Sorpresa in Iowa: Cruz batte Trump, Clinton pareggia con Sanders

martedì, 2 febbraio 2016

I caucus dell’Iowa sono andati piuttosto diversamente dalle aspettative, e hanno evidenziato quanto la primarie di Usa 2016 siano e saranno aperte ancora per diverse elezioni. Ted Cruz ha battuto Donald Trump, arrivato secondo e quasi raggiunto da Marco Rubio che ha sfruttato il voto di chi ha deciso all’ultimo momento prima dei caucus. Il senatore del Texas ha fatto il pieno nella destra evangelica, mentre il miliardario repubblicano ha pagato il suo limite di aver un consenso assai marcato tra i suoi sostenitori, ma poco trasversale. Tra i Democratici Hillary Clinton ha dichiarato vittoria quando il risultato dei caucus è ancora incerto. I delegati saranno assegnati in maniera probabilmente identica tra l’ex segretario di Stato e Bernie Sanders. Altre considerazioni su Giornalettismo.com

29 Commenti

  1. cruz l' ora bussa · martedì, 2 febbraio 2016, 2:24 pm

    CruZ è quello che ci vuole,
    penso che lo Spirito Santo sia con lui,
    tutto il mondo deve mettersi in cammino.

    • Klinton doc · giovedì, 4 febbraio 2016, 10:23 pm

      Vediamo,decidano gente serie no pirle come te.

  2. grillo parlante · martedì, 2 febbraio 2016, 12:51 pm

    Per Bruno D, vari post.
    Poveretto, sei proprio uno sfigato demente, con i tuoi sproloqui.
    Lo credo che sei senza reddito.A sentirti parlare o scrivere in questo modo ti cacciano a pedate da qualsiasi posto, se prima non chiamano il neurodeliri.

  3. Giovanni M. · martedì, 2 febbraio 2016, 12:39 pm

    Negli stati uniti è’ necessaria una svolta rigorosa e anticomunista chiara per dirigere in tal senso anche l’europa.

  4. al · martedì, 2 febbraio 2016, 11:06 am

    Sanders, facci sognare!

  5. Armando Zappa · martedì, 2 febbraio 2016, 10:17 am

    pare che il centro destra, dopo aver valutato
    i sondaggi che danno vincitore alle primarie
    del PD Beppe Sala, abbiano intenzione di
    candidare Stefano Parisi…ex direttore generale
    di Confindustria..ex amminastratore delegato
    di Fastweb…attualmente proprietario di Chili TV…praticamenete uno sconosciuto al grande pubblico…del resto sono coscienti che molti elettori di centrodestra milanesi voteranno per Sala..quindi per non esporre alla sconfitta loro personaggi di rilievo Berlusca e Salvini pensano di proporre un signor nessuno che anche se sarà sconfitto tornerà tranquillamente a suoi affari…magari con
    qualche mega commessa da parte di Mediaset..

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 10:19 am

      Ognuno cura il suo orticello. Sicuri che Berlusconi non ha una vigna cascinata pure lui?

