Berlino gela Roma? Su flessibilità dei conti italiani Renzi non strappa deroghe

sabato, 30 gennaio 2016

Mi pare che sia “La Stampa”, oggi, a scriverlo chiaramente: il nocciolo dell’incontro Merkel-Renzi è che la Germania disapprova la manovra finanziaria in deficit del governo italiano. E cercherà di farla correggere attraverso la Commissione di Bruxelles.
Mentre l’Europa rischia di frantumarsi, preda di una spinta centrifuga che coinvolge sempre più paesi membri, il braccio di ferro sui conti fra Berlino e Roma ci fa rimpiangere l’assenza di un fronte mediterraneo compatto. Se non avessimo lasciato sola la Grecia, se ci fossimo sintonizzati diversamente con la Spagna negli anni della recessione, oggi avremmo maggiori chances di imporre una linea di europeismo solidale ai paesi iper-rigoristi.

471 Commenti

  1. bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 10:12 am

    europeismo solidale
    ———————–
    a europeismo solidale, tu,tu personalmente, in cinque anni, non ti sei fatto allungare “il braccino”, neppure di un fottuto millimetro, verso il qui presente, chiamiamolo “disoccupato”, ma è ben altro, e parli di solidarietà?
    Ma arivaffanculo, ti sei guadagnato il
    secondo vaffanculo della giornata.
    Querelami, che ci facciamo due risate.

    • Umberto Bosetti · sabato, 30 gennaio 2016, 1:50 pm

      I tuoi vavva squalificano tutto ciò che segue, quant’anche condivisibile. Prova a cambiare linguaggio e vedrai che sarai più compreso. Non ti sprecare al vaffa nei mie confronti, da te non attacca, non m’mporta.

  2. bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 10:11 am

    Chi ha provocato la crisi del 1929? Gli ebrei e le loro banche, guarda caso, lo
    stesso pool di banche guidate da Goldman
    Sachs, che hanno gestito ed impestato di titoli tossici, le banche dell’intero pianeta.
    Dimmi se sbaglio.Adesso è partito l’effetto domino, e secondo voi, la GUERRA dovremmo farla noi, per voi.
    Ma Voi vi siete bevuti la DURA CERVICE.
    Ricacciate i soldi.

  3. Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 10:11 am

    In a borderless world, nobody could find asylum anywhere. Beware what you wish for.

    • la barbie è la mia e la gestisco io · sabato, 30 gennaio 2016, 2:33 pm

      In a true borderless world, nobody needs find asylum anywhere.
      -
      Maccheronico, ma spero renda l’idea della differenza fra sogni e realtà!

  4. wilson · sabato, 30 gennaio 2016, 10:10 am

    Mi pare invece che la Germania abbia detto: non mi immischio.

    Ma poi l’italia non deve strappare un bel nulla.

  5. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 10:09 am

    A difesa dei Pentastellati.
    Secondo me non hanno detto tutto.
    E fanno bene. Se avete notato,politica estera zero o quasi.
    Voi “avvisate” troppo Titta e date modo al “nemico” di preparare contromisure.
    I 5 Stelle o hanno piani o davvero credono che il mondo finisca alle Alpi.

    • wilson · sabato, 30 gennaio 2016, 10:23 am

      I 5 Stelle o hanno piani o davvero credono che il mondo finisca alle Alpi.

      Una delle due. Però c’è una enorme differenza!
      Quale è la strategia in politica estera?
      Non ce lo dovrebbero dire?

      Ah, per quanto riguarda il fare debiti, la loro contromanova prevedeva lo sforamento
      fino a arrivare al 4%.

    • Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 10:23 am

      No sono solo dei piddini che vogliono più europa. Lo ha affermato Grillo. Quindi vogliono tenerci in questa gabbia fascista, fino a quando l’Italia sarà spolpata ben bene. Le ricordo che la maggior industria che ha fatto della corruzzzione il suo strumento di espansione NON è Italiana, ma Tetesca. C’ha preso pure una multa di 1.6 Miliardi di Euro. La Siemens!

  6. Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 10:07 am
  7. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:58 am

    TITTA, si amministra in tempo di pace, o con un tempo di pace sicuro davanti.
    Adesso vogliono intervenire in Libia, dove le garantisco che non c’è nessuna Isis e le lascio solo immaginare cosa ne sarà dei conticini della serva.
    Altro che sforamento dei parametri di Maastricht!

