Salvini, gira al largo dal 25 aprile e tornatene dai tuoi camerati di Casapound

venerdì, 19 febbraio 2016

Matteo Salvini ha annunciato una marcia di “liberazione” da Renzi e dal suo regime dittatoriale in occasione del 25 aprile. Una provocazione sinceramene stupida, e anche offensiva. Un modo di fare un po’ di fuffa mediatica viste le difficoltà della Lega, colpita da una grave inchiesta sulla corruzione in Lombardia, e in difficoltà sulle amministrative, visto che al momento nessun candidato di spicco nelle comunali più importanti è del Carroccio. Neanche a Varese, visto che la Lega locale è dovuta ricorrere a un imprenditore vicino al movimento, e tra i suoi principali finanziatori privati. ” La Lega è estremamente preoccupata per il clima in cui versa il Paese. Renzi sta instaurando un regime staliniano: il Parlamento è comprato, la magistratura schierata, e la tv pubblica militarmente occupata. A me l’aria che puzza di Unione Sovietica non piace”. Dichiarazioni discutibili, a essere eufemistici, che possono essere la base per una manifestazione da convocare in ogni giorno dell’anno. Il 25 aprile è però una ricorrenza molto importante che verrebbe deturpata da una strumentalizzazione politica così marcata. La Lega attuale si è spostata molto a destra, ma Salvini dovrebbe ricordare di quando Umberto Bossi aveva marciato al 25 aprile di Milano del 1994, riaffermando la matrice antifascista del Carroccio. Non si chiede tanto a chi cerca voti e militanti in Casapound, ma almeno aver rispetto del 25 aprile sarebbe il minino da chiedere a chi ha ambizioni da presidente del Consiglio.

64 Commenti

  1. francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 8:40 pm

    http://m.ilgiornale.it/news/2016/02/20/roma-guido-bertolaso-mio-modello-e-tolleranza-zero/1227489/

    Ahahahahaha adesso Bertolaso corteggia Salvini, perché Berlusconi non sa che pesci pigliare. Grazie per questa comicità involontaria

  2. francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 2:55 pm

    Berlusconi ha conquistato con il suo potere mediatico e finanziario la destra italiana, stoppando con un’indegna e brutale campagna mediatica il nobile percorso liberale di Fini e supportando il tradimento del gruppo dei colonnelli dentro An. Con le manganellate medistiche dei Sallusti, Feltri, Bel pietro etc etc etc
    Tra i colonnelli Giorgia Meloni.
    Il mondo ex An orfano di Fini e’ piombato nell’irrilevanza politica ed elettorale.
    La Lega di Salvini sta cercando di occupare lo spazio MSI alla corte di Berlusconi. Ma essendo un bluff stanno emergendo tutte le furbizie e le carnevalate leghiste.

    • Federica · sabato, 20 febbraio 2016, 4:09 pm

      Che scoperta, ci voleva tanto tempo per capire che è un bluff?

      • Federica · sabato, 20 febbraio 2016, 4:22 pm

        Che la lega è un bluff lo si poteva capire fin dall’inizio, quando osannavano la Padania, che non esiste, e poi dovresti sentire quello che dicono su radio Padania: deliri collettivi, cavolate varie prese a pretesto per diffondere chiusura e intolleranza (non per niente sono finiti con i fascistoidi)
        Sì sì, per me vengono da Marte e ci ritorneranno

  3. francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 2:36 pm

    http://roma.corriere.it/notizie/acronaca/16_febbraio_18/elezioni-comunali-l-ira-meloni-siamo-pronti-correre-soli-8685c420-d679-11e5-8e4b-2c56813c9298.shtml

    1. La Meloni e’ leader di niente, e FdI e’ un brand di poco appesl che usa il magnate Berlusca per raccattare voti Destra. L’uomo forte di FDI e’ LaRussa , avvocato siciliano già vicinissimo a Ligresti. Storace ha più voti

