Maurizio Landini si confessa “pentito dei talk show dove urlava troppo”

lunedì, 1 febbraio 2016

Maurizio Landini ha rotto il silenzio mediatico che lo circonda da un po’ di tempo concedendo una lunga intervista al “Fatto Quotidiano” di lunedì 1 febbraio 2016. Il segretario della Fiom spiega ad Antonello Caporale come la “coalizione sociale” da lui lanciata un anno fa abbia favorito la grande campagna di mobilitazione della Cgil suo lavoro, con un progetto di legge che sarà discusso e votato da milioni di lavoratori, e che potrebbe portare anche a un referendum contro il Jobs Act. Maurizio Landini spiega inoltre il motivo per cui è sostanzialmente sparito dalla TV, dopo averla “occupata” quasi ogni sera tra l’autunno del 2014 e la primavera del 2015. Il segretario della Fiom era diventato così richiesto dai talk show e così popolare a livello mediatico da aver spinto molte persone a pensare a un suo impegno politico in prima persona, come nuova guida della sinistra anti Renzi.

Era ogni sera pronto a dire la sua.
Quando mi sono accorto che mi trovavo a dovermi confrontare nei salotti con gente ignorantissima, approssimativa, che parlava di cose di cui non sapeva…

…gente che strillava insieme a lei.
Mannaggia, è il mio più grande cruccio. Faccio di tutto per tenere basso il volume però poi sbraco; senti delle corbellerie così incredibili e ti lasci andare.

Landini non ci fa compagnia la sera come una volta, dunque è al crepuscolo 
Landini adesso rifiuta di andare, sceglie quando è il momento, quanto è utile, quando c’è tempo per illustrare un pensiero e non fare bau bau.
La tv può uccidere
Ti vogliono trasformare in uno strumento, una comparsa, un pezzetto di teatro che serve alla messinscena quotidiana. Me ne sono accorto e sono corso ai ripari.

Nell’intervista col “Fatto” Maurizio Landini esprime giudizi particolarmente severi nei confronti di Renzi, criticato per non curarsi della disaffezione dei cittadini verso il processo democratico, verso cui bisognerebbe scaricare ” questa disperazione, questa enorme bolla di insicurezza e paura” del tunnel della precarietà. Il segretario della Fiom auspica un rapido ritorno al voto, anche se confessa di non sapere quale opzione politica scegliere.

36 Commenti

  1. Nino2491 · martedì, 2 febbraio 2016, 7:32 pm

    Ma dove pensa di andare Landini pur con la CGIL, ammesso che sia così, ma senza la CISL e la UIL? Cio che dispiace è che nessuno più tra i sindacalisti di cui parla la TV e la stampa, tanto meno Landini, si spenda o abbia tra i suoi obiettivi anche solo l’unità sindacale, non dico il sindacato unitario che forse è troppo. E senza unità chi ci perde è il mondo del lavora dipendente. Vedi cosa è successo dal 2000 ad oggi.

  2. Leda · martedì, 2 febbraio 2016, 5:15 am

    Bravo, Landini! Vada avanti con il suo coraggio di uomo pulito e impegnato per il bene sociale. Auguri!

  3. la barbie è la mia e la gestisco io · lunedì, 1 febbraio 2016, 8:37 pm

    Bravo Landini!
    Landini mi è simpatico,ideologia permettendo, anche se per una serata romantica sceglierei ovviamente un uomo che mostra il video dei gattini e non dei comizi landiniani! ;)

    • la barbie è la mia e la gestisco io · lunedì, 1 febbraio 2016, 8:40 pm

      Ma pensate se nell’eterologa verrete inseminate da un uomo che mostra il video di Landini al posto di quello dei gatti!
      Meditate donne, meditate!
      .
      A parte gli scherzi, Landini mi pare sincero. Gli auguro tanta fortuna, qualsiasi schieramento sceglierà!

  4. dal corriere della sera · lunedì, 1 febbraio 2016, 8:08 pm

    Truffe degli statali tra sanità e appalti In 10 mesi un buco da 4 miliardi

    Appalti truccati, assenteismo e consulenze inutili: i dipendenti pubblici infedeli finiscono nel dossier della Guardia di Finanza per il 2015 di Fiorenza Sarzanini shadow 19 2956 56 Ormai si sfiorano i quattro miliardi di euro, cifra record di «buco» nei conti dello Stato. È la voragine creata dall’attività illecita dei dipendenti pubblici infedeli.

