Quei vecchi politici del M5S: meglio un colpo a Renzi che riconoscere i diritti negati ai gay

mercoledì, 17 febbraio 2016

Il canguro è un horror parlamentare, e il Partito Democratico dovrebbe promuovere una revisione dei regolamenti parlamentari per regolamentare l’ostruzionismo, e nel caso accettarlo, piuttosto che continuare a forzature di voto che svuotano il ruolo delle Camere nell’esame delle leggi. Posto questo, la coerenza pretesa dai 5 Stelle per il no al supercanguro del PD sulle unioni civili appare molto debole. La passeggiata con la maschera da tigre di Grillo in uno dei giorni più convulsi e contraddittori per il suo movimento appare una consapevole fuga dalle responsabilità rispetto a una linea politica sempre più incomprensibile, e in contrasto con quanto promesso a inizio mandato. Il M5S è diventato il partito più votato in Italia proponendosi come un’organizzazione politica fatta di persone, con l’obiettivo di rispettare la volontà popolare spesso tradita dai giochi politici. Una promessa anche infantile, ma certo affascinante per milioni di italiani. In ormai 3 anni di presenza parlamentare, di marginale opposizione per propria volontà, il Movimento 5 Stelle non pare però aver promosso il cambiamento di cui si era fatto portatore. Sulle unioni civili il M5S lo ha dimostrato ancora una volta, bocciando il supercanguro ideato dal PD per superare le sue divisioni e favorire l’approvazione della legge. Una coperta troppo corta, evidentemente, sia per mascherare le fratture tra i senatori democratici, che quelle grilline. I 5 Stelle hanno così preferito rinunciare a una grande occasione di cambiamento, particolarmente sentita nella loro base prevalentemente giovanile, per un cinico gioco da consumati politici. L’eventuale naufragio del disegno di legge sulle unioni civili farà più male a Renzi che a loro nel lungo periodo, al di là della rabbia momentanea che si legge sui social. Un vero peccato, perchè decenni di discriminazioni solo parzialmente corrette dal Ddl Cirinnà avrebbero meritato un altro impegno e un diverso sforzo per il cambiamento. Come ha ben scritto il vicedirettore del Post Francesco Costa, a che serve un partito così?

72 Commenti

  1. Francesco · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:21 pm

    sul dogma del “senza vincolo di mandato” credo occorra riflettere. Le vicende di sfacciato trasformismo di questa legislatura che vede il continuo transito verso le prebende della maggioranza di gente che era stata eletta in forze politiche di orientamento diametralmente opposto impone una riflessione. Verdini è il simbolo di queste nequizie ma qualcosa deve essere fatto. Anche se sono vecchio mi dispiace che debba prevalere sempre il cinismo e l’opportunismo, la mancanza di scrupoli. E poi perchè Alfano e Verdini, tecnicamente dei traditori, vanno bene e Scilipoti no? Al PD è lecito tutto, sono sempre scelte sofferte e motivati, travagli umani ed ideologici quando si passa dalla parte “giusta” e prostituzione se si va a destra? Evidentemente no, si tratta solo della parte che più controlla le opinioni, che governa e conduce il dibattito, la casta degli ottimati col ditino alzato, quelli che hanno il “senso delle istituzioni”…..quante frottole.

    • wilson · mercoledì, 17 febbraio 2016, 4:06 pm

      E perchè se i 5 stelle votano una legge che condividono la cosa non viene vista come un appoggio al governo, mentre se è Verdini a votare con Renzi si dice che è incoerente lui?

      Oltretutto, chi ha tradito il programma con cui si è presentato, Berlusconi o Verdini?
      Berlusconi si è presentato agli elettori dicendo che si sarebbe adoperato per semplificare il sistema istituzionale, per avere leggi elettorali che consentissero governi stabili e via discorrendo?

      Ora Verdini in aderenza al programma di Berlusconi vota le riforme e Berlusconi invece dice che c’è un regime perchè si danno troppi poteri a chi vince.
      Non stanno così le cose?
      Tra l’altro a chiedere più poteri per chi vinceva era pure la sinistra, che aveva detto si al referendum per il premio di lista Dunque?

      Alla fin fine Renzi non ha fatto nè una cosa di destra e nemmeno di sinistra ma una cosa che le varie forze politiche avevano da tempo propagandato.
      E Verdini ha appoggiato quelle riforme in aderenza a quanto lui aveva detto agli elettori prima del voto.

      Perchè il parlamentare dovrebbe obbedire al capo se è il capo a tradire il mandato per convenienze sue personali?

      Ma se Renzi avesse concesso un PdR di gradimento a BErlusconi facendolo scegliere a lui (come fece Bersani con Marini) , questi avrebbe appoggiato le stesse riforme e a quel punto il voto di Verdini in appoggio al governo sarebbe andato bene?

