possa essere il VATICANO, o la CHIESA
    L’OBIETTIVO di eventuali ATTACCHI TERRORISTICI,no.
    Rispondi

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.