  6. bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 10:15 am

    Ieri sera, sono uscito,sollecitato dalla moglie che dalle diciannove alle ventuno
    vuole la cucina tutta per se, senza il
    rompikoglioni a girarle attorno e che gli fa osservazioni a piè sospinto.
    Bene, sono andato dal tabaccante a comprare le MS, poi da Antonio che ha una ferramenta e prima faceva il vetraio.Stava chiudendo, e così sono andato via.
    M’ha presomil solito attacco di cacarella, mi son buttato nei campi ai lati di un rettilineo che delimita il centro abitato.
    Gliel’ho fatta giusto in tempo, e meno male che avevo i fazzolettini tempo, quelli sulla cui confezione è scritto:
    - Il posto giusto dove mettere il naso.-
    Va buò, vorrà dire che per il naso,userò la carta igienica.La zona la conosco benissimo, tant’è che ormai, in linea di massima conosco i miei tempi,
    e se non m’impiccio nell’azione, gliela faccio comodamente.Il problema sorge, quando l’attacco di cacarella si verifica in mezzo a Roma, e per di più
    non ho il necessaire, la carta.
    Mi sononaccorto di essere diventato allergico al lattosio, ai formaggi in generale, per cui se assumo un alimento
    che non è a base di latte, ma per qualche motivo ne contiene in piccola
    quantità, apriti …..colon !
    Insomma, non ieri l’altro, ma la domenica precedente, mi trovavo sulla Nomentana a Roma, mi son detto:
    - Mo vado a vedere se c’è Babbbooooooo.- Luca Zevi, sta al 150, tanto lo sanno pure i sassi.
    All’altezza di Villa Torlonia, un attacco di cacarella.Non la riuscivo a tenere.
    Mi son visto perso, già m’immagginavo
    puzzolente sulla via del ritorno.
    Costeggiavo il muro perimetrale di Villa Torlonia, la casa di Mussolini a
    Roma, più che sua, di Donna Rachele e i figli, dato che lui trescava di brutto
    e non solo con la Petacci.
    T’ho visto un tizio che fendeva il muraglione, per la miseria,ero salvo,
    quantomeno avevo una speranza di farcela.
    Ho imboccato stringendo le chiappe disperatamente, c’era qualcuno, ma sparso.
    Facendo il vago, ho guadagnato lo spazio ristretto e verde fra dei palmizi del tipo basso, meno male,davvero provvidenziali, m’è venuto
    da pensare a mia figlia che dovrebbe essere specializzata in Architettura degli esterni, quindi anche nell’uso di
    piante ornamentali, forse lo stesso Luca ha curato la piantumazione dei bassi palmizi.
    Confuso col verde, ho una specie di soprabito verde militare, lo stesso col quale appaio su facebook, ho sganciato gli straccali, giù i jeans,semiflessione del tronco sulle gambe, per raggiungere idonea posizione:
    - Spash !- Just in time.
    Una puzza terribile, ma che m’ero magnato?
    Son riuscito a risolvere la questione carta alla meglio e mi son ricomposto.
    Tutta roba biodegradabile, la puzza passa, o ci si abitua, come nel caso
    della crapa.
    Ho notato, che fra i palmizi bassi circostanti in parecchi ultimamente, e
    pure dalle parti della Roma-bene, hanno sofferto o soffrono di improvvidi attacchi di colite.
    Comunque da Luca c’era solo la serva, ho girato deluso i tacchi e mezzo stralunato ho fatto una lunga camminata
    fino a Villa Borghese, c’era il cadavere di Scola, ma pure li era chiuso, quando ho incontrato Paolini,
    mi pare già d’averlo scritto.
    La verità? Non mi dispiace scrivere del più o del meno sul PC.Perdo tempo? Rispetto a che? La spesa l’ho fatta ieri, le sigarette ce l’ho, ma che me frega, la vita a ben considerare, è tutta una perdita di tempo:
    -Posso far finta di essere ricco e benestante anche io?-
    Basta poco, che ce vò?
    Mi domando, ma a rav Di Segni, sarà mai capitato di avere un attacco di colite
    sulla Nomentana?
    A piedi poi…..da quelle parti, abitava anche la Rita Levi Montalcini,
    ed uno che conoscevo, e che faceva l’avvocato, ma non mi dava un grosso affidamento, come fra i chirurghi, c’è chirurgo e chirurgo, anche fra gli avvocati, c’è avvocato e avvocato.
    A proposito, quando si dice il caso,
    fra le mie conoscenze ce n’è uno soprannominato:
    - BABBO !-
    Pure questo ama dipingere come il Piminkia, ma le sue croste, sono a dir poco obbrobriose.
    Si occupa di cause condominiali, Stefano, una brava persona, mica no, solo che, se tanto mi da tanto…
    le croste son davvero terribili.
    Tempo fa misi questo mio tipo di riflessioni su facebook:
    se l’è legata al dito, ma già glielo avevo detto direttamente a studio che
    come pittore….uguale all’avvocato.

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 10:17 am

      Dimenticavo di aggiungere a proposito di ieri sera, che qualche magrebino, ha piantato la propria tenda fatiscente, anche dietro dove ier sera ho dovuto accucciarmi per dar sfogo all’impellenza dei miei bisogni primari.
      Se c’erano, spero che dormivano.Quella è di giorno, appare d’essere una vera e propria oasi, con piante al centro.
      Se uno è arabo in un qualche modo si accampa da arabo, o in mezzo alle cannucce, o sul limitare di piante.
      Mi sembra che siano lecci, da noi le palme son morte tutte, se n’è salvata solo una.

  7. Liberatidalnano · martedì, 2 febbraio 2016, 9:11 am

    Mettetevi in testa che i sondaggi non sono mai attendibili e che giovano solo a chi li fa ( vedi Mannheimer) . Nel TG di mitraglia, ogni lunedì un bell’imbusto sforna sondaggi elettorali con commenti che ne spiegano i risultati.Questo bell’imbusto è lo stesso che in occasione delle ultime elezioni aveva toppato clamorosamente i risultati. Ma è ancora lì,che discute con Mentana e presumibilmente riceve fior di quattrini.

    • Klinton doc · giovedì, 4 febbraio 2016, 10:26 pm

      Vai al bagno nano.