    2 la Lega sta crollando e Noi con Salvini e’ un MSI. Salvini non Può mettere veti. La sua subalternità e’ conclamata

  4. Un vecchietto · sabato, 20 febbraio 2016, 8:31 am

    Il comunista deve essere un lavoratore. Sono sicuro perché quando ero bambino ne ho conosciuti tanti. Non è la bandiera rossa che fa il lavoratore ma sono la falce, il martello, la risaia e la miniera e qui, cominciando da Lerner e Mollica, non se ne vedono. Tutta gente che consuma, odia le fabbriche, ma che non sa farsi neanche la carta igienica coi giornali.

    • Federica · sabato, 20 febbraio 2016, 10:53 am

      Certo, e i comunisti devono avere i buchi nelle scarpe, se no non vale

    • stefano · sabato, 20 febbraio 2016, 11:16 am

      Oppure, se sono persone normali, debbono condurre vita francescana, non possedere nulla e fare atto di contrizione.
      A parte che le miniere sono sempre di meno e il lavoro nelle fabbriche tende ad essere altamente automatizzato, per cui il ‘lavoratore’ icona tende sempre di più ad essere un operatore di macchinari automatici, il lavoro manuale residuo è quello nei campi e nell’edilizia.
      Allora il vero comunista è extracomunitario, quindi non vota o ne vota una minoranza, e magari prega sei volte al giorno rivolto alla Mecca.
      Sarà per questo che Rifondazione è ridotto a presenza testimoniale dell’1%…

    • francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 12:21 pm

      Vecchietto fortunatamente il 25 aprile e’ Festa di liberazione dal fascismo storico, dal qualunquismo e quest’anno anche della Lega Noicon Salvini nuovoMsi

      La Lega ha iniziato il tracollo
      Un partito subalterno al magnate Berlusca, che sforna candidati e poi li rinnega
      Un partito family lista e clientelare, dei cognati
      Un partito con settori nazistoidi e antisemiti
      Un partito che la Cia sta indagando e che con Salvini ha contatti con la Corra del Nord iper comunista e totalitaria
      Un partito aggredito dalla corruzione

  5. francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 12:29 am

    Povera Lega, Povero Salvini, ora che tutti hanno visto che e’ come Meloni un brand nelle mani del magnate televisivo, deve trovare il modo per far credere alle truppe disorientate che la Lega esiste e ha la schiena dritta. Fino ad adesso era bastati i giornali e i talk show, ora dopo le dichiaraZioni Berlusca style sulla magistratura italiana e il pasticcio Bertolaso e Ncd alle amministrative…

    La trovata e 25 aprile un terribile autogol nell’intento di rafforzarsi al Centrosud come Nuovo MSI movimentista.
    Ma quanti lo seguiranno nelle valli. Gli industrialotti e i professionisti magari si spaventano dei naziskin e casapound anti capitalistica e non vanno a votare il Sole delle Alpi (ma e’ di Silvio???) e votano magari per noia i 5 stelle o si innamorano della Boschi nazionale.

    Quindi crollo della Lega e vissero tutti più felici e contenti!!!

    • Un vecchietto · sabato, 20 febbraio 2016, 10:20 am

      Molto bene la raccolta differenziata del vetro. Molto indietro il Sud. Povero salvini!

  6. wilson · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:15 pm

    Che geni i leghisti, sembrano sbarcati da Marte.

    • francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 12:33 am

      questa volta i partigiani ritorneranno armati (verbalmente, da !) a festeggiare liberazione nella speranza di incontrar Salvini e fare memoria su che gioia volesse dire liberare l’Italia del fascio

      • francescosocialista · sabato, 20 febbraio 2016, 12:35 am

        Voleranno parole grosso

  7. wilson · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:11 pm

    Salvini twitta e applaude gli altri paesi che erigono i muri lasciando i problemi a noi.

