Eurovertice socialista contro l’austerità promosso da Renzi? Troppo bello per essere vero

sabato, 6 febbraio 2016

Oggi “La Repubblica” trasforma l’abituale riunione pre-Consiglio Europeo dei capi di stato e di governo aderenti al Pse, convocata a Parigi la prossima settimana, niente meno che in un vertice sollecitato da Matteo Renzi in vista della sua battaglia anti-austerità sui temi del deficit e del Fiscal Compact. Magari! Se fosse vero, verrebbe da dire: meglio tardi che mai. Ma chi non ha saputo muoversi unitariamente su una linea eurosolidale l’anno scorso, quando a essere messa sotto torchio fu la Grecia, difficilmente riuscirà a recuperare nel 2016 la funzione naturale cui era destinato per collocazione geografica, ispirazione culturale e (non ultimo) incombenza di debito pubblico.

148 Commenti

  1. pinky700 · sabato, 6 febbraio 2016, 12:55 pm

    niente meno che in un vertice sollecitato da Matteo Renzi

    ma quando mai.Piuttosto la tansumanza di profughi della peggiore destra verso il PD sta assumendo dimensioni “siriane”.In questo caso è auspicabile l’affondamento dei barconi e il respingimento in massa,vero Gad

    • wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 1:11 pm

      Si, va bene però non si fa un solo nome di gente di destra entrata nel PD durante questa segreteria.
      Comunque chi schifa il PD NON chieda alleanze e non partecipi a primarie da esso organizzate. Visto che la partecipazione presuppone l’aderenza al codice etico e l’appoggio al vincitore in caso di sconfitta.

      La Balzani se dice che il Pd è verdiniano, cosa ci sta a fare?
      L’altro giorno invece era tutta latte e miele col governo. E allora se nel Pd c’è gente che si prostituisce a Renzi, al liberismo, al berlusconismo, a tutto quello che dite voi, e se il Pd è un partito che sta pure sfasciando la nostra costituzione, il ruolo della Balzani nella pantomima qual’è ? Perchè adesso dopo avere parlato malissimo di Renzi questa qui cerca di ingraziarselo?

  2. wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 12:43 pm

    Peggio per i greci. Se a loro non conveniva chiedere soldi perchè li hanno chiesti?

    Ma poi siamo sicuri che siano vittime?
    I politici greci sicuramente no.
    E i greci non mi risulta abbiano votato politici che proponessero l’uscita dall’euro. Dunque non è questo che vogliono.
    Ai greci va bene così, visto che sono i politici di altri paesi (Di Maio, Salvini, Vendola, Hollande) a fare battaglie per loro.
    Non dicono questi politici che i soldi che abbiamo dato ai greci e che loro volevano senza condizioni non li rivedremo più e pesano sul nostro bilancio!
    Si può essere più masochisti di così?

    Ora anche se economisti illuminati dicono che uscendo loro crescerebbero, i greci non ci pensano minimamente a uscire!
    Pensate voi che preferiscono tenersi l’austerità, il che vuol dire che giudicano che andrebbe peggio di così senza il sostegno Europeo!

    La tesi della dittatura dell’euro non ha minimamente senso perchè i nostri politici non hanno fatto che tesserne le lodi dal 1994 all’anno dell’ingresso.
    Sia quelli di destra che quelli di sinistra.

    Se la gente vota rappresentanti che sono PER l’entrata nell’euro, dov’è la dittatura?
    SE oggi non c’è in Italia nessun partito che dichiara senza mezzi termini che si uscirebbe dall’euro, di chi è la colpa?

    Salvini dice oggi , essendoci al governo la sinistra , che si dovrebbe uscire.
    Quando gli chiedono se lui uscirebbe risponde così .

    Mica sono irresponsabile!

    E allo stesso modo ha risposto la Lega prima di firmare tutti i trattati che a loro stesso dire ci penalizzavano.
    Nel 2011 dissero: mica siamo irresponsabili. E ci consegnarono un’Italia in ginocchio e Mario Monti.