    Funzionari corrotti. le truffe nel settore sanitario, i mancati controlli nell’erogazione di pensioni, indennità ed esenzioni, le procedure truccate per la concessione degli appalti. Ci sono gli appalti gonfiati e i medici assenteisti, le consulenze inutili e i doppi incarichi tra i casi più eclatanti scoperti dagli investigatori della Guardia di finanza.

    • marco · martedì, 2 febbraio 2016, 11:02 am

      ma chissenefrega
      i problemi italiani sono altru
      l’importante e’ che i gay possano sposarsi e adottare il figlio avuto con un utero comprato

  5. bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 4:25 pm

    C’è una categoria di persone che tutti schifano, che hanno perso tutto quello che può dare senso ad una vita normalmente organizzata e sono costretti
    da quelli che costringono anche me, a vivere una NON-VITA ad essere non-uomini.
    Invece di stare a pensare ai morti del passato e relativi errori che li hanno
    generati, sarebbe il caso di recuperare
    ad una vita piena, coloro i quali, in apparenza non possono nutrire neppure la speranza di avere un letto decente
    in un dormitorio pubblico.
    Penso che è da li che bisogna iniziare
    a costruire un mondo nuovo, da quelli che il mondo degli uomini normali, hanno scartato, quasi fossero pietre fesse.
    Io stesso appartengo a questa categoria di persone, piuttosto immeritatamente,
    oserei dire.

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 4:31 pm

      Ma in maniera autonoma e senza la Caritas e organizzazioni del tipo Comunità di S.Egidio.
      Senza, soprattutto uno che a Natale, si senta in dovere di sentirsi PADRONE di queste vite, e gli organizza pure una bella festa.
      In questa maniera qui, ne più, ne meno.
      https://youtu.be/lwaO2DN5luU

  6. Pasq80 · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:27 pm

    Quoto l’espressione manzoniana di Bruno : Landini un vaso di coccio costretto a viaggiare su un carro in mezzo a vasi di ferro. O strilla o sta in silenzio non cambierà la sua sostanza e la sua intrinseca materia ( di coccio) e nulla o poco potrà fare contro questo sistema governato da ignoranti e disonesti

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 4:01 pm

      Lui da solo, no, ma se tutti quelli che
      dovrebbero essere rappresentati da lui,
      trovassero il modo di alzare la testa, sarebbero cassi per le classi agiate furbe e ricche.
      Ora devo fare il caffè, dopo estrinseco.
      c’è una categoria di persone che potrebbe riuscire a cambiare questo stato di cose, basterebbe riuscire a farne un corpo unico.
      Come recita il Vangelo:
      -Beati gli umili ed i poveri di spirito, perché erediteranno la Terra.-
      Mi sa che sto giro vediamo se è vero.

      • Pasq80 · lunedì, 1 febbraio 2016, 4:34 pm

        Lui da solo, no, ma se tutti quelli che
        dovrebbero essere rappresentati da lui,
        trovassero il modo di alzare la testa, sarebbero cassi per le classi agiate furbe e ricche.

        La testa credo non l’abbiano mai abbassata. Sarei più propenso a
        pensare in termini di una rivoluzione , che rimanga dentro i binari del liberalismo , guidata da elites pensanti , ben preparate . Un processo di cambiamento ,organizzato non tanto a scopi eversivi , ma in difesa della costituzione sociale ancora in vigore. Vado anch’io a farmi il caffè. Buona serata

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 4:32 pm

      Manzoni, è Manzoni, mica uno qualsiasi
      come me, non sapevo che l’espressione fosse sua.

  7. marco · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:01 pm

    LANDINI ?!?
    PENSAVO CHE FOSSE IN CIMA A STUDIARE NUOVE STRATEGIE INDUSTRIALI ASSIEME AI SINDACALISTI CINESI PER LA PROSSIMA OCCUPAZIONE DELLE FABBRICHE

    LANDINIII
    VAI A LAVORARE PARASSITA

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:10 pm

      Caro Landini,
      chi ha scritto questo commento, ha offeso in toto, tutto il tuo impegno.
      Sappi che, se si va bene ad analizzare
      i processi storici:
      -CHI TI PORTA DALLE STALLE ALLE STELLE,
      SARA’ POI LO STESSO CHE TI RIFIONDERA’
      NELLA POLVERE APPENA GLI MUOVERAI UNA SOLA E LARVATA CRITICA.
      Per te, che sei un sindacalista, vale la figura di un’altro sindacalista,Po
      lacco Lech Walesa, da Presidente l’hanno riportato a fare l’elettricista, e gli ha detto bene, Jaruselskji, lo voleva togliere di mezzo.
      Meglio un saldatore vivo, che un eroe morto, oltretutto per salvare gli interessi di chi ci sfrutta da secoli.

      • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:36 pm

        Se vai poi ad analizzare fino in fondo, tutte le faccende politiche e di guerra, scoprirai che:
        -Davvero, tutto fa capo a Israele-
        Scavi scavi scavi, ed alla fine trovi l’ebreo che ha organizzato il tutto.
        Marx,Egel,Engels, Feuerbach,Kant, kafka,dietro Mussolini trovi la Sarfatti, l’esercito di Hitler era infarcito di ebrei, Stalin aveva studiato in Seminario, e già le sue idee erano intessute su concetti religiosi ebraici,Gesù Cristo, era ebreo, Madonna, Apostoli, le folle acclamanti, tutti ebrei.Napoleone era considerato il Messia dagli ebrei del suo tempo.
        Il Papa, non va forse dietro gli insegnamenti di un ebreo, che oltretutto era un osservante ortodosso?Lo vedi da te.
        Come si risolve la faccenda?
        fino al 1945, ogni venti anni si faceva una guerra per rimettere
        le cose a posto, e la cosa per i successivi venti anni pareva funzionare.
        Berlusconi stesso, non è stato portato su dagli ebrei della sua parte politica? Ed allora, ma di
        cosa stiamo parlando?
        Ora la gente ha scoperto che con un po’ di buona volontà, tutti si può campare almeno fino a 80 anni, e non vuole fare più la guerra. COME LA METTIAMO?
        O, SI SONO INVENTATI L’IS, I KAMIKAZE, CHARLIE HEBDO,L’INTEGRALISMO ISLAMICO, EBRAICO E PURE CATTOLICO, PERSINO
        L’UTERO IN AFFITTO CHE FA TANTO DOTT JEKYLL E MR HIDE, I FROCI CHE VOGLIONO SPOSARSI ED AVERE DEI FIGLI, TUTTO PUR DI NON MOLLARE UN SOLO LORO FOTTUTISSIMO PRIVILEGIO.
        nOI, INVECE SI VUOLE SOLO CAMPARE
        DECENTEMENTE.
        ADESSO CHE GLI FA COMODO, VOGLIONO L’UNITA’ DELLE SINISTRE, LE DESTRE PARE CHE I SOLDI CE L’HANNO. NON CAPISCO LA MELONI, SE E’ DELLA GARBATELLA, COME FA A NON ESSERE UNA CHE SI BATTE PER IL BENE COMUNE? ALLORA, MUSSOLINI TUTTI I TORTI NON LI AVEVA. MA LORO, NON VOGLIONO UNA DESTRA SOCIALE, LA VOGLIONO FASCISTA E REVANSCISTA, IN MANIERA DA POTERLA CONTRAPPORRE,ALLA BISOGNA ALLA SINISTRA TUTTA UNITA.
        NOI POPOLO, ALLORA, FACCIAMO UNA BELLA COSA, SENZA CAPORIONI, DA UNA PARTE E DALL’ALTRA, SCOPRIAMO DI NUOVO DI ESSERE TUTTI ITALIANI, DOPO SI VEDE.dOPO PERO’, NON PRIMA.
        POI, IN SENO AD OGNI REALTA’ ECONOMICA,POLITICA E SOCIALE,DISCUTIAMO DEI PROBLEMI E CERCHIAMO TUTTI INSIEME LA SOLUZIONE, E’ PIU’ FACILE, O NO?

  8. Vergogna Sindacale: Impiegato Comunale di PG con 651.000euro di pensione senza aver pagato i contributi. · lunedì, 1 febbraio 2016, 2:37 pm

    anche se confessa di non sapere quale opzione politica scegliere.
    —————————————–
    LANDINI deve affrancarsi dai ladri di stato, sostenuti anche dalla sinistra socialista.

    Sono loro gli STATALISTI i nemici degli operai e degli utonomi.

    Organizzi LUI un fronte ANTISTATALISTA, il nemico comune. Puo’ drsi che si riesca a demolire il CANCRO ITALIANO STATALISTA.
    Se poi non gli interessa vada a farsi benedire.