      Ma non hanno detto tutti che la COstituzione la cambia il Parlamento e non il governo, e allora che c’è di male se chi è in accordo con la riforma la vota anche se non fa parte del governo?
      O per B. il patto del Nazareno va bene e l’appoggio di Verdini no?

  2. daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:10 pm

    il pd è alla frutta!

    • foxtrot · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:18 pm

      Forse.
      Ma il partito del “tigrotto” ne esce molto male…

      • aurelio · mercoledì, 17 febbraio 2016, 2:02 pm

        a uscirsene male, come sempre, è solo il Partito Deviato 2

    • wilson · mercoledì, 17 febbraio 2016, 3:52 pm

      E voi siete al dolcetto e all’ammazzacaffè. Siete avanti.

      Ora quando la legge passa come farete a dire che è passata per merito vostro, con Airola che chiedeva i voti segreti come un Giovanardi qualsiasi? Il Pd che ha fatto finta di dividersi per mettervi in trappola, si beccherà tutti i meriti.
      :)

      • Lorenzo M. · mercoledì, 17 febbraio 2016, 3:58 pm

        Il Pd ha “fatto finta” di dividersi su quale pianeta, esattamente?

      • wilson · mercoledì, 17 febbraio 2016, 4:28 pm

        Ma dai che scherzavo!
        Che il Pd possa essere unito nel fare complotti ai danni di chicchessia è una contraddizione in termini.
        Pd unito e strategia comune sono cose che non si legano.

        Comunque se si ragiona in termini di tattica politica più che di diritti il discorso potrebbe avere senso.

        Per ritornare seri, non sono affatto convinto che dal punto di vista elettorale queste continue giravolte abbiano fatto bene ai 5 stelle.

        Ragioniamo sempre in termini di convenienze elettorali, visto che è quello che interessa a daniele.

        A questo punto il Pd sarà costretto a trovare una sintesi.
        O il PD ritrova l’unità su un buon testo, e in tal caso ne esce sicuramente vincitore, o non la trova.
        Se non la trova però non ne esce perdente, dato che le posizioni critiche all’interno del pd erano ultranote.

        Pure Renzi ha detto di non volere entrare all’interno delle dinamiche parlamentari, dunque se questa cosa si è fatta per indebolire Renzi si è sbagliato il bersaglio.

        Quello che potrebbe accadere è che si sia costretti a una versione più soft della legge (pre-affido) o allo stralcio e che la stepchild alla fine venga affossata .
        Ebbene, in entrambi i casi se passa una versione con meno diritti vuol dire che il Parlamento ha voluto così. La colpa è di chi ha usato i diritti gay per fare le sue battaglie antirenziane , mentre quello che c’è di buono in quello che passa (riconoscimento delle unioni ) non può essere più attribuito ai 5 stelle, che così si sono suicidati politicamente. A loro verrà riconosciuto di avere affossato la stepchild.

        Ma si prendono nuovi voti a destra così?

        Non credo.

        Chi votava Giovanardi continuerà a votare Giovanardi , mica un partito che nei fatti è una sbiadita fotocopia.

        Il canguro consentendo delle modifiche sul tema sensibile aveva l’enorme pregio di evitare il voto segreto. Il m5s ha giocato sporco e ne paga dunque le conseguenze politiche e elettorali.

        Fine del discorso relativo alle “convenienze” elettorali.

        Poi c’è la questione di quanto le tattiche pentastellate affossino i diritti delle persone, ma di questa cosa non interessa a nessuno , daniele è addirittura esultante infatti.

  3. daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:09 pm

    i canguri lasciateli in australia….

  4. daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:58 am

    invece di andare al voto pare che i piddini vogliano rinviare ulteriormente di un’altra settimana…
    roba da matti!

    • heinerddr · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:00 pm

      machettefrega.
      godi, stolto.

      • daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:03 pm

        è al tuo pd che non frega un caxxo, stronxo!

      • bruno d · giovedì, 18 febbraio 2016, 1:21 pm

        Questa era la mosca che inchiappettava,l’elefantessa:
        - GODI, PUTTANA.-

    • wilson · mercoledì, 17 febbraio 2016, 3:34 pm

      Dunque, vediamo.
      Avete ricevuto i complimenti di Calderoli e Galantino. Direi ci sono tutte le motivazioni per esultare.