    Che genio!

    • wilson · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:15 pm

      Maroni quando arrivavano 20 mila migranti in due mesi, nel 2011 dunque, chiedeva che fossero spostati nelle regioni del nord, e diceva che la situazione emergenziale era dovuta ai trattati firmati e al fatto che gli altri paesi se ne fregavano .

      Quale è la mossa geniale da fare dunque? Firmare trattati che consentono agli altri paesi di erigere muri , e applaudire quando lo fanno!

  8. Camillo Benso · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:58 pm

    Questo articolo di Mollica è la prova che il 25 aprile non è mai stata non è e non sarà mai una autentica festa nazionale.
    Questa data è ormai da parecchi anni ostaggio di una fazione politica, cosa che sinceramente non si addice alle vere feste nazionali…. chiunque osi voler commemorare questa data non appartenendo alla combricola rossa, viene sistematicamente respinto dai compagni… dunque sono gli stessi compagni a sancire che il 25 aprile non può essere festa nazionale. Benissimo, a questo punto che venga abolita punto e basta. D’altra parte non è sano che una nazione degna di tale nome festeggi le sconfitte. Le sconfitte non si festeggiano, si festeggiano le vittorie.
    Le sconfitte si dimenticano e si mettono sotto il tappeto della vergogna.

    • Giovanni R. · sabato, 20 febbraio 2016, 1:26 pm

      Sig. Camillo Benso, Le ricordo che è grazie al 25 aprile che Lei può scrivere una opinione (per quanto insulsa) come questa. EccoLe la mia opinione, che Lei è altrettanto libero di non leggere e minimamente considerare, ma forse farebbe meglio a riflettere …

      • Federica · sabato, 20 febbraio 2016, 4:13 pm

        Giovanni R: se uno considera il 25 aprile una sconfitta, abbbiamo capito da che parte sta, non vale neanche la pena rispondergli

  9. bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 8:27 pm

    Ho guardato sul Calendario a su cos’è il 25 Aprile.
    Dice che è festa, ma io sto a spasso e per me ogni giorno è festa.Festa della Liberazione…..liberazione da che? Dagli americani?
    Meno male, era ora che tornassero alle loro basi sul
    Pacifico. Ma non è un po’ troppo sacrificare una intera giornata lavorativa per festeggiare la FINE DEGLI ACCORDI DI YALTA? Ormai son passati 26 anni, più di un quarto di secolo, è roba vecchia, io direi che servono Feste Nuove.
    Però, ora che ci penso, è meglio festeggiare, dal momento che:
    - CHI NON CONOSCE LA STORIA, E’ CONDANNATO A RIPETERLA -

    • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 8:37 pm

      aH, DIMENTICAVO, dice pure che è la festa di San Marco Evangelista, dev’essere uno di quei leghisti che col famosissimo TANKO, TENTARONO LA PRESA DEL
      CAMPANILE DI SAN MARCO qualche anno fa, ai tempi di Umberto Bossi detto il Valoroso.

  10. adele · venerdì, 19 febbraio 2016, 5:04 pm

    Non si chiede tanto a chi cerca voti e militanti in Casapound, ma almeno aver rispetto del 25 aprile sarebbe il minino da chiedere a chi ha ambizioni da presidente del Consiglio.

    Il baleno montato com’è , magari si illude di aver trovato la scorciatoia classica per soddisfare la sua ambizione: la marcia di Milano contro Roma ( come la definì lo stesso Mussolini) per farsi affidare l’incarico di un nuovo governo.
    Ora, Re Mattarella , sarà matto di nome , ma non certo di fatto. Fra l’altro , La marcia per “La liberazione di Renzi” difficilmente potrà convincerlo.