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:39 pm

      mA NON MENARE IL CAN PER L’AIA, SI FA IN FRETTA A TOGLIERE QUEI QUATTRO CORROTTI CHE UMILIANO LA NOSTRA STRUTTURA STATALE.
      aLLA PROVA DEI FATTI, BASTA ANALIZZARE
      CON LA GdF E I CARABINIERI, UFFICIO PER UFFICIO E VEDERE COME OCCUPANO IL TEMPO.
      ALTRO CHE – STRISCIA LA NOTIZIA – E LA SI BUTTA IN CAGNARA.

  9. tsè · lunedì, 1 febbraio 2016, 12:27 pm

    Mi sarei aspettato concludesse la seduta di autocoscienza promettendo d’urlare meno e portare più informazione – se gli interlocutori sono ignoranti bisognerà ben istruirli – ma figurati.

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:40 pm

      Ma, stava al cesso?

  10. cul de sac · lunedì, 1 febbraio 2016, 12:15 pm

    La cosa piu’ odiosa a mio parere di questi talk sono le claque , che non so se sono pagati dai vari rappresentanti o dai partiti , che ad ogni minima str.ta di uno di questi , giu’ applausi . Basta questo per cambiare canale

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 3:56 pm

      Si accende un apposito segnale, con su scritto APPLAUSI.
      Le domande son tutte pilotate ed assegnate prima dell’inizio della trasmissione, non è escluso che venga distribuito un gettone presenza, ma questa è roba vecchia, roba che facevano
      Democristiani e socialisti dei bei tempi andati.
      Oggi, non esiste più, nemmeno una coscienza di classe, e lo stagnaro ha il figlio dottore, magari disoccupato
      o che fa il commesso part-time, però è dottore.
      Mi vien da ridere quando sento parlare di ascensori sociali bloccati, ma quali bloccati, gli hanno tolto i motori, in maniera che pur laureato, tu debba fare lo spazzino, perché a fare il DOTTORE
      ci deve andare, solo il figlio di papà.
      Il famoso “68, è servito solo a creare false aswpettative. Oggi se hai bisogno
      di un buon chirurgo, DEVI PAGARE, altrimenti muori, e per quanto riguarda il resto E’ UGUALE.
      Se è lecito affermarlo, nel 1968, i figli del popolo, erano scolasticamente
      assai preparati, adesso, i figli del popolo conoscono a menadito tutte le canzoncine non sense, e sprecano il tempo dietro alle fiction tv.
      Le mamme lavorano, c’è la crisi, ma anche la famiglia più sfigata ha tre macchine in famiglia. l’unica crisi che c’è, è quella dei valori e della famiglia tradizionale, lo sfascio inizia tutto da li.
      PERO’ I SIGNORI HANNO LO YACHT, LA SERVA E TUTTI LI CASSI CHE SE LI STRACCIAFREGANO, chiaramente paghiamo tutto noi poveracci di spirito.

  11. Lady Dodi · lunedì, 1 febbraio 2016, 12:13 pm

    Appunto Wilson!
    E quando senti una dire cose del genere, cosa ti resta da ribattere tranne sfilarti le scarpe e tirargliele in testa sperando di centrarle un occhio col tacco a spillo?

  12. Donnadimezzo · lunedì, 1 febbraio 2016, 11:59 am

    Non ho letto nell’intera intervista il termine ‘pentimento’. Anzi, visti i motivi che spesso hanno portato Landini a reagire dando sulla voce ai suoi interlocutori sono certa che lo rifarebbe, nelle stesse situazioni (lei ha notato un cambio di passo nella scelta degli ospiti, nelle dinamiche, nelle domande, durante questi programmi?) E farebbe bene, aggiungo. Mi spiega cosa spinge un giornalista a riprendere l’intervista di un collega e a darne un’interpretazione personale (cosa che han fatto oggi e fanno spesso molti altri) che peraltro non corrisponde alla realtà dal momento che peraltro ne riporta solo una parte?

    • wilson · lunedì, 1 febbraio 2016, 12:06 pm

      Mannaggia, è il mio più grande cruccio

      Aiuto!

      Di cosa si crucciava dunque Salvini? Delle sue urla?

      • wilson · lunedì, 1 febbraio 2016, 12:14 pm

        Ops, Landini.

        L’intoccabile Landini.

        Comunque, si somigliano non solo nei nomi.