    Però tutti questi antieuropei erano tutti d’accordo a dare senza condizioni i nostri soldi alla grecia e nel salvare le banche spagnole e tedesche!
    Che geni.

    • Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · sabato, 6 febbraio 2016, 12:58 pm

      Le palle come le racconti tu non le racconta nessuno.
      Lo Spred è stato fatto ad arte per cacciare un governo legittimo.
      ZAPATERO IL MINISTRO DEL PRIMO OBAMA È FRIEDMAN LO HANNO RACCONTATO BENISSIMO.

      • wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 1:24 pm

        Ma davvero? E i nostri politici erano così deficienti da non rendersi conto del tranello?

        I leghisti dissero: mica potevamo far saltare l’UE

        Tremonti tempo prima aveva firmato

        a) il fatto che si dovevano dare soldi alle banche tedesche , spagnole, e alla grecia
        b) il fatto che dovesse essere inserito il pareggio di bilancio in costituzione, con anticipo per l’anno in corso, e sanzioni pesanti per quei paesi che non ci arrivavano.

        Berlusconi poi diceva: non ho abbastanza consensi per portare le pensioni a 67 anni. Chiedo aiuto alla UE. Ci obblighino loro.
        O non è vero nemmeno questo? Guarda che cerco il link.

        Certo che qualcuno voleva che Berlusconi se ne andasse, solo questo è acclarato.
        Perchè? Forse perchè dal 2007 al 2011 avevamo perso un sacco di posizioni per quanto riguarda la crescita e perchè la disoccupazione era andata tendenzialmente peggio che altrove.

        Non è stato acclarato invece che lo spread dipendesse da complotti internazionali. E’ vero invece che la Germania e altri paesi hanno fatto di tutto per mandare B. a casa, visto i danni che stava facendo anche per le loro economie.
        Ma questo è normale. Se l’Italia oggi fosse accusata di immobilismo per quento riguarda le riforme e il nostro leader fosse considerato un cialtrone che promette e poi non fa, gli altri paesi si adopererebbero per correggerne le politiche o per cacciarlo. E lo spread salirebbe. Urleresti al complotto se si tratta di uno di sinistra?

        Da quanto la aspettava l’Europa la riforma del lavoro e da quanti anni la prometteva?

      • wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 1:31 pm

        Il governo legittimo, se ha le palle resta al suo posto. Non firma cose penalizzanti e poi se ne va o fa finta di spaccarsi (f

        Se ci fosse un complotto per cacciarlo e i numeri per andare avanti non ci sono, lo sai che si fa? Ci si dichiara indisponibili a altre coalizioni E SI VA A VOTARE DENUNCIANDO IL COMPLOTTO.

  3. pv21 · sabato, 6 febbraio 2016, 12:29 pm

    Aspetta e … >

    COME PREVEDIBILE il premier RENZI le sta provando tutte per ottenere dalla UE una più ampia “flessibilità” di spesa. PARI allo 0,2% del PIL (circa 3 miliardi di euro).

    Un importo dove stanno comodamente certe sue “promesse” come il bonus 18anni, il bonus apprendisti, il reddito di sussidio, ecc..
    Mica bazzecole!
    La storia insegna che la “Febbre” del Tribuno non conosce remore, limiti …