  5. salvatore · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:57 am

    Come di consueto molto equilibrata la posizione di GAD. Vorrei tuttavia aggiungere che di questo straordinario movimento ne riconosco i meriti e la stessa paternità a Grillo. Ciò malgrado non posso sottacere che una forza nata propulsiva è rimasta in riva al fiume di una politica confusa che ha arrecato gravissimi danni agli italiani e allo stesso paese. Un’armata non dico ferma in nuovi ozi di Capua, ma intenta con bastoni a picchiare l’acqua alle rive di una politica che nella sua scellerata corsa ha travolto l’integrità del territori del bel paese, la stessa democrazia, mettendo in malo modo mano alla Costituzione. Non tralasciando il grave colpo subito dalla dignità di chi lavora. In questo caso sono chiari i tentennamenti tra esplicare il mandato onestamente o profittare per far di un’occasione per la consueta grande inefficace gazzarra,atteggiamento che ai fini pratici e’ servito a un bel niente, considerato che il rifiuto a Bersani ha lasciato questo paese in mano a un dissennato pieno di sé e a dei politici inetti. In conclusione avrei preferito la legge così com’è anche se con il bruciore di stomaco che mi causa lo stepchild e le pratiche con le incognite ad esso correlate.

  6. fummo · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:54 am

    A che serve un partito cosi? Andreino caro, serve a salvare ancora un minimo di democrazia (poco).

    • orlando · mercoledì, 17 febbraio 2016, 9:17 pm

      …..mah! Democrazia del uno vale uno. Ma uno vale di più anzi due valgono di più. State invecchiando come i vecchi sessantottini. E io allora c’ero e l’ho vissuta quell’aria di cambiamento collassato nelle. Braccia di Berlusconi.

      • franco collina · giovedì, 18 febbraio 2016, 12:05 am

        guarda che i sessantottini hanno perso per le brigate rosse e le stragi di stato ma le idee vanno avanti guarda gli ecovillaggi che stanno crescendo in continuazione

    • franco collina · giovedì, 18 febbraio 2016, 12:02 am

      a cosa ti riferisci

  7. daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:39 am

    il ***** non fa da stampella al pd!
    ottimo *****, avanti così, sempre!

    • heinerddr · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:48 am

      un ragionamento che al confronto rimpiangi i vecchi democristiani.
      non ti preoccupare, che le famiglie arcobaleno vi hanno già trovato un posto adatto.

      contenitore marrone: umido.

      • fummo · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:57 am

        Famiglie “arcobaleno” . Che bella definizione! e soprattutto che belle “famiglie”.

      • daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:58 am

        certo che tu eri abituato al pd che per decenni ha fatto da stampella al delinquente e quindi certe cose non sei in grado di capirle….

    • heinerddr · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:50 am

      io che significa: checcefrega dei diritti.
      a noi basta che cada renzi.

      associazionismo lgtb e famiglie arcobaleno hanno capito benissimo. non ci sono problemi.

      • heinerddr · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:57 am

        un altro a cui non frega nulla dei diritti.

        come volevasi dimostrare. marrone e cilindrico, come tutti i grillini.

      • Daniele Andrea Nervo · mercoledì, 17 febbraio 2016, 12:00 pm

        a di cena il Pd è una barca alla deriva. Il dietrofront del M5s sull’ormai famoso canguro è arrivato come uno schiaffo in faccia, un contropiede perfetto. Tra i banchi del Pd lo sgomento si legge sui volti, a partire da quello di Zanda: intorno al suo scranno si avvicinano tutti i big, Finocchiaro compresa. Si cerca di prendere tempo. Ma senza il soccorso rosso della capogruppo di Sel Loredana De Petris, che chiede di votare sul rinvio a domani, i dem non avrebbero avuto i numeri per far passare il canguro Marcucci: rischiavano di andare sotto, la legge Cirinnà sarebbe stata azzoppata. Nel voto per il rinvio sono determinanti i cattodem (tutti in linea col partito) e i verdiniani, oltre a Sel. E non a caso i volti dei senatori ultracattolici sono gli unici dentro il Pd con una espressione serena, se non sorridente. Alla buvette uno di loro si confida: “Adesso si ricomincia a discutere, c’è l’ipotesi Pagliari su cui ragionare come punto di caduta”. L’emendamento Pagliari prevede due anni di prova prima dell’adozione. È una strada possibile, ma solo un’ipotesi. Il punto è che senza i cattodem, a questo punto, nessuna forzatura è possibile. Senza di loro e senza i grillini il Pd rischia di spiaggiarsi.

    • Francesco · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:51 am

      ben detto.

    • fummo · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:56 am

      Il salto del canguro io lo farei fare a Renzi a calci nel c ulo.

  8. daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:33 am

    il canguro è un metodo antidemocratico per ridurre al silenzio le opposizioni ed impedire il confronto politico in aula;
    se si vuole la legge per i diritti civili la si voti senza cercare scorciatoie!
    i parlamentari ***** voteranno compatti tutti gli articoli della legge e salvo poche eccezioni anche quello che riguarda le adozioni.
    il movimento non sta in parlamento per risolvere i problemi interni al partito di governo e di maggioranza!

