Se Michela Marzano lascia il Pd è una grave perdita, ma come darle torto?

giovedì, 25 febbraio 2016

Michela Marzano, docente di filosofia morale all’Università Descartes di Parigi e deputata del Pd, ha annunciato che uscirà dal gruppo parlamentare democratico a seguito della scelta compiuta sulle unioni civili. Essa viola il principio di uguaglianza che dovrebbe porsi alla base di una politica di sinistra. Ho grande stima per Michela Marzano che persegue da anni, sui terreni della ricerca e dell’impegno militante, la necessaria ridefinizione dei diritti e la politica di genere. Mi rattrista la sua scelta. Spero che il gruppo dirigente del Pd comprenda che si tratta di una vera perdita, una sconfitta su cui riflettere. E che molti elettori seguiranno l’esempio di Michela Marzano. Ma, nel rammarico, non posso darle torto.
Allo stesso modo condivido la scelta di Luigi Manconi, presidente della Commissione diritti umani del Senato, che stasera uscirà dall’aula per non votare la fiducia sulla legge Cirinnà mutilata.

128 Commenti

  1. jules.b · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:47 am

    L’unica domanda seria è come mai sia ENTRATA in un posto come il piddì… domanda facilmente estendibile ai precedenti ds e pds visto che anche gli scemi avrebbero dovuto registrare al più tardi nel corso del decennio degli ’80 quale opzione era stata scelta.
    Per essere chiari: l’opzione della compromissione col (finto) modernismo crassiano ovvero (autentico) ladrocinio compulsivo che ha coerentemente portato il Napolitano a svolgere il ruolo che ha svolto in modo trasparente prima passando dal ministero dell’Interno e poi dalla Presidenza…
    Siete ciechi o scemi?

    • Mastro Titta · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:59 am

      Due Parole: Vincolo Esterno.
      Ovvero ai cojoni come me e come te hanno inculcato l’ideuzza che gli Italiani è essendo inutile governarli, occorre dare loro “Circens”.

    • multa mutantis · giovedì, 25 febbraio 2016, 2:25 pm

      Entrano escono fanno quello che gli pare?
      Nooo, fanno quello che gli accomoda.
      Verdini docet.

  2. Mastro Titta · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:47 am

    Mi chiedo, essendo la sciura titolare di cattedra alla Parigi V, che non partecipa alle votazione sull’Italicum (poteva votare contro). Ora che vorrebbe lasciare il PD per “oneste divergenze politiche”. Si dimetterà dal seggio? Io non so come sia la legislatura in Francia, ma se partecipa alle lezioni come partecipa alle riunioni …

    • M.M. · giovedì, 25 febbraio 2016, 1:42 pm

      non trovo nessuna argomentazione da parte tua sul perchè si è dimessa. te ne sei dimenticato? e se fosse stata daccordo con renzi le tue critiche sul lavoro a parigi le avresti fatte?
      tipico metodo mafioso: tu non puoi dire che io ho fatto una porcata perchè tu hai percheggiato in divieto di sosta.
      scoprirai nel 2018 che sono milioni quelli che parcheggiano in divieto di sosta, e quando vi manderanno a cag…. nelle urne, non potrete sputtanarli tutti

  3. Nunu952 · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:41 am

    Ma per favore se ne vada al quel paese! Sig. Lerner, le rammento che il suo partito è in minoranza al Senato.

    • M.M. · giovedì, 25 febbraio 2016, 1:44 pm

      trovare compromessi non vuol dire calarsi continuamente le braghe, sembra che l’ncd sia azionista del governo al 50%, invece di avere più poltrone che voti

  4. heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:15 am

    insomma, da un lato abbiamo gli imbufaliti malan, adinolfi, giovanardi, gasparri…
    dall’altro abbiamo i dolori di pancia di lerner e marzano, che preferirebbero vedere adinolfi felice.

    boh. forse un pensierino ce lo farei.