      • Armando Zappa · martedì, 2 febbraio 2016, 9:38 am

        « Ho cominciato a lavorare a 15 anni, a fare l’apprendista saldatore. Eravamo un gruppo di ragazzi giovani, lavoravamo in una cooperativa di Reggio Emilia. Dovevamo lavorare all’aperto, faceva freddo d’inverno e c’era un disagio. Non è che volessimo lavorare meno, volevamo vedere riconosciuto questo disagio e abbiamo chiesto alla cooperativa di affrontare questo problema. Era una cooperativa rossa, eravamo tutti iscritti al Partito Comunista e i dirigenti ci dissero che sì, avevamo ragione, però dovevamo tenere conto che la cooperativa aveva dei problemi e che dovevamo fare degli sforzi. Io ero giovane e d’istinto mi venne di interromperlo e di dirgli: “Guarda, tu sei un dirigente, e io in tasca ho la tessera del partito che hai anche tu. Però ho freddo lo stesso”. Lì ho capito una cosa: il sindacato deve rappresentare le condizioni di chi lavora e non deve guardare in faccia nessuno. »
        Maurizio Landini

        penso che le persone vadano giudicate per la
        loro storia e per la loro coerenza…
        al momento Landini guadagna 2.500 euro al mese, ricordiamoci i mega stipendi degli
        altri dirigenti sindacali…fino a quello
        scandaloso con relativa pensione di Bonanni, ha una grossa responsabilità sindacale…fin’ora nessun movimento politico di sinistra è riuscito ad imbrigliarlo…
        Landini come Salvini
        Wilson la tua meschinità alla fine riesce sempre emergere…

