Casaleggio è poco trasparente, ma l’accusa di spionaggio sui deputati appare poco fondata

lunedì, 7 marzo 2016

L’articolo di Salvatore Merlo del “Foglio” in merito allo “spionaggio” della posta elettronica dei suoi deputati è diventato un caso politico. Il PD è andato subito all’attacco con la consueta promessa di interrogazione parlamentare in merito, oltre a un lungo coro di dichiarazioni sulla scarsa democrazia interna al M5S e sul dominio di Gianroberto Casaleggio. Beppe Grillo ha pubblicato un post di totale smentita del caso, ribattezzato “Watergate” da diversi giornali con enfasi davvero eccessiva visto il termine di paragone scelto. Il “Watergate”, ovvero la scoperta dello spionaggio del democratico Edmund Muskie da parte del presidente Richard Nixon effettuata dal “Washington Post”, è stata una delle più grandi inchieste giornalistiche del secolo scorso, capace di far cadere un presidente degli Stati Uniti. Nulla di simile, sembra, può essere paragonato con la presunta spy story grillina. Nel pezzo di Merlo, che ho descritto per sito sabato scorso, le accuse principali sono basate su testimonianze di fuoriusciti dal M5S. La prova documentale principale, una email che conferma l’intervento della Casaleggio Associati, appare debole, visto che non prova l’eventuale intrusione e visualizzazione delle comunicazioni dei parlamentari a 5 Stelle. L’intervento della società del fondatore dei 5 Stelle era già stato smentito un anno e mezzo fa, quando questa vicenda era venuta fuori per la prima volta. Di nuovo, per ora, visto che sono state annunciate nuove rivelazioni da parte del “Foglio”, c’è relativamente poco. Su Nexquotidiano c’è una approfondita ricostruzione dell’intera vicenda, che può essere utile per farsi un giudizio sulla presunta spy story. Al momento sembra ancora una baruffa tra M5S ed ex deputati, o poco di più. I 5 Stelle e sopratutto i loro leader, Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo, hanno spesso evitato di chiarire i tanti aspetti poco trasparenti della loro democrazia diretta, comprensiva di espulsioni controverse e votazioni dal sapore di ratifiche di decisioni già prese. Avessero mostrato maggior attenzione alle legittime critiche in merito su questo punto, questo caso sarebbe stato valutato con maggior serenità da parte di tutti.

66 Commenti

  1. wilson · mercoledì, 9 marzo 2016, 6:51 pm

    In assemblea, alla mia ex, per fortuna, capo gruppo inesistente, abbiamo chiesto contezza di chi fosse il signor Genova che senza consenso del presidente del gruppo ha messo le mani nelle email private!!! Palese reato di violazione della privacy di un cittadino semplice e figuriamo di un parlamentare. Risposta: la capo gruppo non era tenuta a dare certe informazioni per la privacy del sig Genova, lì a ficcare il naso in tutte le mie email!!!!! Ehhhh sì, cari cittadini, poiché io non saprò mai cosa diavolo ha fatto questo tizio a libro paga del gruppo parlamentare, per una settimana, sputtanando tutto il lavoro di 18 mesi e chissà, magari spiando in tutte le mie email e farsi un dossier su ognuno di noi!!! Tutto nel tacito assenso di un capogruppo! Ma siamo un movimento trasparente o la spectre?”.

    Questo è quello che dice Tatiana Basilio, che OGGI sta ancora nel M5S.

    Dunque?

    Noi vorremmo sapere le stesse cose che chiedevano i loro parlamentari.
    Chi è il signor Genova, perchè Paola Carinelli gli avrebbe dato informazioni riservate, per conto di chi agiva Genova, perchè ha modificato le password, e se il movimento 5 stelle è la spectre o un movimento trasparente.

    SI noti bene, la presenza di possibili reati è indicata dalla Basilio, che si mostra anche timorosa di un dossier.
    Dov’è il fango piddino dunque ?

    Mi auguro che Casaleggio chieda fino all’ultimo centesimo di danni

    Dicono quelli che sostenevano che a querelare fossero i potenti per nascondere il vero. Ora che sono diventati potenti, Kasta, la querela è sdoganata.
    Ma sono i loro stessi Parlamentari che lo dicono!

    I parlamentari attuali gettano fango sul m5s. Che c’entra il PD?
    Il PD interroga chi ha fatto queste gravissime affermazioni e chiede se è vero che Casaleggio faccia così schifo, e se è vero che temono qualche dossier.
    Sarebbe gravissimo, limiterebbe la loro libertà di azione!

    • wilson · mercoledì, 9 marzo 2016, 7:06 pm

      E la scatola di tonno?

      Questi sono andati in Parlamento dicendo che avrebbero smascherato tra l’altro con le loro telecamerine pressioni indebite dei vertici sui parlamentari degli altri partiti.