    • Mastro Titta · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:57 am

      Io non farei un pensierino: ma la seguente analisi.
      La Cina e i Brics (ho appena ricevuto il paper trimestrale dell’IMF) avranno una crescita ulteriore tagliata tra lo 0.5/0.8% Questo, per il moltiplicatore keynesiano, si avrà una caduta della crescita in UEM dell’ 1%. E noi stiamo parlando di uteri e unioni civili. Quando er ganassa ha spedito un paper all’UE che, blaterando de cazz.ate, appoggiava l’istituuzione del ministro unico delle finanze?

  5. citoyenne · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:05 am

    Buongiorno

    “Mi rattrista la sua scelta.” (omissis) ” Ma, nel rammarico, non posso darle torto.”

    Scritte da lei queste parole, mi lasciano alquanto perplessa.
    Perché non dà torto alla Marzano, quando invece difende a spada tratta questo “suo” partito, appartenente ormai alla più becera destra, quando sono elettori che non hanno cattedre nelle varie università del mondo a lasciarlo?
    Lei è divenuto o, per meglio dire, è sempre stato un “intellettuale di sinistra con la puzzetta al naso”?
    La gente comune come me e come tanti altri come me siamo stati utilizzati, fino a poco tempo fa (ormai con il cavolo!) solo come gradini per fare arrampicare i politici militanti e i sostenitori intellettuali esterni?
    Mi farebbe piacere conoscere il suo pensiero, ma so bene che non accadrà!

    • andrew · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:07 am

      Lerner non è mai stato, non è e non sarà mai di sinistra…

      • andrew · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:39 am

        però ti insegna a essere di sinistra…

  6. Prospero Andreani · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:38 am

    credo che non si possa fare dell’idealismo intransigente e della politica allo stesso tempo

  7. heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:38 am

    secondo me ha ragione adinolfi (tutto il resto sono spettacoletti di avanspettacolo, buoni per gli italioti, che amano la sceneggiata. guitti inutili, vani, più che crudeli)

    Assisteremo a questo triste spettacolo: una legge pasticcio passerà con un voto di fiducia (primo caso nella storia in cui un governo strozza il dibattito parlamentare su una legge con tipici argomenti di coscienza attraverso l’uso del voto di fiducia) che sarà dato a un governo guidato dal segretario del Pd da 55 senatori eletti in opposizione al Pd, su un programma che esprimeva contrarietà netta alle unioni gay. Sommando a costoro la pattuglia dei 35 “cattodem” possiamo dire che la legge che introduce nell’ordinamento l’unione omosessuale e presto o tardi si trasformerà nel matrimonio gay con diritti di filiazione sarà votata da una marea di senatori “cattolici”, a cui si aggiungono senatori laici che giuravano che avrebbero smesso di far politica senza la stepchild adoption nel testo. Una bella pattuglia di farabutti imbroglioni, capaci solo di raccontar bugie.

  8. Gabriele · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:30 am

    Parafrasando Armstrong: “Una grave perdita per il PD, ma un grande passo avanti per tutto il mondo là fuori” (perché, ehi, c’è vita anche – e soprattutto – fuori dal PD!)

    • Marialuisa · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:05 am

      concordo, nel mio piccolissimo, con Michela Marzano

  9. tsè · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:29 am
  10. daniele- · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:27 am

    chiunque abbia una dignità non può rimanere al servizio del cantastorie, mi sembra ovvio.

    • wilson · giovedì, 25 febbraio 2016, 12:38 pm

      Il bello è che i vostri li volete tutti al servizio invece. Dimmi un po’ come lo reputeresti se il Pd istituisse la multa?

      Altra cosa. La Marzano dovrebbe dimettersi? Per me no.

      • daniele- · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:35 pm

        per me si, e se non si dimette le farei pagare la penale di un milione di euro;
        per danni all’immagine (orrenda) del partito.

  11. Michele · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:25 am

    Invece non capisco come si possa darle ragione. I grillini sono inaffidabili, NCD non voterebbe il ddl così com’è: il compromesso raggiunto è il massimo possibile con questo parlamento. Preferisce forse nessun diritto? E’ una mentalità da grillino: tutto come dico io o niente.

