Berta Càceres, la donna che difendeva il suo fiume sacro, assassinata come Chico Mendes

venerdì, 4 marzo 2016

Berta Càceres, la leader ecologista degli indigeni dell’Honduras, è stata uccisa da due persone. La polizia del Paese centroamericano parla di un possibile furto, mentre i suoi familiari ritengono molto più probabile l’uccisione per vendetta.

Berta Càceres era stata ripetutamente minacciata di morte a causa delle sue battaglie ambientaliste, che l’avevano portata a conseguire il premio Goldman per l’ambiente nel 2015. La massima onorificenza assegnata a chi consegue un successo ecologicamente rilevante per la propria comunità.

L’attivista, che apparteneva ai Lenca, coordinava la comunità degli indigeni dell’Honduras, ed era riuscita a fermare la costruzione di un complesso idroelettrico sul fiume Rio Gualcarque.  Come riporta il sito di Repubblica, il  Rio Gualcarque è un “ fiume sacro nella cosmogonia Lenca che costituisce una fondamentale risorsa idrica per circa 600 famiglie che vivono nella foresta pluviale. L’impianto era stato approvato senza il consenso della comunità,  contravvenendo alla Convenzione sul diritto all’autodeterminazione dei popoli indigeni. “Quando ho inziato a combattere per il Rio Blanco, potevo sentire quello che il fiume aveva da dirmi. Sapevo che sarebbe stato difficile, ma sapevo anche che avrei trionfato. Me lo ha detto il fiume”, ha dichiarato. L’Honduras è uno dei Paesi dove sono più numerose le morti degli ambientalisti: ben 101 tra il 2010 e il 2014.

39 Commenti

  1. oder · domenica, 6 marzo 2016, 1:13 pm

    L’uccisione in Honduras di Berta Caceres, pasionaria che difendeva i diritti delle popolazioni indigene contro la rapina delle multinazionali, offende, ma di certo non sorprende. Come dicono gli organi ufficiali del regime imposto con un golpe da Washington alcuni anni fa , sarebbero stati dei ladri penetrati in casa ad ucciderla, ma tutti sanno che sono stati i sicari dei costruttori di dighe, espropriatori di terreni, scavatori di miniere, latifondisti del tropical incorrect, gravemente scontenti dei ritardi a cui le lotte della popolazione indigena costringono i potenti del nord del continente e anche dell’Europa. E infatti negli ultimi 3 anni sono stati uccisi 80 militanti del Consiglio delle Organizzazioni dei popoli amerindi dell’Honduras di cui Caceres era coordinatrice e volto. Tutti fatti fuori da ladri in cerca di bottino evidentemente, strani ladri che tra l’altro, come anche in questo caso, quasi sempre minacciano di morte con qualche settimana di anticipo

    Questa orribile vicenda svela però il ruolo delle oligarchie occidentali che da una parte vogliono ad ogni costo e con tutti i mezzi appropriarsi delle risorse, non arretrando davanti a nulla e pronte a sfoderare la bibbia liberista , ma dall’altro nascondono questa realtà favorendo il nascere di organizzazioni ad hoc e di sub culture della beneficienza e della filantropia che paiono venire in appoggio ai loro nemici. Un anno fa Berta fu insignita del prestigioso Goldman Environmental Prize che di solito viene assegnato da una giuria sostanzialmente formata dalla medesima famiglia Goldman ad attivisti ecologici di varia natura ed escludendo a priori il collegamento fra ambiente, economia e questione sociale che in vaste aree del mondo è diretto e immediato. Oppure si applaude Leonardo di Caprio alla cerimonia degli oscar per un discorsetto a sostegno ai popoli indigeni, alle loro lotte contro le imprese multinazionali.

    Tutte cose benvenute per un establishment che ha bisogno di crearsi un alibi e dire vedete? noi siamo favorevoli all’ambiente, alla democrazia, ai popoli indigeni, salvo prendere subito dopo il telefonino criptato per dare ordini ai sicari. E’ solo un caso particolare della strategia lotta di classe al contrario che viene applicata massicciamente dalla geopolitica con le rivoluzioni arancioni, le primavere assortite, la creazione di terrorismo, le stragi attribuite a la carte o semplicemente fabbricate come è accaduto nei balcani, alle vicende economiche e/o alle politiche nazionali: la creazione di depistaggi e di alibi è all’ordine del giorno. Le buone volontà di singoli o di organizzazioni, anche quando vi siano, vengono sfacciatamente usate come pretesto per allontanare il sospetto e le evidenze, fanno gioco insomma. Così non c’è davvero da stupirsi se Usa ed Europa abbiano praticamente dato la loro benedizione al golpe militare in Honduras, mentre le cosiddette “organizzazioni internazionali” hanno ritenuto che elezioni svoltesi in mezzo alle stragi degli squadroni della morte e i blindati in strada fossero regolari. Poi si passa a premiare alla memoria o quando proprio bisogna aspettare a mettere un bersaglio sui morituri.