    • adele · venerdì, 19 febbraio 2016, 5:05 pm

      * Balengo (Correttore automatico dispettoso)

      • adele · venerdì, 19 febbraio 2016, 5:07 pm

        Sorry , da Renzi

    • stefano · sabato, 20 febbraio 2016, 11:27 am

      Adele, dì la verità, stai facendo le prove per entrare nella ‘top ten’ di Gazebo…
      Comunque balengo a Salvini mi sembra sin troppo ossequioso e il refuso della ‘liberazione di Renzi’ fin troppo divertente.
      D’altronde, se ci liberassimo dei mente-cattodem sarebbe un gran giorno, sono zavorra pesante nelle ali.
      Tanto, i legaioli si stanno suicidando con la corruzione e i grillini si stanno auto-affondando con la pretesa robespierrana del rigore morale a tutti i costi.

  11. jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:54 pm

    Federica · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:40 pm

    Però vedi, i tuoi discorsi gli danno il pretesto per fare la parte delle “vittime”, bravi cittadini onesti che vanno democraticamente a manifestare, mentre quei cattivoni dei “rossi” glielo vorrebbero impedire, anche questa è una fandonia che ha attecchito presso il popolo bue, in questo periodo di anticomunismo spinto.
    Comunque, la violenza è sempre da condannare

    Queste sono solo parole.
    I fatti testimonian al di là di ogni dubbio che tra farabutti in malafede ed imbecilli la tua posizione sarà messa nell’angolo e dovrai condurre una battaglia di retroguardia solo per sancire poco più che l’abc delle decenza…
    No: certi argomenti e certa gente è libera di esistere dove dicevo prima: cessi, bar e sottoscala (privati)… se escono allo scoperto devono sapere che non saranno tollerati. Altrimenti te li trovi in tivvù – perché a questo serve la tivvù: diffondere merxa come se non lo fosse e gli imbecilli se la bevono – ed il livello della discussione è sprofondato ed annichilito coem questo blog testimonia ampiamente.
    E’ questa “democrazia” o “libera discussione”? Ovvio che no… ma “democrazia” e “libera discussione” prevedono
    1) abc condiviso di valori fondanti
    2) buona fede e lealtà intellettuale

    Nè l’una né l’altra appartengono ai “Salvini”, “Berlusconi”, “Renzi”, “D’Alema” e (s)fascisti amici di mafiosi assortiti QUINDI per loro… nessuna tolleranza, nessuna connivenza e mazzate se inssitono nell’occupare il territorio.
    Altrimenti si va avanti come si è fatto i nquesti ann iche non mi risultano di progresso in alcun senso…

    • Federica · venerdì, 19 febbraio 2016, 5:15 pm

      Per me il degrado culturale è avvenuto anche perchè si è affievolita la cultura antifascista in cui prima eravamo immersi: 25 anni fa sarebbe stato impensabile vedere certe manifestazioni e/o commemorazioni da voltastomaco.
      Posso condividere molte delle cose che dici, ma non credo siano proponibili le “mazzate”, a meno che tu lo dica in senso metaforico, allora sono d’accordo.

      • jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 5:55 pm

        Invece è proprio “25 anni fa” che è cominciata la ritirata… con i fessacchiotti di scuola-fgci che si chiedevano se fosse giusto negare agibilità ai fascisti (ed ai farabutti tipo ciellini, per essere chiari)…
        Si sono visti i risultati.

        Sulla violenza, Federica: fa parte degli uomini e della loro cultura… si può evitare di esaltarla e premiare chi non ne faccia uso normale ma “disarmarsi” nel mondo dei lupi è solo da stupidi. E mi pare che di “lupi” si veda chiaramente quanti ve ne siano in circolazione…

      • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 8:58 pm

        O veramento, il degrado culturale, è iniziato
        intorno al 1965.
        Anche dal mio paese continuavano a partire masse di forza lavoro, destinazione Milano
        Torino Genova, il famoso triangolo industriale.
        Cosa andavano a fare queste persone al NODD?
        Gli uomini in fonderia e alle catene di montaggio, nonché tutta una serie di lavori
        TANTO UMILI, QUANTO FATICOSI, che quelli del
        NODD non volevano più fare.
        Quelli del SUD, i famosi SUDICI, ancora conservavano il senso di fame atavica, perché
        la vivevano sulla loro pelle dal 1861, quando Cavour e Carlo Alberto “riunificarono” con delle milizie armate al loro soldo, praticamente dei MERCENARI, i famosi GARIBALDINI, camice rosse,l’Italia.
        Questo attraverso la Casata SABAUDA, francese di fatto, sovvenzionata dagli Inglesi del Benè Berit, che spingevano sui reali Inglesi.
        Così, si affossò una economia fiorente che dalla Maremma coinvolgeva, a scendere, in senso positivo Abruzzo Lazio Molise fino alla
        Sicilia compresa.
        Basta andare a leggere i dati relativi al PIL
        relativo ai primi anni del 1900, per rendersi conto della sostanziale ricchezza delle regioni del SUD.

      • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:01 pm

        E le donne, cosa andavano a fare su, nel ricco NODD? Le serve, le badanti, però si lavorava in due, ed il reddito c’era, mancava il tempo per goderne, quello si, ma i figli avrebbero avuto:
        UN FUTURO MIGLIORE, col casso, naturalmente, come s’è potuto apprezzare dal 1970 in poi.
        Il famoso SOLE DELL’AVVENIRE, è definitivamente
        TRAMONTATO col lancio delle monetine al signor Craxi, all’uscita dell’Hotel Raphael,
        e la conseguente fuga del suddetto Capo del
        Governo, in Hammameth, in Tunisia.

      • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:09 pm

        Cara @Federica, come puoi tu stessa apprezzare,
        la cultura antifascista non c’entra niente,anzi, se consideri che se vai ad analizzare, la provenienza culturale per formazione, di tutti coloro che si sono AVVICENDATI ALLA GUIDA dei nostri governi,
        dal 1945 ad oggi, tutti, ma proprio tutti, nessuno escluso, MINISTERIALI COMPRESI, si
        sono formati sotto un MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE a guida di personale
        ITALIANO CHE AVEVA FREQUENTATO la scuola fascista.
        PURE ANDREOTTI, SCALFARO, NAPOLITANO,DE NICOLA, EINAUDI, Tutti formati alla scuola fascista, mica che gli ALLEATI AMMERICANI INGLESI E FRANCESI, POTEVANO AMMAZZARCI TUTTI DAL 1943 IN POI.

      • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:22 pm

        Il degrado culturale italiano, è iniziato più
        PRECISAMENTE nel 1968.
        I signori EBREI, che, tu m’insegni, SONO DEI MAESTRI PATENTATI NEL CAMPO DEL SAPERE, prima ci hanno fatto tirare su col piano MARSHALL,
        praticamente ci hanno “pasturato”, come si fa coi pesci, e dopo, quando molti fra gli italiani hanno preso per buono un vuoto mito
        americano di terza mano, prima di noi è toccato alla Corea 1950-1953, poi a noi, quindi al Sud Est Asiatico a partire dalla Battaglia persa dai Francesi a Dien bien phu
        e

      • Federica · sabato, 20 febbraio 2016, 11:06 am

        Il 25 aprile è la più importante festa italiana. E la cultura antifascista è stata fondamentale allora e lo è tuttora, fattene una ragione

  12. Federica · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:15 pm

    Sono pienamente d’accordo, che girino al largo dal 25 aprile!
    Veramente, non c’è limite all’ignoranza, alla malafede, alle provocazioni e al revisionismo da 4 soldi.
    E le uniche armi contro queste cose sono la CULTURA e l’informazione

    • jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:23 pm

      MAZZATE… altro che cultura.