  4. Lugenpresse · sabato, 6 febbraio 2016, 12:21 pm

    L’Iran fatturerà le esportazioni di petrolio in euro basandosi sul tasso di cambio attuale con il dollaro al momento della fornitura delle materie prime: la decisione è motivata dalla volontà di Teheran di ridurre la dipendenza dalla moneta americana, segnala la “Reuters”. L’Iran ha annunciato di voler rinunciare a ricevere dollari come pagamento del petrolio esportato, riporta la “Reuters” citando proprie fonti nella “National Iranian Oil Company” (compagnia petrolifera nazionale iraniana). E’ dovuto al desiderio dell’Iran di liberarsi dell’influenza della valuta statunitense. Secondo l’agenzia, Teheran intende fatturare le esportazioni di petrolio in euro. E’ stato riferito che questo discorso riguarda i contratti con la compagnia francese “Total”, la società spagnola “Cepsa” e la “Litasco”, divisione commerciale della russa “Lukoil”.
    “Nelle nostre fatture sarà indicato il prezzo in euro. Dovranno pagarci in euro sulla base del tasso di cambio con il dollaro al momento della consegna delle materie prime”, — scrive la “Reuters”. Inoltre nell’articolo si afferma che le autorità iraniane intendono convertire in euro le attività finanziarie congelate a seguito delle sanzioni, il cui valore in valuta statunitense equivale a circa 100 miliardi di dollari.

    • mi sento al sicuro · sabato, 6 febbraio 2016, 12:27 pm

      Il dollaro non lo vuole piu nessuno, ci sarà un botto degli USA, cui fiamme arriveranno sino alla costellazione di Andromeda

    • pv21 · sabato, 6 febbraio 2016, 12:40 pm

      Se l’Euro si rivaluta sul Dollaro a soffrirne saranno le nostre esportazioni verso i paesi extra europei. Con quel che segue …

  5. tsè · sabato, 6 febbraio 2016, 12:10 pm

    La Grecia ha un debito pubblico del 170% sul PIL, oltre ad un debito privato …

    • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 12:19 pm

      La Grecia poteva fottersene del 170%, perché non ci sarebbe arrivata, ed occuparsi del debito privato che non sarebbe stato allocato in Germania. E questo non vuol dire che Germania brutta e cattiva. Ha fatto i cacchi suoi!

      • wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 12:50 pm

        Magdi Cristiano Allam ci fa la sua figura in confronto alla Lega di Salvini.

        Perlomeno lui è antieuro, coerente, e non è responsabile dei danni passati.

        La Lega si lamenta dei trattati che favoriscono la germania , dei soldi dati per salvare le loro banche , del trattamento differenziato, del fiscal compact, che a loro dire è troppo rigoroso e andrebbe riscritto.

        Ma chi cavolo c’era al governo quando si sono firmati quei trattati!

      • wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 1:00 pm

        Titta, ma tu lo sai quanto sono i soldi che noi e i tedeschi abbiamo dato ai politici greci non come prestito , ma come donazione?
        O debito “abbuonato”?

        Il tutto perchè loro facevano politiche irresponsabili e perchè questa irresponsabilità poteva costarci cara (essendo anche noi messi male nel 2011 )

  6. tsè · sabato, 6 febbraio 2016, 12:03 pm

    OT – Grillini portavoce con libertà di coscienza …

    Farsa per nascondere sia la tentazione di mettere in difficoltà Renzi costi quel che costi sia la natura eterogenea dell’elettorato potenzialmente 5stelle.

    • wilson · sabato, 6 febbraio 2016, 12:54 pm

      La libertà di coscienza dopo che se la prendevano perchè il pd lasciava libertà di coscienza.
      E dopo aver assicurato un voto compatto.

      Ma va benissimo questa cosa.
      Però senza voto segreto sui singoli emendamenti

      Altrimenti è troppo comodo!

  7. pik · sabato, 6 febbraio 2016, 11:31 am

    Eurovertice socialista contro l’austerità promosso da Renzi?

    ——————————————–

    Ma abbiamo voglia di scherzare ?
    Il duce-pagliaccio è solo capace di prendere calci in Q !

  8. otto il bassett-hound · sabato, 6 febbraio 2016, 11:30 am

    Il problema della Grecia sta tutto nella sua assoluta incapacitá nel riformarsi,come la Francia.
    Il problema del debito sovrano nn potrâ mai essere risolto fino a quando ci saranno stati dell’eurozona,tutti,nn daranno via a riforme visibili e apprezzate.

    • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 11:55 am

      Peccato che il problema della Grecia era solo il debito privato! Che le banche tedesche hanno espanso a pioggia! Questo mi ricorda molto la barzelletta su Berlusconi elicottero e lancio moneta al popolo. Sfiga vuole che l’elité tedesca non si vuole buttare dall’elicottero. E ha ragione… finvhé comanda

  9. Mark · sabato, 6 febbraio 2016, 11:01 am

    La stampa amica, grande sponsor del toscano, ingigantisce ogni parola, ogni evento, per celebrare la statura del proprio campione enasconderne la miseria: i tweet sono celebrati e assurti a massime di profondo spessore di pensiero; anche se a volte assomigliano di più a parole d’ordine di un’Italietta in Fez e “Eia Eia Alalà.
    La Repubblica è diretta da Calabrese, vi stupite? Sembra che abbiate dimenticato le cronache plaudenti e acclamanti de “La Stampa” del buon Calabresi, nel tardo inverno 2014? Si era persino arrivati a celebrare la pasta al burro della signora Agnese, a simbolo di rinnovata sobrietà, rettitudine specchiate doti di saggezza e sapienza italiche: mancava soltato il sottofondo dell’Istituto Luce.

    • Francesco · sabato, 6 febbraio 2016, 11:34 am

      Sì, questo è veramente un paese di cialtroni e servi. La stampa con Renzi è pazzesca, indegna. Il Corriere, che leggo da sempre, batte la grancassa renziana ogni giorno, con coerenza ed efficacia degna di miglior causa. Facevano così con Mussolini. un’autentica vergogna. Tutti schierati come un sol uomo con un prevaricatore ignorante, un autocrate mal vestito, circondato di giovani sbruffoni arroganti e che molto verosimilmente ci porterà nel fosso.

    • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 10:58 am

      E’ il giannino di turno!

  10. al · sabato, 6 febbraio 2016, 10:33 am

    Che Renzi, figlio della brutale ideologia liberista dominante, possa essere associato alle parole socialista o eurosolidale fa venire da ridere o da piangere.
    La Repubblica è diventata la voce dei renziani.

  11. Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 10:26 am

    Lady Ridiamoci sopra:
    Ecco chi comanda in UE

    http://www.pbs.twimg.com/media/CahUtXuXIAA2Mbl.jpg:large

  12. Lady Dodi · sabato, 6 febbraio 2016, 10:20 am

    Potrebbe anche succedere TITTA che si diano tutti malati: Samaras, Papandreu, Grillo che lo sta già facendo, e persino un Letta.
    Io pure e tanti saluti.
    La Troika gira già in incognito e con la scorta.

    • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 10:31 am

      Spiacente Lady, ma Grillo e i pentastars hanno dato una risposta giusta a una domanda sbagliate, e una una risposta sbagliata ad unadomanda giusta. Questo è avvenuto nel 2012. E a ciò si sono attenuti. Quindi, IMHO (In My Humble Opinion), hanno una credibilità simile a quella di Craxi nel 1992!

  13. Lady Dodi · sabato, 6 febbraio 2016, 10:10 am

    Si Tse’ credono che il denaro cresca sugli alberi. Invece quando son finite le chiacchiere e le tavole rotonde, vedranno dove cresce davvero.

  14. Lady Dodi · sabato, 6 febbraio 2016, 9:36 am

    X TITTA.
    Secondo te perché Tsipras non ha preso in considerazione l’uscita dall’euro nella situazione in cui era e in cui è?

    • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 9:36 am

      Per il semplicissimo motivo: che uscendo dall’euro avrebbero passato un periodo di lacrime e sangue e la colpa sarebbe stata sua! Ora la colpa la può dare all’UE! E quando salterà tutto: illo si sarà parato il ciulo.