  8. bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 9:57 am

    Se non avessimo lasciato sola la Grecia, se ci fossimo sintonizzati diversamente con la Spagna negli anni della recessione, oggi avremmo maggiori chances di imporre una linea di europeismo solidale ai paesi iper-rigoristi.
    ——————————————-
    Compagno, ce l’hai presente la storiella della cicala e della formica, tanto per voler semplificare e sdrammatizzare la faccenda?
    UGUALE.
    ————————————————
    Chi li paga tutti i tuoi viaggetti? Noi, e che pretendi, che ti paghiamo pure i buffi fatti con la tua FINANZA CREATIVA?
    Bravo, ti sei rimediato il primo vaffanculo della giornata.
    A proposito di solidarietà,UN ISRAEL, E’ UGUALE A TUTTA ISRAELE.
    COME MAI SE L’INTERA ISRAELE NON SI PREOCCUPA DI
    SE STESSA GLI ALTRI DEBBONO RIPIANARE I GUAI CHE
    COMBINA?
    Ti piace fare la bella vita a spese altrui, ora comincia a pagare.

    • bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 10:07 am

      E’ un po’ criptica scritta così, te la riassumo in chiarezza:
      DOVE LI HA PRESI ISRAELE TUTTI I SOLDI PER FARSI COSI
      RICCA E ARMATA FINO AI DENTI?
      Dalle nazioni come la Grecia, la Spagna, la Francia,
      l’Italia. Soprattutto dalla GERMANIA, a cui avete condizionato pesantemente la vita fino ad oggi.
      Chi ha guidato finora? ISRAELE, se la vedesse lei con i conti greci etc etc che non tornano, vendi un paio di F-16, sii solidale, restituisci, o pensi che noialtri si dorma da piedi?

  9. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:52 am

    Mai esistito in politica il “solidale” Tse’. Esiste al massimo una confluenza di interessi.
    O Lerner davvero non ci arriva o ha altre mire. E crede che siamo deficienti.

  10. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:49 am

    La Grecia è in mano ad un cretino che sta ancora aspettando “un’altra Europa”.
    Dio ce ne scampi e liberi.
    Ci manca quest’altra zavorra sulla schiena!

  11. tsè · sabato, 30 gennaio 2016, 9:46 am

    Europeismo solidale suona bene finchè non si cerca di comprendere in cosa consista: sessanta anni di interventi per lo sviluppo del mezzogiorno, chiamiamolo nazionalismo solidale, ci hanno insegnato che il trasferimento di risorse da aree più produttive, in cui il lavoro produce valore, ad aree bisognose non genera mai nuove capacità di produrre valore ma solo nuovi consumatori di valore altrui.

    • Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 9:57 am

      Concordo, ma è 150 anni che è così, e questi tonti che votano PD perché vogliono più Europa non la capiscono. Come non la capiscono i cialtroni pentastellati che ululano più onestà, ma non vogliono uscire dall’UE, anzi vogliono introdurre un reddito della gleba. Che costringerà il dipendente ad accettare un qualsiasi lavoro, altrimenti, dopo il terzo rifiuto: CINGHIA.

    • alberto I n · sabato, 30 gennaio 2016, 3:34 pm

      Il sud è dominato dalla mafia o camorra.
      Per avere uno sviluppo dovremmo abbattere
      la criminalità organizzata.
      Per abbattere la criminalità organizzata
      occorrono leggi di guerra,che nessuno vorrà
      applicare.
      Ergo,hai voglia di buttare denaro,dove siamo resteremo!

  12. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:37 am

    “Quella” ci doveva dire e forse ci avrà detto, come intende gestire il North stream, che passa per la Germania. Altro che balle!
    Io vorrei sapere di questo.

    • Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:40 am

      Non siamo mica qui a sventrare l’Adriatico perché siamo tranquilli quanto ad approvvigionamento energetico.

  13. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:36 am

    Sull’economia lascio fare a lei TITTA, ma vedrà cosa importerà a tutti del 3% quando cominceranno a volare bombe e saremo preda di un’invasione incontrollata.
    Qua ci si preoccupa del the delle cinque mentre la casa brucia.
    Lei Titta sarà un’economista ma io sarei una politica.

    • Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 9:48 am

      Se non se ne è accorta le bombe già volano. E si ricordi una cosa, la politica la si fa amministrando i soldi, quindi facendo economia.
      Io mi sto chiedendo come si può tenere bloccato un paese sui diritti Gay. Specialmente sull’adozione… quando un qualsiasi magistrato minorile può toglierti in qualsiasi momento la patria potestà. Magari si poteva impiegare il Senato della Repubblica su altre questioni cogenti e endogene.

  14. la barbie è la mia e la gestisco io · sabato, 30 gennaio 2016, 9:26 am

    Si vedeva dalla faccia di Renzi alla conferenza stampa che la Merkel l’aveva gelato.
    Un altro segnale della decomposizione europea.

    • Penelope Pitstop · domenica, 31 gennaio 2016, 10:42 am

      Il riassunto del Renzi show in tournée: “Ang(h)ela”.. “Ang(h)eeeela”..
      Cagato zero. Dov’erano i pugni? Sul tavolo? Non gli hanno inquadrati.

  15. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:26 am

    Infatti Titta. Quel rischia di frantumarsi ci fa ridere.
    Non so chi autorizzi Lerner a pensare che il nostro sogno sia questa EU.
    All’inizio non ero contraria perché pensavo ci avrebbe evitato guerre future ma adesso è chiarissimo che le guerre le avremo eccome!
    Per di più per conto terzi. E allora prima va a fan, meglio è.

  16. Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 9:20 am

    SPERIAMO CHE SI ROMPA TUTTO. SARANNO LACRIME E SANGUE, MA UNA COSA SICURAMENTE AVVERRA’: CHE L’ATTUALE CLASSE POLITICA, M5S COMPRESI, VERRA’ AZZERATA.

    • bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 9:22 am

      Tu bestemmi sul blog. Come mai una cosa del genere viene tollerata?

      • Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 9:28 am

        vai a cercare lavoro parassita

      • la barbie è la mia e la gestisco io · sabato, 30 gennaio 2016, 2:18 pm

        E lascia in pace tua moglie, sessista, maschilista e- quel che è peggio – violento!!!

      • bruno d · domenica, 31 gennaio 2016, 8:48 am

        A testa di cazzzo, io alla tua eta
        di fabbrica m’ero fatto svariati anni scemo.

  17. bruno d · sabato, 30 gennaio 2016, 9:20 am

    Ammesso e non concesso che l’articolo, seppur breve,
    assai rappresentativo di una realtà che molto ha contribuito nel corso degli anni a costruire la “tua”
    Israele, del tutto diversa da quello che doveva essere, per quel poco che ne sò, sia stato scritto da
    te medesimo, non collima affatto col tuo modo di scriver libri, qual’è la soluzione sul breve periodo che pensi di proporre?
    CE LO DICHI.

  18. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:19 am

    Spagna, Portogallo e soprattutto Grecia, caro Jules, sono del tutto inaffidabili.

  19. Julio · sabato, 30 gennaio 2016, 9:13 am

    Completamente d’accordo. E anzi, questi approfondimenti delle relazioni tra la Grecia, l’Italia, la Spagna e il Portogallo, sarebbero dovuti avvenire prima della crisi. I politici accorti si muovono prima che accadano i mali.

  20. Lady Dodi · sabato, 30 gennaio 2016, 9:07 am

    Se flessibilità vuol dire fare debiti, sono d”accordo con la Germania.
    Però si era andati a discutere di cose più importanti: il North stream e i 288 milioni che NON dobbiamo assolutamente dare alla Turchia.
    Qui, a noi Italiani avveduti,interessano queste cose. Mica di avere altri 80 euro che non ci risolvono niente.
    Non ci sottovaluti con queste cretinate della “flessibilità”.

    • Mastro Titta · sabato, 30 gennaio 2016, 9:23 am

      la smetta di sparar cretinate. Studi e vedrà che si accenderà una luce.

    • Penelope Pitstop · domenica, 31 gennaio 2016, 10:49 am

      Ma davvero? E com’è che la Germania, i suoi di debiti, quando sono stati abbuonati, della serie mettiamoci una pietra sopra, l’orgoglio teutonico e il rigore tedesco non si sono visti? Forse semplicemente, due pesi e due misure? Se non avessimo azzerato i debiti della Germania poi non ci sarebbe mai stata la GRANDE GERMANIA. Sarebbero morti di fame peggio di noi. Si chiamano ingratitudine e memoria corta.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.