    • Floriana · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:04 am

      Concordo in pieno

    • feriat · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:08 am

      iperrealismo democraxiano

    • daniele- · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:09 am

      inaffidabili? è stato loro impedito di votare e parli di inaffidabilità?
      ma in base a cosa fai certe affermazioni?
      se vuoi parlare di inaffidabilità rivolgiti al tuo pd che fino a pochi giorni fa diceva che la legge cirinnà non sarebbe stata toccata!

      • daniele- · giovedì, 25 febbraio 2016, 11:09 am

        poi è arrivato l’ordine dal vaticano e allora…..

      • wilson · giovedì, 25 febbraio 2016, 3:48 pm

        L’ordine del vaticano ?!

        Se i 5 stelle si muovessero perchè hanno delle convinzioni sbagliate sarebbe quantomeno scusabile.

        Chi ha ordinato a Airola di scrivere quell’SMS per ingannare la Cirinnà ?
        Quale Autorità l’ha ordinato?
        Grillo ?
        Casaleggio ?

        Lo chiedo perchè da perfetti deficienti rivendicano di non fare nulla se non viene loro ordinato.

        Airola ha detto che era staro raggiunto un accordo ufficioso sul canguro, e anche di non dire nulla. Furbo , non c’è che dire. Potete rivendicare di aver fregato le aspettative dei gay e anche il PD. C’è chi ne goisce.

        Il PD ha fatto male a fidarsi e per questo è messo male , dice Di Maio.
        Ma davvero? C’è chi è messo peggio.

        http://www.nextquotidiano.it/lsms-della-cirinna/

      • ahhh! ecco! · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:10 pm

        Heiner, vedremo chi ha ragione? Io penso che abbiamo torto tutti..

      • miiii.. · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:16 pm

        Wilson è da tutto oggi che dai dei deficienti a tutti.. se non fosse stato messo il canguro, dove con uno sforzo neuronale, era prevedibile la sua inammissibilità da subito. Oggi ci sarebbe la legge. Tanto è vera la ipotesi, si trattasse solo di foglia di fico per il Pd, che persino oggi, per la fiducia serve Verdini. Perché Renzo è tra i suoi che i voti non li ha mai avuti. Adesso basta caxxate. Voleva sbugiardare il m5s, lo faceva votare, il voto segreto? Ma non fatemi ridere, si arriva a scoprire chi vota cosa. Poi, avrebbe sbugiardato il suo partito vabbe’ ma quanto fa comodo fare scaricabarile.

    • ahhh! ecco! · giovedì, 25 febbraio 2016, 3:03 pm

      Se sono così inaffidabili.. quale migliore occasione di metterli alla prova col voto, si prenderebbero 25 piccioni con una fava.. se non votano fanno figuraccia, e comunque non voterebbero solo sugli art. Sulla stepchild a voto segreto, cosa che oggi è stata stralciata dal ddl, e che quindi non c’è comunque, no?
      Quindi sarebbe rimasta legge come la impone la fiducia oggi, con qualche diritto in più rispetto al nuovo testo, e loro farebbero figuraccia. Perché non votare? Perché come si evince col soccorso di Verdino, i voti ancora oggi al Pd mancano dal suo interno.. ragione per cui si voleva il canguro che poi era inammissibile. Il voto si poteva e doveva fare. I movimenti lgbt lo hanno capito benissimo, tanto che hanno protestato ieri e si asterranno dal voto alle amministrative.. pensa come sono felici dell’accordo con Alfano e di non aver più votato gli emendamenti in aula. Hanno capito.

      • heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 3:11 pm

        no, il voto segreto non riguardava solo la step, ma tutti i punti della legge. il rischio era appunto quello di perdere i punti fondanti.

        ps: consiglio di leggere cosa pensano di questa legge adinolfi, gasparri, giovanardi, sacconi… si imparano un sacco di cose.
        ah, consiglio anche di leggere questo maxiemendamento. temo che pochi lo abbiano fatto.