  13. bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 11:37 am

    insicurezza e paura” del tunnel della precarietà. Il segretario della Fiom auspica un rapido ritorno al voto, anche se confessa di non sapere quale opzione politica scegliere.
    ———————————-
    Quale opzione politica scegliere?C’è
    poco da scegliere, serve un Governo d’unità Nazionale, l’unica opzione
    che deve prevalere, è in buonsenso.
    Scusate, fino a Craxi, Berlusconi già era altro, si è proceduto sulla via del consociativismo, a tutti i livelli.
    Che differenza fa se questo modo di operare, viene fatto alla luce del sole?
    E pure meglio, se si gestisce alla luce del sole, lo spirito di collaborazione fra chi ha nelle mani i mezzi di produzione e chi deve usarli al fine di ottenere un risultato economico gratificante per tutte le parti sociali
    non più concorrenti ma collaboranti, potrebbe dare frutti assai più sostanziosi che non l’imposizione più o meno apparente del dovere.
    Certo occorre senso della misura, risultati chiari e visibili a tutte le parti, e divisione della torta più equa, cercando di evitare le aberrazioni a te uno, a me quattromila volte il tuo uno, a te uno, a te tre, già suonerebbe meglio, il valore o l’impegno le capacità vanno premiate.
    Da aggiungere che questa forma di collaborazione, non collaborazionismo
    alla fascista o comunista, rappresenterebbe l’ultima spiaggia, dopo c’è nsolo la TIRANNIA, e non alla
    Berlusconi, che come s’è visto era una roba da ridere, tutta crapula e malgoverno, eccessi da una parte e dall’altra in un solo senso: il debole paga per tutti, ma alla Pol-pot, e lo scontro sociale, dati i presupposti, sarebbe durissimo, con morti e feriti.
    Gli anni di piombo,a confronto, sarebbero da paragonare agli scontri fra I RAGAZZI DELLA VIA PAL.
    Uno dei grossi problemi che ha la società civile italiana e pure europea,
    è la TOTALE INEDUCAZIONE DEI GIOVANI.
    Le mamme, devono poter tornare a fare
    le mamme, e le nonne, le nonne.
    E’ talmente stupido il concetto, da sembrare irreale.
    Una giovane mamma, ha tutto l’entusiamo possibile ed immaginabile, per star dietro al suo pargolo, senza contare che stando a casa, potrebbe averne più di uno, potrebbe occuparsi dei vecchi,
    che si chiamano vecchi, perché son vecchi, stanchi, pieni di acciacchi e stufi di una vita ricca di sacrifici e povera di autentiche soddisfazioni.
    La signora Franca Eckert,ha la serva a casa, a suo buon diritto, e così gran parte di quelli, tutte teste pensanti
    che abitano nel suo condominio.
    E’ tutta gente straniera, giovane o di mezza età.
    Queste persone, solo per vivere, hanno dovuto abbandonare i loro vecchi, a se stessi.
    Vale la pena sacrificare al proprio egoismo la vita degli altri, signora ECKERT?
    Lei, è talmente egoista, nel suo modo di essere, di non essersi neppure accorta, e con lei rav Scialom Bahbout,
    rav Vittorio della Rocca, rav Toaff ai
    suoi tempi, rav Riccardo di Segni, ancora oggi non capisce che male ha fatto alla famiglia di chi scrive,rav Alberto Piattelli,fino ad arrivare a coloro i quali, quando io sono arrivato fra voi, in totale buona fede, a chiedere di diventare uno di voi,erano poco più che ragazzini,Alberto Ouazana e Alessandra, ad esempio,Alberto di Capua,Carla di Veroli,Roberto Perugia,
    Enrica Perugia, Riccardo Pacifici, ed ora che hanno sulle spalle la responsabilità di una famiglia, hanno ancora il coraggio di puntare il dito verso di me. Elena Lattes, Marta Lattes, queste son tutte persone rispettabilissime,Fiamma Nirenstein,
    ebrei ed ebree, che in nome di valori sacrosanti, a me hanno contribuito a fare solo un ulteriore CULO COME UN SECCHIO.
    Posso capire le perplessità di Gad Lerner, che può dire:
    - Ma se io neppure ti conosco, perché
    mi attacchi e pigli di petto?-
    Tu non mi conosci, ma tutti gli altri si, non hanno scusanti e continuano tranquilli e beati per la loro strada.
    NATURALMENTE LA LISTA E’ DI PARECCHIO PIU’ LUNGA, ma questo è un dettaglio,
    Chissà cosa pensa rav Elio Polacco su dall’alto dei cieli, oppure rav Eliahu Ouazana,lo shochet che per primo fece in modo che arrivassi nella sua macelleria.
    Siamo sempre li.Questi sono gli ebrei, coloro che guidano, i guidati, alla prova dei fatti, devono e sono costretti a seguirli,e senza protestare.
    Cosa posso fare io? Quale vendetta dovrei perseguire ora che i responsabili del malessere che grava sulla intera società italiana sono stati individuati?
    La mia vendetta consiste nel riuscire
    ad avere giustizia per quello che m’è stato fatto, secondo le responsabilità che ciascuno ha, o pensa d’avere.
    Di certo, non vado a sparare in bocca a chi materialmente,21 anni fa ha messo per strada, me e la mia famiglia, però,
    mi piacerebbe tanto raccontargli che cosa è successo dopo, nei 21 anni appena trascorsi, pensate che proverebbe rimorso? Manco per niente.
    E questo non era ebreo, e nemmeno il figlio di papà, mod. babbooooooo, messo a comandare nell’ufficio RISORSE UMANE
    poichè suo padre era uno che conta o contava,ha una figlia e una famiglia sfasciata. Di uno ho perso le tracce
    vigliacco com’è, e un’altro è morto, a Dio piacendo, e con lui,sei mesi prima suo figlio ventenne, andatosi a schiantare cdon una volvo 380 sul muro
    perimetrale di un manicomio.
    Questo signore era quello che aveva il massimo della responsabilità, nel mio caso.E’morto di crepacuore, per il motivo di cui sopra.E non era ebreo.
    Anzi per dirla tutta, dei quattro che tanto si sono adoperati affinché rassegnassi le dimissioni sulla base di una lettera di licenziamento, che ancora conservo, pretestuosa e da infami,nessuno era ebreo.Nessuno dei miei compagni di lavoro, era ebreo.
    Vuol dire che IL MALE non ha limiti o confini, è come diceva Pannella a proposito di un ipotetico partito che tutto attraversa, pervasivo,transpartitico e transnazionale, potenzialmente anche
    IL BENE lo è, ma la sua strada procede in salita, per cui se i benefici sono gli stessi, ai più conviene perseguire la via del MALE, e così han fatto i miei amici ebrei TRIPOLINI in massima parte,e al pari dei malfattori goym,ci
    hanno riso su, anzi, le prese per il culo si son sprecate.
    O NO, CARO RAV DI SEGNI, CHE A BEN VEDERE SEI IL PIU’PULITO?
    Devo citarti ISAIA? E capiresti? Temo di no.
    Sei un grande erudito, ma nulla a che vedere col buon senso che dovrebbe caratterizzare L’AZIONE DI UNA AUTENTICA AUTORITA’ MORALE.
    Allora, posso riavere il mio lavoro?
    Per un giorno solo, dopo INSIEME A TUTTA LA CONGREGA MI DATE UNA MANO ED
    I MEZZI PRATICI ED IDEOLOGICI, NONCHE’
    MORALRELIGIOSI, AVVOCATO COMPRESO, PER FAR CAUSA A QUELLA BRAVA GENTE CHE VOI AVETE PROVVEDUTO AD EDUCARE A QUEL COMPORTAMENTO DA RAPINATORI SERIALI.
    Il Job-Act, chi l’ha partorito,Gad Lerner? E’ ebreo.
    La Costituzione italiana, chi l’ha partorita, Terracini? Era ebreo, il
    PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
    chi l’ha fatto eleggere e a loro ende continuamente omaggio?
    GLI EBREI temo possa essere un fatto, e non una mia opinione.
    O NO?!