    blog:https://ilsimplicissimus2.wordpress.com

  2. Bomba Estéreo · sabato, 5 marzo 2016, 7:15 pm

    La cancellazione su Wikipedia Italia di una pagina come quella di [[Berta Cáceres]] (https://it.wikipedia.org/wiki/Berta_C%C3%A1ceres) ha solo ed esclusivamente motivazioni di carattere politico: è un atto di intolleranza FASCISTA che, come tale avrà delle conseguenze molto gravi per Wikipedia Italia!

    • Zingara scalza · domenica, 6 marzo 2016, 5:13 pm

      @Bomba Estéreo: sei stato/a a decretare la cancellazione con il tuo comportamento da vandalo globale!

  3. picodepaperis · venerdì, 4 marzo 2016, 10:57 pm

    mary 

    Gad
    senza offesa ma, controlli la pubblicità dl blog?
    buttaci un occhio e,selezionala
    senza offesa

    ÷÷÷÷÷÷÷

    Eccaaa lla!
    cos’è che ti disturba ?

    Il massimo dell’ipocrisia, tua e del padrone del blog !

    p.s.

    Un consiglio, torna in cantina.

  4. mary · venerdì, 4 marzo 2016, 9:30 pm

    media e non solo
    anche se fuori tema
    oggi 4 marzo
    ricordiamo un grande poeta, musicista
    un grande artista che ha onorato la sua Bologna , e non solo.l’Italia

  5. mary · venerdì, 4 marzo 2016, 9:21 pm

    Gad
    senza offesa ma, controlli la pubblicità dl blog?
    buttaci un occhio e,selezionala
    senza offesa

  6. mary · venerdì, 4 marzo 2016, 9:16 pm

    un pensiero a Berta,una grande donna
    che,come tuttye le donne dal civismo e dalla libertà di pensiero, onora la nostra categoria

  7. tsè · venerdì, 4 marzo 2016, 7:49 pm

    siamo sette miliardi, raggiungeremo i dodici prima che la natalità diminuisca stabilizzando la popolazione, l’unica possibile soluzione alla carenza di acqua dolce é l’utilizzo di mega-impianti di addolcimento alimentati da energia nucleare, anche perché i fiumi non scorrono in salita se non c’è energia a spingere.

    prima cominciamo meno vittime conteremo.

  8. Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 2:46 pm

    Il Presidente LULA è stato Prelevato dalle forze dell’Ordine.

    • pinky700 · venerdì, 4 marzo 2016, 5:45 pm

      invece tu sei ancora piede libero

    • mary · venerdì, 4 marzo 2016, 9:19 pm

      fuori tema
      si parla di una grande donna
      ma,tu,omino piccolo,piccolo
      vai fuori tema

  9. picodepaperis · venerdì, 4 marzo 2016, 12:46 pm

    elia · 

    Come agiscono i “sicari dell’economia” al servizio delle multinazionali che sfruttano le riserve del Terzo Mondo:

    ÷÷÷÷÷÷÷÷
    Fortemente consigliato a Lernpier Gad.

    p.s.
    Lula indagato per mazzette ricevute dalla compatnia petrolifera PetroBras.

    Chissà se c’è di mezzo un altro sicario dell’economia…

    • elia · venerdì, 4 marzo 2016, 6:20 pm

      Ci puoi scommettere.

  10. Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 10:38 am

    Si TITTA, finita quella del petrolio ci sarà la guerra per l’acqua dolce.
    Per questo la Cina si tiene il Tibet.
    E noi invece di inceneritori dovremmo fare desalinizzatori.

  11. Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 10:33 am

    Si Pinky, destra e sinistra, Sciiti e Sunniti e intanto i soliti noti ingrassano.

    • pinky700 · venerdì, 4 marzo 2016, 10:51 am

      i “soliti noti” sono proprio quelli che hanno + interesse a far credere alla gente che non c’è differenza tra destra e sinistra.Quando tutto è indistinto e melmoso a prevalere sono sempre “i soliti ignoti” di sinistra e di destra

  12. Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 10:27 am

    Alessandro e Pinky.
    Venezuela e Libia.
    Una ha fatto così e l’altra cosa’ ma il risultato è identico. Si, la Libia è stata bene più a lungo ma se non ti ammazzano di corruzione ti ammazzano e basta. Forse l’unica è far fronte comune.

    • Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 10:30 am

      Mi sembra anche che il Venezuela avesse offerto asilo politico a Gheddafi durante i noti eventi.
      Ma quello dalla sua tenda non si muoveva.