    • foxtrot · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:37 am

      Ciao Daniele,
      in linea di principio sono d’accordo con quel che scrivi, ma da gente “nuova” mi sarei aspettato una maggiore sensibilità per la sostanza della vicenda.

      • daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:44 am

        la sostanza della vicenda è ben chiara al movimento e ai suoi rappresentanti che infatti la voteranno in aula;
        i problemi sono nel pd.

      • foxtrot · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:45 am

        Staremo a vedere.

      • wilson · mercoledì, 17 febbraio 2016, 3:36 pm

        Vuol dire che se la legge passerà (magari modificata, come spero) i meriti saranno anche del Pd.

  9. foxtrot · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:28 am

    Milena
    E’ un autogol per il movimento.

    Forse, ma i grillini hanno dimostrato di sapere digerire anche di peggio…

  10. Lady Dodi · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:27 am

    Ho visto che scrive Mollica.
    Fosse stato Lerner, che quanto a vecchiume dalemiano….

  11. Milena · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:24 am

    E’ un autogol per il movimento.

    • Lady Dodi · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:24 am

      Rallegratevene allora.

  12. foxtrot · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:23 am

    a che serve un partito così?

    A niente, purtroppo.

    • daniele- · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:41 am

      diciamo che a niente serve il pd che non riesce a risolvere i problemi al proprio interno e pretenderebbe che sia il movimento a levare le castagne dal fuoco!
      scordatevelo!

      • wilson · mercoledì, 17 febbraio 2016, 3:35 pm

        E allora perchè avete detto che avreste votato la legge?

  13. Lady Dodi · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:23 am

    Che schifo che mi fanno quelli che:
    ” vogliamo restare indietro rispetto al mondo occidentale?”
    Io non ho di questi complessi di inferiorità.
    Non tutto e buono, in NESSUN mondo.

    • Francesco · mercoledì, 17 febbraio 2016, 11:45 am

      se poi pensiamo alla benevolenza e comprensione che il variopinto mondo dei compagni “iridati” mostra verso veli e analoghe bardature, poligamia e separatezza etnico-religioso di una numerosa comunità a loro molto cara per inconfessabili ragioni clientelar-elettorali.

  14. Lady Dodi · mercoledì, 17 febbraio 2016, 10:57 am

    Non sono questi i diritti.
    E Renzi se ne infischia.

  15. heinerddr · mercoledì, 17 febbraio 2016, 9:55 am

    oltre a criticare il canguro, però, criticherei anche la possibilità di avare 800 emendamenti per un testo come la cirinnà.
    avessi detto una legge finanziaria….

    insomma, una abuso (perché non mi venite a raccontare che si tratta di politica, di dibattito, di amenità del genere) ne chiama un altro.

    per il resto, vecchia politica. nulla di nuovo sotto il sole.
    gava era un signore al confronto di questi disperati allo sbaraglio.

  16. tsè · mercoledì, 17 febbraio 2016, 9:51 am

    Non si sono accorti che carnevale è finito.

  17. Giulio Pinocchio · mercoledì, 17 febbraio 2016, 9:50 am

    Secondo me una schifezza come il canguro deve essere respinta senza alcuna esitazione e la parte politica di mascalzoni che ne fa largo uso va contrastata e sconfitta ogni volta che sia possibile. E chi, potendo, non lo fa e’ un finto oppositore.

  18. Andrea · mercoledì, 17 febbraio 2016, 9:46 am

    visto che ufficialmente il grillo/grullo parlante si è tirato fuori dalla guida del suo partito, è giusto pretendere da lui una sua personale opinione sulle coppie di fatto: sei favorevole o contrario? tanto difficile farcelo sapere?
    seconda cosa, il pd per me ha sbagliato solo una cosa: inventarsi e dover puntualizzare cosa siano le coppie di fatto. La giusta legge sarebbe stata “matrimonio gay”. Senza altre clausole o cavilli. Si impedivano migliaia di emendamenti e polemiche, o si equiparano i diritti o no, si vota e si decide. Del resto nella maggior parte dell’europa c’è il matrimonio gay, vogliamo rimanere nella preistoria assieme ai paesi ex unione sovietica (solo lì non c’è alcuna forma di legalizzazione di rapporto tra gente dello stesso sesso) o vogliamo far parte del mondo occidentale?

    • camberra · mercoledì, 17 febbraio 2016, 10:28 am

      tu vai dove ti pare noi rimaniamo qui

    • camberra · mercoledì, 17 febbraio 2016, 10:35 am

      “è giusto pretendere”???
      pretendi da te stesso, a casa tua, se ce l’hai una casa, non dagli altri maleducato egoista che non sei altro.

  19. Quattro · mercoledì, 17 febbraio 2016, 9:45 am

    Roma al M6S

    Necessita cercare
    Protezione e Aiuto
    in Vaticano

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.