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 11:43 am

      Carissimo Di Segni dott. Riccardo, ho bisogno del dentista urgentemente,sto a reddito zero, come ben sai.
      DIMMI IN CHE MANIERA, IO POSSO USUFRUIRE DELLA SANITA’ PUBBLICA.
      Senza sborsare una lira, quello che porta a casa mia moglie basta appena a sopperire ai nostri bisogni primari.
      Non desidero avere favori, tu sei stato
      un primario OSPEDALIERO sicuramente c’è
      un sistema per avere quanto mi necessita.
      ALMENO QUESTO LO PUOI FARE?
      Non azzardarti ad offrirmi la carità come hai fatto in passato.

  14. Lady Dodi · lunedì, 1 febbraio 2016, 11:03 am

    Si la tivù è una schifezza. Vedo adesso gli pseudo dibattiti sul matrimonio pederasta e francamente l’unico modo di interloquire sarebbe tirare addosso a certa gente le scarpe. Le loro tesi sono talmente sbalestrate che ogni parola è inutile.

    • Lady Dodi · lunedì, 1 febbraio 2016, 11:07 am

      Come si fa a restar seri davanti a Papi e Popi che sostengono che qualcuna gli ha regalato un ovulo e un’altra messo a disposizione l’utero gratis et amori dei?

    • wilson · lunedì, 1 febbraio 2016, 12:02 pm

      Senti questa, Dodi.
      Anche la moglie di Abramo è ricorsa all’utero in affitto, dunque la cosa non è affatto incivile, visto che millenni fa si faceva.
      L’ho sentito dire da una femminista.
      Già, ma la concubina di Abramo era una sua schiava, obbligata a fare quello che diceva il padrone e la padrona.
      Pensavo che le femministe volessero andare avanti, non indietro. E invece ne ho sentita una sdoganare lo schiavismo!

  15. bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 10:25 am

    insicurezza e paura” del tunnel della precarietà. Il segretario della Fiom auspica un rapido ritorno al voto, anche se confessa di non sapere quale opzione politica scegliere.
    ————————————-
    Devo avere meno fretta e non dare per scontate le conclusioni: potrebbe essere esiziale, comunque c’ho presoin pieno.
    Un consiglio, per tutti coloro che organizzeranno le liste di prostituzione al voto.
    Fate in modo che l’età di chi si prevede verrà eletto, fluttui in un range che spazi fra i 55 ed i 65 anni.
    E’ per una questione di credibilità agli occhi dei cittadini elettori.
    Se l’aspettativa media di vita si è attestata intorno agli 80 anni, la maturità psicologica dei 40enni, è scesa intorno ai 25 anni.
    Chi governa deve essere necessariamente autorevole.
    I giovani, hanno dimostrato nei fatti di aver bisogno di tutori politici, tanto vale eleggere direttamente i tutori, i quali poi terranno vicino a se per l’intera legislatura, un appren
    dista stregone, che sappia alla bisogna continuare l’azione di colui che gli ha insegnato a governare basta improvvisazioni, ne abbiamo fin sopra i capelli di questa gente così giovane ed impetuosa,saccente, ignorante e priva di modi e modus operandi.Presuntuosi, oltremodo, peraltro.