      • Federica · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:32 pm

        certe volte sono quasi d’accordo

      • jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:33 pm

        Non è bello ma purtroppo con imbecilli che non sanno stare al loro posto bisogna ricorrere a metodi brutali. Il vantaggio è che essendo (solitamente) dei vigliacchi sotto ogni pov la minaccia è più che sufficiente a tenerli a bada e rinchiuderli in cessi, bar e sottoscala dove possono liberamente esprimersi… basta non pretendano di farlo altrove.

      • Federica · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:40 pm

        Però vedi, i tuoi discorsi gli danno il pretesto per fare la parte delle “vittime”, bravi cittadini onesti che vanno democraticamente a manifestare, mentre quei cattivoni dei “rossi” glielo vorrebbero impedire, anche questa è una fandonia che ha attecchito presso il popolo bue, in questo periodo di anticomunismo spinto.
        Comunque, la violenza è sempre da condannare

    • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:59 pm

      Va bè, aboliremo il 25 aprile, dal prossimo anno si salta direttamente al 26, lo faremo diventare di 48
      ore.

  13. Mastro Titta · venerdì, 19 febbraio 2016, 2:52 pm

    Ma il 25 aprile non si festeggia la Liberazione dall’Italia dal Fascismo? Allora perché sfilano tutte quelle bandiere rosse? I nipotini di quei partigiani ci hanno consegnato ad una organizzazione statale, l’UE, di stampo fascista. Indipendentemente dai desiderata del popolo, si deve fare quello che vuole l’UE. Quindi Mollica deva mettersi la coda tra le gambe e stare zitto.

    • jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:25 pm

      Imbecille: perché gli unici che non si sono bevuti le fesserie del re dei fessi Mussolini cav. Benito… erano quelli con le bandiere rosse. Borghesi e militari, preti e bottegai, padroni e padroncini, ebrei e sottopancia… TUTTI si sono più o meno bevuti il fascio e le sue stronxate.

      Men che i “comuinisti”.

      Altro che “triangolo rosso”: bisognava ammazzarne molti, MOLTI di più ed oggi vi sarebbe qualche cojone di meno da sbeffeggiare.

    • stefano · sabato, 20 febbraio 2016, 11:34 am

      Sarà perché quelli che onorano la ricorrenza portano le bandiere rosse.
      Non mi risulta che altri, non ex o post fascisti, che abbiano voluto sfilare siano stati mai allontanati dai cortei del 25 Aprile.
      Probabilmente la cosa non gli interessa, in fondo il fascismo ebbe un gran consenso, come ricordano altri post odierni: preti bottegai padroni etc. ne furono entusiasti supporters, perché mai dovrebbero oggi sfilare?
      Oltre al fatto che il 25 aprile del 45 si perfezionò la cacciata dei nazisti, il peggior esercito di occupazione che la Penisola abbia visto dopo i Lanzichenecchi.
      Ti pare che Salvini e Meloni avrebbero intenzione di partecipare, o piuttosto di tentare contro-manifestazioni di disturbo?

  14. jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:50 am

    Il problema non è che voglia ca22eggiare col 25 aprile… è che gli “altri” non lo accoglierebbero a dovere oramai allampanati ed imbesuiti da decenni di rimbecillimento.
    Venisse al mio di 25 aprile… un imbecille di meno tra i cojoni all’istante.

    • giors · venerdì, 19 febbraio 2016, 1:57 pm

      Verrà ,verrà il tuo 25 aprile,ma ti festeggeremo come sappiamo fare noi.

      • jules.b · venerdì, 19 febbraio 2016, 4:26 pm

        Sì giors. Come no, giors.

  15. fummo · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:43 am

    25 a prile. La festa del famoso pesce?

  16. adele · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:05 am

    Ben detto, Andrea!

    • adele · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:07 am

      i morti non sono uguali . Se vivono nella Memoria storica ( e personale) respirano ancora come vivi … e i vivi sono diversi . Tutti “un fascio” mai!