  13. pinky700 · venerdì, 4 marzo 2016, 10:20 am

    Quali rivoluzioni Gad

    L’America latina è la conferma che esiste ancora una differenza tra sinistra e destra.L’avvento di governi progressisti in quell’area ha coinciso con forti miglioramenti nelle condizioni di vita delle masse.Chiaro che c’è ancora tanto da fare e gli episodi di corruzione e malversazioni non sono mancati neanche con la sinistra al governo ma d’altronde chi siamo noi per criticarli sul versante della corruzione?

    • Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 10:28 am

      Dati please!

    • tsè · venerdì, 4 marzo 2016, 10:48 am

      non basta redistribuire risorse per essere progressisti: quello è clientelismo, magari sociale ma sempre clientelismo che inevitabilmente si accompagna alla formazione di una burocrazia di redistributori ed alla corruzione.

      • Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 2:28 pm

        Ridistribuire le ricchezze nella zona UE vuol dire distribuire verso l’alto la ricchezza. Occhio ricchezza, non redditi. Se fosse possibile fuori dall’euro, e con una buona protezione da parte sindacale, questa crisi era già superata.

  14. Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · venerdì, 4 marzo 2016, 10:14 am

    Le Americhe sono state devastate dai loro pseudo rivoluzionari.
    Il Venezuela è paradigmatico:
    Oro nero a iosa e di ottima qualità.
    Insomma nessuno doveva lavorare ma avere una Cadilalac e quando si bucata una gomma dovevano cambiar la macchina ovviamente a spese dello Stato.
    I vari kompagni hanno preferito dar soldi ai rivolionari di sendero luminoso.
    I risultati sono questi.

  15. elia · venerdì, 4 marzo 2016, 10:08 am

    Come agiscono i “sicari dell’economia” al servizio delle multinazionali che sfruttano le riserve del Terzo Mondo:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/09/21/confessioni-di-un-sicario-delleconomia/62961/

  16. Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 10:05 am

    Mah TITTA, è dura.
    Forse fare alla moda russa.
    Quando Napoleone è arrivato a Mosca ha trovato terra bruciata.

    • Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 10:12 am

      Quando una multinazionale dovesse arrivare a S.Pellegrino non dovrebbe trovare più né S.Pellegrino né il Brembo.

      • Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 10:30 am

        Acqua dolce: questo è il futuro.

  17. Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 9:47 am

    Gad · Venerdì, 4 Marzo 2016, 9:37 Am
    L’America Latina, prima delle sue varie rivoluzioni, stava molto molto peggio

    Quali rivoluzioni Gad. Troppo semplicistico il ragionamento! Parli quella delle FARC colombiane? Oppure, magari quelle di LULA o di DJALMA? MADURO?

    • Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · venerdì, 4 marzo 2016, 10:07 am

      Gli manca solo l’euro!

      • Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 10:29 am

        Informati meglio, lo stanno costruendo!

  18. Lady Dodi · venerdì, 4 marzo 2016, 9:34 am

    Vedi Titta? Probabilmente la signora Caceres non avrebbe gradito un TTIP.
    E quindi è facilissimo trovare due killer. Fra i tuoi connazionali per beffa finale.
    Quindi l’unica è procurarsi un caterpillar cieco a testate atomiche ecc ecc

    • Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 9:52 am

      Dodi:
      Secondo lei cosa potrebbe interessare alle multinazionali del patrimonio Italico?
      San Pellegrino suggerisce qualcosa?

    • Mastro Titta · venerdì, 4 marzo 2016, 9:53 am

      Acqua, Fiume. Patrimonio idreologico.

  19. tsè · venerdì, 4 marzo 2016, 9:27 am

    l’america latina è diventata un vero orrore, risultato di rivoluzioni fallite, regimi autoritari, eserciti privati di trafficanti, criminalità organizzata in mafie e bande;

    gli Stati Uniti come capofila dell’occidentalismo, qui come altrove hanno praticato il dominio democratico attraverso la destabilizzazione economica , sociale, politica lasciando una galassia di situazioni in crisi cronica epprciò innocue.

    la ricchezza del territorio, la posizione strategica qui come altrove diventano maledizione per i popoli.

    centinaia, forse migliaia di vittime innocenti al giorno di cui non si parla, che non suscitano il minimo interesse.

    • Gad · venerdì, 4 marzo 2016, 9:37 am

      L’America Latina, prima delle sue varie rivoluzioni, stava molto molto peggio

      • tsè · venerdì, 4 marzo 2016, 10:12 am

        certo, come la Libia.

      • Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · venerdì, 4 marzo 2016, 10:23 am

        Tse’ NON INFIERIRE

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.