      • Lady Dodi · sabato, 6 febbraio 2016, 9:51 am

        OK. Anche se mi pare che presto lo “suoneranno” lo stesso.
        Ma penso abbia anche lui basi
        Nato come noi. Sai, quelle che ci tengono tanto che restiamo tutti insieme appassionatamente.

      • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 10:13 am

        Il problema è il seguente: se i greci lo suoneranno, ne arriverà uno peggio!
        In asimmetrie c’è una scommessa (bet):
        Renzi è alla fine quindi abbiamo i seguenti candidati al suo posto graditi all’UE per portare a termine la svendita dell’Italia:

        a) Di Maio/ Di Battista
        b) Letta
        C) La troika

        Io ho puntato 100 bitcoins sull’opzione a)

  15. Giova · sabato, 6 febbraio 2016, 9:29 am

    Ascoltando le parole di Draghi ho ripensato al noto proverbio cinese del dito che indica la luna e dello stolto che guarda il dito. Sarà deformazione professionale, forse, ma sono spinto alla diagnosi (diagignoskein=capire) dei fenomeni di comprensione non semplice. E a proposito del ragionamento su deflazione, inflazione, e “forze occulte che cospirano contro la crescita dell’ inflazione” ho pensato alla febbre. La febbre è un sintomo (sumptoma=evenienza) di una malattia, non la malattia. Quindi chi si ponesse l’ obiettivo di curare soltanto il sintomo inevitabilmente fallirebbe, perchè ignorando la causa della febbre non avrebbe gli strumenti di conoscenza per mirare la terapia al bersaglio vero. Farebbe così la fine dello stolto che guarda il dito. Anche l’ andamento dei prezzi (deflazione, inflazione) è forse un sintomo economico. Denuncia una malattia più profonda che non si conosce, o peggio, non si vuole affrontare perchè sarebbe controproducente per colui che la rivela. Insomma, se un paziente ha la febbre, dovrei diagnosticare la causa e curare sia il sintomo, ma soprattutto la malattia causa. A volte capita che un malato particolarmente compromesso, invece della febbre, sviluppi una temperatura più bassa del normale, cioè una ipotermia (Temperatura inferiore a 36 ° C). Il terapeuta stolto di fronte ad una ipotermia potrebbe suggerire il riscaldamento del povero malato, che invece necessita probabilmente di un chirurgo per una grave sepsi addominale.
    Ecco, curare la deflazione come fosse la malattia mi fa pensare a quei terapeuti cialtroni e stolti (oppure semplicemente un po’ preoccupati del proprio ruolo) che si rifiutano di analizzare le cause, cioè fare diagnosi.

  16. tsè · sabato, 6 febbraio 2016, 9:26 am

    eurosolidale nella neolingua qui in uso, significa trasferimento di fondi incondizionato motivato dai ‘bisogni’ (non ci fosse bastata la cassa del mezzogiorno e seguenti)

    crede davvero che il denaro cresca sugli alberi, il postatore, e magari così si spiega il successo del ‘bosco verticale’.

    l’alternativa all’austerità è l’investimento in funzione anticiclica nel tentativo di stimolare il miglioramento della produttività e quindi del valore del lavoro, non l’elargizione ‘solidale’ di denaro.

    • Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 9:34 am

      In parole semplici: il problema è l’UE e l’euro!

      • tsè · sabato, 6 febbraio 2016, 10:13 am

        lettura molto tendenziosa.

        il problema è credere ancora che lo sviluppo si possa stimolare finanziando i consumi, tesi affascinante per un politico perchè legittima l’allevamento di clientele e la redistribuzione solidale ma fallimentare in un globo in cui il costo dei trasporti e del lavoro sono crollati.

  17. Mastro Titta · sabato, 6 febbraio 2016, 9:19 am

    Solo nell’immagine si percepiscono immediatamente le asimmetrie economiche. C’è anche il Finlandese che voleva il Partenone come garanzia?

    • Giova · sabato, 6 febbraio 2016, 9:24 am

      Manca il capo. La Merkel. Questi non contano un catzo

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.