  16. bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 10:13 am

    Landini, io sono convinto che fra tutti tu sei il più pulito, ma comunque fai parte del loro circo.
    In quel tipo di circo, si entra, ma non si esce.
    Ora decidi tu cosa vuoi fare,loro partono dal presupposto che ogni uomo ha il suo prezzo.
    Chi scrive ha una discreta esperienza di fabbrica e di sindacato.
    Son stato iscritto al PCI, e pure alla CGIL.
    Sono entrato in fabbrica il 21 5 1973
    operaio comune di primo livello OC1
    Ne sono uscito “convinto” dalla controparte il 30 3 1995, mi mancavano tre mesi ai 40 anni.
    Quando ho “dovuto”, dare le dimissioni
    su lettera di licenziamento, ero di
    5° livello metalmeccanici.
    Hai voglia a cantare “Cara moglie”, le mie figlie avevano 11 mesi e 7 anni, ai miei compagni di lavoro, non è fregato un casso,a quelli iscritti alla CGIL
    ancor meno.
    Di te penso che tu sei una persona estremamente pulita, ma indifesa in mezzo a “piselloni” del calibro di quello di Gad Lerner, che magari, in separata sede, oggi, a giudicare dalla sua azione parapolitica sul paraplegico, AMA prenderlo nel culo,cassi suoi, ma a livello di come illustrato sopra, AMA oltremodo inculare le brave persone come te.
    Davanti a te, credo che tu abbia due strade, tertium non datur, ti è preclusa, faresti la fine di Bossi, o
    quella di Bruno Trentin, che mi capitò di incontrare ubriaco mentre usciva da una bettola di Trastevere, aveva una coscienza che gli rimordeva, il Trentin.
    1 scendi a compromesso con la tua coscienza, e ti adatti a dire in tv,
    quello che ti dicono di dire, e sai bene che non sempre è per il bene dei lavoratori, ma per quello dell’intera nazione, che basa la propria economia
    principalmente sul manifatturiero, e tu facevi il SALDATORE, proprio come me.
    2 Decidi di far finta di adattarti alle loro volontà, per poi combattere la tua
    lotta di operaio vero e coerente, e faresti la fine di Bruno Buozzi e di tutto il direttivo CGIL, massacrati alla Storta nel 1945, non si sa bene da chi e perché, ma son sepolti in una bella tomba al Verano.
    In questa maniera ci passeresti da eroe e martire del lavoro e del sincalismo,e
    loro, sulla tua pelle, ci farebbero passare anche le riforme delle riforme.
    Il job-act, un’altra bella inculatura per la classe operaia, che andrebbe a sfociare in un novello combinaction act
    così tolgono anche la possibilità di fare assemblee nelle fabbriche.
    ———————————
    Di la verità, quando sei solo con te stesso,ed io credo tu abbia almeno intuito in mezzo a quali vasi di ferro,
    tu che sei de coccio, ti ritrovi, pensi:
    - E mo’ che faccio?-
    Fa un po’ te, ma come ti muovi muovi, sei sotto scacco matto.
    E loro, i padroni, stanno tutti a casso dritto, pregustando un godimento, che non può mancare, se no facevano gli operai piglianculo come noi.
    Per come sono fatto io, da sconsiderato qual sono accetterei il rischio di giocare con le carte che loro mi metterebbero in mano, ma io sono io,
    e tu mi sembri troppo rigido per riuscire a piegarti come un giunco sotto l’imperversare della tempesta.
    Particolare da non sottovalutare, la
    capacità di rimanere integri, quelli di soldi, eventualmente te ne darebbero assai più di quanto la tua immaginazione possa ragionevolmente suggerirti, sarebbe per te, una occasione alla quale difficilmente saresti capace di sottrarti, senza approfittarne.
    Al momento sei più che integro, sei addirittura un’icona seppure con tutti i tuoi difetti e manchevolezze culturali, ma avresti l’innegabile capacità, agli occhi degli operai e degli sfruttati in genere, di rappresentare una speranza non indifferente sulla strada per il raggiungimento della Giustizia Sociale.
    Pensa, avresti anche gran parte del mondo ebraico italiano,anche di destra a sostenerti, grandi onori, ricevimenti
    anche al di la dell’oceano, tira un’aria strana, pare che tut an bot,servono operai che producano a più non posso, e che in qualche modo tocca illudere.Di nuovo, ma senza soluzione di continuità con il passsato.

  17. Mastro Titta · lunedì, 1 febbraio 2016, 9:22 am

    Naturalmente nessuno sente la mancanza di gad Lerner

    • bruno d · lunedì, 1 febbraio 2016, 10:15 am

      è morto? Secondo me sta incontrando D’Alema er maximo, nelle Segrete Stanze.
      Il governo Renzi scricchiola di brutto.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.