      • ahhh! ecco! · giovedì, 25 febbraio 2016, 3:21 pm

        Se comunque non votassero, non voterebbero..
        Accidenti, quando mi irrito..

      • ahhh! ecco! · giovedì, 25 febbraio 2016, 3:33 pm

        Anche fosse stato tutto a voto segreto, è non è così, i conti si fa presto a farli..non si capiva chi votava cosa? I modi ci sono, E poi, io sono eterosessuale, i gay per essere così incaxxati, cosa dici.. avranno letto il maxiemendamento progressista con le impronte di Alfano? Non l’hanno capito? Sempre tutti cretini, vero? Anche solo la clausola sulla non obbligatorietà della fedeltà è un insulto. Io fossi gay mi incazzerei non poco. Se si fosse votato si sarebbe ottenuto di certo di più e probabilmente tutto. Il canguro e la fiducia solo foglie di fico per i no del Pd. È lampante.

      • heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 3:50 pm

        vedremo chi ha ragione.

        tra un paio di anni ne riparleremo. io sono convinto che adinolfi, gandolfini, giovanardi, calderoli, militia christi hanno capito benissimo cosa c’è in gioco.
        per il lgtb è una delusione, lo capisco. e in fondo lo è anche per me.
        ma il risultato credo (sarei pronto a scommetterci) sarà ben superiore alle aspettative (per le ragioni che ho elencato soprattutto sotto il post dedicato a manconi)

      • il segreto del successo · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:01 pm

        Caos totale: Formigoni non vota la fiducia, Casson (pd) uscirà dall’aula, La Marzano abbiamo visto cosa fa.. Alfano la spara grossa:”impedito rivoluzione contro natura e antropologica”, la Boschi lo richiama all’ordine.. Cuperlo :”frase gravissima”.. mi sa che non finisce qui.
        Praticamente scontentati tutti, non è un obiettivo da poco.

      • il segreto del successo · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:03 pm

        Wilson, allora quelli che protestano fuori dai palazzi, sono figuranti pagati.. da chi? Hanno bandiere delle rispettive organizzazioni..
        E la comunicazione ufficiale da TUTTI i movimenti lgbt che non volevano fiducia e stralcio step child.. è carta straccia, per esserlo basta che l’Unità non la pubblichi.. che pena.

  12. heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:24 am

    è la politica.

    sicuramente sarà di grado di portare al governo un partito che voterà subito le adozioni ai gay e il matrimonio egualitario. di sicuro. non ci piove. certissimo. mi par di vederlo…
    pffff. .aaahhhha.. aahahha AHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHHA…..

    • ... · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:56 pm

      Chissà se per divorzio e aborto, dicevano lo stesso. Il punto per le adozioni, era normare una situazione esistente non normata. La step child era il cuore della legge, perché doveva porre rimedio ad un vuoto legislativo. Il compito di uno stato laico, mi pare. Sarà come al solito rimandata la responsabilità ai giudici.. che, non sono tutti uguali, come al solito si demanda compito legislativo alla giustizia. Un genitore continuerà a firmare delega per permettere all’altro di andare a prendere il bambino a scuola. E molte altre differenze. Nessunb giudice potrà porre rimedio a queste situazioni. Che sono molte.

  13. pinky700 · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:23 am

    l’aumento di 200 volte della multa contro l’aborto clandestino in un paese dove viene sistematicamente istigata la violazione di una legge con l’obiezione di coscienza altrimenti “non fai carriera” è un’altra carognata di questo governo antipopolare e mafioso

    • tsè · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:37 am

      se non sbaglio prima della depenalizzazone c’era la multa più il carcere da 1 a 4 anni.

  14. daniele- · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:21 am

    ottima marzano, se non altro si defila da quelli che fino a qualche giorno fa hanno dichiarato per mesi che la legge cirinnà non si toccava.