      • Klinton doc · giovedì, 4 febbraio 2016, 10:26 pm

        O culo

  8. mary · martedì, 2 febbraio 2016, 8:53 am

    Mollica
    pensa come si rodono gli sbavatori del miliardario ,nel blog
    anche se,Cruz,me’ un conservatore come gli altri
    ma,i repubblicani,sono la destra americana, quinbdi,tutto scontato
    il potere delle lobbies anche delle armi,farmaci ,assicurazioni,e nonb solo,
    tutto scontato

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 9:21 am

      Ma allora sei una autentica tuttologa.

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 9:22 am

      Senti un po’, tu che sai tutto,dove l’hanno sepolto Lerner?

  9. Mastro Titta · martedì, 2 febbraio 2016, 8:16 am
  10. CON RENZI SO K..I PER L'EUROPA · martedì, 2 febbraio 2016, 8:08 am

    Sorpresa in LOMBARDIA, MILANO: BALZANI FLOP

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 9:25 am

      E che sorpresa è,serve gente capace di far fare profitto agli altri come nei bei tempi andati, a prescindere che a Milano l’economia, checché ne dicano le Cassandre varie, tira che è una bellezza.
      Ho i miei sensori in loco.

  11. bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 7:59 am

    E dopo Lucio Dalla, Pino Daniele,quell’altro che ballava “strano”, il comunista Rifondatore, e adesso Ettore Scola, tutti i nostri sogni, chiamiamole utopie, che è meglio,
    stanno andando direttamente al Camposanto, insieme a loro.
    E di nuovo?https://youtu.be/Galh1EldCH8
    Niente di nuovo sotto il sole,
    o meglio, ricorre lo straabusato:
    -C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole,
    anzi, d’antico.

  12. .. · martedì, 2 febbraio 2016, 7:48 am

    Vince il “senatore ultraconservatore”del Texas Ted Cruz
    titola un giornale…

    • Usa · giovedì, 4 febbraio 2016, 10:21 pm

      Hillary klinton vincera,
      tutto altro solo fumo .

  13. bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 7:39 am

    Compare Turiddu incontra compare Salvatore di ritorno dalla fiera con una capra al laccio, che porta con se.
    - Compare, ti sei comprato una capra,
    ma tu la stalla non la tieni, dove pensi di metterla?!-
    - Ma sotto a lu letto, none?-
    - Cumpare, e cu la puzza, comme fai co
    la puzza?-
    - Cumpare Turiddu, che vulissi: la crapa ci si abbitua——.

  14. pinky700 · martedì, 2 febbraio 2016, 7:38 am

    ho letto che Cruz è persino + estremista e fanatico di Trump,annamo bbene.Mi sa che stanno giocando tutti per Bloomberg

  15. Mastro Titta · martedì, 2 febbraio 2016, 7:37 am

    Se credete che la Clinton o Sanders siano “progressisti”! Allora vi meritate Renzi.

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 7:43 am

      @Mastro titta, io in primavera, mi taglio i capelli alla MOHICANA, striscia
      di capelli modello elmo antico romano,poi mi applico la piuma alla stessa maniera, e metto su i colori di guerra.
      Come posso fare per arrivare in IOWA?
      Ma a te, gli americani, ti sembrano
      normali?
      Per me son proprio fuori di testa.

  16. bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 6:33 am

    Sorpresa in Iowa: Cruz batte Trump, Clinton pareggia con Sanders
    ———————————-
    L’Inter, sta sempre in rianimazione?

  17. bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 6:29 am

    Che fine ha fatto il Deux ex-machina? E’
    andato a Maranello a provare la sua nuova Ferrari?
    Mi pare giusto:
    -Salta chi zompa-
    E’ vero che ha preteso che sul cofano anteriore,al posto del cavallino ha preteso che fosse apposto il somarello?
    Ma che originale, un vero radical-chic.

    • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 7:32 am

      Se gli “avanza” una Rolls, l’accetto volentieri, purché marciante.
      Naturalmente le rate deve averle finite di pagare tutte.
      Landini che ha deciso, torna a fare il saldatore? D’Alema, farà il Ministro della Guerra?
      Solo io non ho un reddito, vai a sapere perché.
      A quest’ora poi, di solito varcavo i cancelli su a Genova e appena sceso in reparto, il Reparto Caldereria, a Campi, mi piaceva quel frammisto di odori che di prima mattina, e di questi tempi freddo ne faceva, venivano a scaldare le nari.
      Il ferro ha un odore che ricorda molto da vicino, quello del sangue mentre si rapprende.
      E poi i rumori, il reparto Caldereria è quello da dove a fine carriera si esce sordi, eppure di mattina si sentono solo i rumori prodotti dalle centinaia
      di pacchi lamellari dei trasformatori che alimentano le macchine.Sembrano tanti cicaloni che quietano in attesa di frinire a tutto spiano sotto il sole cocente.
      Ci si cominciava a svegliare davvero,dopo aver timbrato il cartellino, ed averlo riposto nell’apposita rastrelliera.
      - Mea, manniman te ga passo a man..-
      Il riferimento era palese, durante la settimana i calderai non scopavano mai.
      Gli odori, gli stessi, o almeno assai simili a quelli che provenivano, meglio dire esalavano, dalla bottega da fabbro di mio cugino Nunziatino, laddove mia madre, in estate mi costringeva ad andare,per tenermi “ritirato”, diceva lei.
      Polvere di ferro, polvere di carbone,
      per via della forgia e quell’odore di
      acqua frammista a piscio, proveniente
      da una vasca in marmo, dove il mastro,
      si chiamava Rinaldo, secondo me, oltre a raffreddare il ferro bollente, pisciava pure, per evitare di farla per strada, tanto quella sempre acqua è.
      Se penso che a volte ci si sciacquava
      anche le mani, per togliere il grosso
      dello sporco, da queste….ma, realizzo
      ora, lui fra le varie cose che faceva
      ferrava asini e mule, e vacche e pecore
      con relativi odori facevano parte integrante dell’intero ambiente circostante.
      In fondo era cosa normale anche apprezzare certi odori pesanti che provenivano dal corpo di certi clienti
      che finivano per puzzare più delle loro
      bestie.
      Penso agli scarponi che mio padre toglieva a casa, dopo essersi fatto
      8 giorni “a guardare” le pecore,su in alta montagna.
      Ecco, la cosa che davvero mi mancava,nel reparto-caldereria,erano
      un asino legato per la cavezza dietro
      la pressa da 400 tons, dove avevo piazzato una specie di sedia ed aspettavo di riprendere il lavoro,oppure veder passare una morra di pecore nel camminamento centrale del
      reparto, e giù in fondo vicino all’ingresso intravedere la sagoma di mastro Rinaldo che ricurva,mentre mio cugino, o lo stesso padrone della bestia,tenevano la zampa della mula,curava a dovere il cambio del ferro, praticamente convergenza ed equilibratura delle auto di una volta.
      Andando a bottega, avevo cominciato ad
      apprezzare ed amare e odiare quel mestiere, avevo scelto io di fare il corso da saldatore, dopo quello da elettromeccanico dai Salesiani,e una volta a Genova, masochista più che mai,
      volli fare l’ulteriore corso di nove mesi, per saldo-calderaio iri/ancifap.
      Non pensavo più ai somari o al voler ferrare le mule, ma al potere usare
      quanto volevo la saldatrice, cosa che a bottega, m’era totalmente preclusa.
      Gli amori, non finiscono mai, ancor oggi se devo realizzare un piccolo lavoro per casa, tendo a privilegiare l’uso del ferro, e di una piccola saldatrice elettrica, di cui ho ottimizzato il funzionamento, aveva dei difetti di costruzione, che ne inficiavano il rendimento, ora va come un treno.
      Non sto più in fabbrica, non sto più al paese, abito in un posto, dove per arrivare al mare, faccio proprio due
      passi, e nuovi odori abitano nelle mie
      narici, ad esempio quello della nafta
      mal bruciata, proveniente sai motori
      diesel, dei motopescherecci che a sera
      vengono tirati a secco sulla spiaggia
      perché manca la volontà di costruire un
      porto, ed anche la voglia.
      Nessuno di quelli che abitano qui,ed hanno la mia età ha le radici esistenziali totalmente affondate fra
      terra e sabbia di questi lidi.
      L’insediamento risale al 1939, bonifica delle paludi Pontine ed assegnazione delle relative terre.
      Vai a sapere quali odori e sapori e quali personaggi tendono a ricordare
      i vecchi di qui.
      Certo, i nipoti di questi attueranno la
      mutazione del luogo, dandole un’anima finale,propria,originale.
      Intanto quelli come me, godono e soffrono ancora delle mille mutazioni
      che hanno voluto o dovuto sopportare.
      Nella vita, si cambia.

      • bruno d · martedì, 2 febbraio 2016, 7:52 am

        Per associazione d’idee:
        https://youtu.be/iqBXYmnMoJU
        fiorella mannoia, nel 1990 regalarono, lei e Lavezzi, tutto
        l’arredamento di casa e una R4 a
        mia sorella e suo marito, custodi a Milano.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.