  17. Repubblica e Giustizia Italiana Inaffidabili · venerdì, 19 febbraio 2016, 10:28 am

    il Parlamento è comprato, la magistratura schierata, e la tv pubblica militarmente occupata. A me l’aria che puzza di Unione Sovietica non piace”
    ———————————————
    Purtroppo sono parole pesanti ardite, che tuttavia testimoniano l’esistenza di una verità stalinista e fascista. Sintesi efficace dello Statalismo in corso nella Repubblica Socialista Italiana in Disfacimento. Dmocratico qui non c’è nemmeno l’aria, è tangentata, per mantenere il pubblico parassita, anche quella.

    • Repubblica e Giustizia Italiana Inaffidabili · venerdì, 19 febbraio 2016, 10:32 am

      Salvini devi mollare Bertolaso. E’ un medico di stato in una sanità pubblica adattata ai primari ladri. Un socialista un massone un ladro, riciclato dalla pattumiera di forza italia.

      • francescosocialista · venerdì, 19 febbraio 2016, 10:56 am

        Come fa a dire di no al Capo, che e’ un magnate televisivo? La lega cos’è ? Ha la coerenza per fare una battaglia ideale da sola senza Berlusconi????

        Salvini sta offendendo la democrazia, prima insulta i giudici, poi svillaneggia il significato del 25 aprile.

        Del resto ormai sta cercando di fare l’Msi di Rauti al 3 per cento. Però vuole anche governare la Lombardia col Ducetto Maroni, con il family Day e le cricche con lupi. E Formigones

        Sta crollando questo castello di bugie, i giornali e periodici di destra e i talk. Show tipo virus e gabbia non possono più mettere la sabbia sotto il tappeto.

  18. Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · venerdì, 19 febbraio 2016, 10:27 am

    Salvini PREMIER

    • massimo · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:45 am

      Preghiamo tutti che vada a dar via i ciap….

      • gigi · venerdì, 19 febbraio 2016, 3:21 pm

        Amen

    • bruno d · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:52 pm

      Minimo, io lo farei Presidente della Repubblica appaena sgomma Mattarella!!!!!

  19. francescosocialista · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:45 am

    Il 1 marzo ci libereremo invece del Ducetto Maroni e Formigones???

    Maroni non può sempre fare la bella addormentata, esiste anche una responsabilità politica quando si è Presidenti. A Rizzi aveva affidato Sanità!!!

  20. francescosocialista · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:38 am

    E’ un pugile suonato, la Lega e’ a corto di ossigeno. Una politica di destra antisistema fatta da burocrati della politica al riparo di un magnate strapieno di milioni fa un po’ sorridere.

    La Lega e’essenzialmente una sceneggiata, pericolosa per le istituzioni e la convivenza sociale.
    Basti pensare al sogno della Padania (sic!) Salvini ora se ne frega e fa il nazionalista alla MSI, succhiando 3 dei 4 voti della Meloni, giustamente bollata da Fini come ingrata che si è’ montata la testa.

    Lega e FDI sopravvivono perché hanno alle spalla la grancassa mediatica dei pennivendoli e tslk show e approfondimenti tv di Berlusconi.

    E ci mancava anche la scelta impensabile però la Lega di appoggiare Bertolaso
    E a Milamo togliere veto a NCD e fare tarallucci e vino con Lupi, Formigoni, La Russa stile family day

    LaLe Pen non ci piace ma ha il coraggio di marciare da sola, non fa tatticismi e giochini. La lega e’ caca sotto e abbassare braghe davanti ai ricchi e agli industriali.

    • zollivendolo · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:47 am

      hai detto bene qui non siamo francesi

      • zollivendolo · venerdì, 19 febbraio 2016, 9:48 am

        ma la Le Pen a noi non piace semplicemente
        perchè in Italia non c’è

    • fummo · venerdì, 19 febbraio 2016, 11:49 am

      ecco perchè i socialisti si sono estinti!

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.