  15. stefania tommasi · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:21 am

    il pd perde i pezzi,comunque ormai fara’ a meno di persone che ostacolano il percorso di renzi,giusto per certi versi,sbagliato per altri.teniamo conto che renzi si e’ trovato a combattere nelle aule una politica che ha sempre fatto accordi nell’ombratra governo e opposizione ,facendo finta di litigare e facendo assenze strategiche per far passare ogni tipo di porcate lobistiche e massoniche.

  16. Santino Cangeri · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:19 am

    Tutte le opinioni sono rispettabilissime, tuttavia bisogna anche sapere che la politica è l’arte del compromesso e non sempre si può ottenere tutto. Credo questa legge per quanto “mutilata” sia un inizio viste anche le condizioni sul come è nata. Certo le divergenze fanno parte della politica ma se tutti applicassimo la regola della Senatrice, che rispetto, ci sarebbe un Parlamento ingovernabile perchè impossibile accontentare tutti.

    • ... · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:48 pm

      I compromessi servono a due parti per giungere ad una sintesi che accontenti coloro che le due parti rappresentano.. A me pare che non sia contento nessuno, non i gay, non i loro figli, non chi era contrario, non chi era favorevole, non i cattolici, non i laici, nessuno.
      Formigoni non vota la fiducia, Casson (PD) uscirà dall’aula, molti nel pd credo faranno lo stesso,l’organizzatore family day dice Mattarella di intervenire per incostituzionalità norma, i gay stanno manifestando contro la fiducia, l’unico contento è quel cretino di Alfano che si esprime in questo modo: “abbiamo impedito rivoluzione contro natura”.. compromesso riuscito? No. Direi di no.

  17. tsè · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:17 am

    quella che risulta dal maxiemendamento, se verrà messo in votazione ed approvato, è una buona legge, strutturata e coerente, che riconosce l’unione civile tra persone dello stesso sesso come istituzione dello stato.

    manconi, marzano, gli altri de sinistra, innamorati di sè stessi e delle proprie idee – malattia infantile degli intellettuali – possono scegliere se approvarla o sabotarla, farci sapere se hanno la priorità le persone o i principi, se lo scopo del loro far politica è il miglioramento della società o la ribellione.

  18. pinky700 · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:16 am

    scappare a gambe levate,altrochè

  19. Maria Morrone · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:16 am

    C’è ancora qualcuno che non è disposto a sacrificare le proprie idee in cambio di una seggiola che ti chiede in cambio la tua dignità….io come elettriche seguirò l’esempio della Prof.Marzano

  20. andrew · giovedì, 25 febbraio 2016, 10:13 am

    lei è una donna…tu sei un democristiano o un demoebreo …

    • ... · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:39 pm

      “Lei è una donna” e “tu sei un demoebreo”.. cosa significa? Tu cosa sei, un antisemita misogino? Questi gli elettori tipo di Renzi? Sinistra eh.. siamo sicuri..

      • heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 4:45 pm

        beh, andrew mi pare tutto meno che un elettore di renzi.
        ci vuole poco per capirlo, ma evidentemente madre natura non è stata molto generosa con te.

      • ... · giovedì, 25 febbraio 2016, 5:02 pm

        Senti fenomeno..
        Non è la prima volta che mi imbatto in commenti a firma andrew. E poi, uno che se la prende con una del Pd, perché non concepisce la situazione creatasi.. forse sono i tuoi di neuroni da mettere in bolla.

      • heinerddr · giovedì, 25 febbraio 2016, 5:15 pm

        mah, eccone qui uno, ad esempio

        andrew · Mercoledì, 2 Dicembre 2015, 10:30 Am

        io sono d’accordo…
        prima però ci sono delle priorità, ossia deporre Renzi e quindi confiscare i beni a tutti gli ex-lotta continua, ex-comunisti, comunisti che hanno fatto finta di esserlo e si sono arricchiti per anni…
        tali beni serviranno alla povera genta

      • ... · giovedì, 25 febbraio 2016, 5:39 pm

        Allora ti garantisco, che ce ne sono almeno due che circolano.. comunque, quello che scrive qui sopra, è un pirla.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.