      Ora, udite, udite. Loro possono fare quello che credono perchè non sono un partito padronale ma un moVimento.
      Dunque possono chiedere trasparenza agli altri e non rispondere di nulla!

  2. wilson · martedì, 8 marzo 2016, 6:00 pm

    Non ho l’abbonamento al Foglio , ma è uscito un altro articolo dove ci sarebbero le dichiarazioni dei parlamentari 5 stelle che esternavano quello che dicono gli ex.

    Mi immagino il contenuto, perchè queste cose sono scritte in altre parti.
    Risulta dai profili facebook di questi signori.
    Artini, poi espulso perchè aveva osato mettere al riparo le loro email, veniva difeso a spada tratta da politici che STANNO nel m5s. E che ora negano tutto o non parlano perchè se parlassero arriverebbe l’espulsione.

    Ma che è ?!

    La cosa è buffa perchè questi dicono di stare in una caserma, si sentono spiati , e dicono che il m5s è una gigantesca operazione commerciale, che serve per vendere i libri di Di Battista o di Casaleggio.

    Ma ci si trovano bene, mica escono!

    Comunque, le loro dichiarazioni danno credibilità a quello che hanno raccontato gli ex e che viene smentito da Grillo, il quale afferma che è solo fango piddino.

    No, c’è una lettera in cui c’è scritto che lo Staff di Beppe Grillo conosce che 30 parlamentari non controllano la posta.
    Come fa lo Staff di Beppe Grillo a saperlo?
    Poi ci sono dichiarazioni concordi di ex 5 stelle e di 5 stelle che confermano i timori di essere spiati.

    Il Pd fa una legittima operazione di richiesta di chiarimento, che poi sia utile a fini elettorali dovrebbe essere ininfluente. Loro praticamente non fanno che fare queste cose qui , se la ricordano più la scatola di tonno?

    Dunque chiariscano e dicano il nome e cognome di chi c’era in questo Staff.
    Qualche procura potrebbe pure decidersi di aprire una inchiesta, in quanto le cose dette (da loro!) sono gravissime.

    • daniele- · martedì, 8 marzo 2016, 6:21 pm

      ancora stai dietro a questa storiella?
      si vede che non hai proprio un caxxo da fare!
      occupati dei brogli alle primarie del tuo partito!
      cos’è quella storia delle schede bianche o nulle (4000) a roma?
      chi è andato a votare sotto la pioggia, ha sgangiato 2€ e non ha votato nessuno?
      ma cosa sono questi imbrogli?
      indaga, w., indaga!
      http://roma.corriere.it/notizie/politica/16_marzo_07/primarie-pd-scoppia-caso-schede-bianche-bufea-orfini-dati-ufficiali-0c082c04-e49f-11e5-9e78-e03cf324c1ba.shtml

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 6:25 pm

        Di primarie parliamo in altra sede. Grazie.

    • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 6:23 pm

      Ma il giornalista del Foglio ha letto me? :)
      No, scherzo.
      Come me non si è bevuto la balla secondo cui è un complotto piddino o degli ex.

      E’ stato scritto un nuovo articolo sul Foglio.
      Riguarda i timori di ATTUALI parlamentari 5 stelle a proposito delle mail. E dunque? Il fango se lo lanciavano tra loro?

      “Ma perché un perfetto sconosciuto ha avuto accesso a tutte le nostre mail?

      Questo è il titolo dell’articolo, che riprende le cose che dicevo io. E’ una frase di una parlamentare che STA nel movimento 5 stelle questa qui.

      Qui l’articolo, per chi ha l’abbonamento

      http://www.ilfoglio.it/politica/2016/03/08/ma-perch-un-perfetto-sconosciuto-ha-avuto-accesso-a-tutte-le-nostre-mail___1-v-139126-rubriche_c385.htm

      (Domani dovrebbe essere disponibile per chi come me non ha l’abbonamento. SE non paghi, giustamente non leggi lo scoop di giornata. Bravissimo il giornalista, forse uno dei migliori).

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 7:45 pm

        Domanda su NextQuotidiano.

        Come faceva la Casaleggio a sapere delle attività del server se la password era stata fornita ad altri che con loro non avrebbero dovuto avere a che fare?

        La risposta della Terzoni, che sta nei 5 stelle è che a questo sconosciuto segnalato da Casaleggio avevano detto tutto loro.
        Se la prende con la collega che ha dato accesso alle mail di tutti, difendendo Artini, che invece aveva cercato di mantenere le loro mail lontane da occhi indiscreti.

        Altra domanda è : perchè quando questo tecnico cambia tutte le loro password e loro chiedono spiegazioni si fa sentire lo Staff di Beppe Grillo?

        Lo staff di Beppe Grillo risponde dicendo che il sistema non è ripristinabile, che se ne deve installare un altro e aggiunge (lamentandosene ) che gli risulta che SOLO 30 leggono la posta lì.
        Cioè invita i parlamentari a leggere la posta lì dove è controllata.

        Dunque se è vero quello che dicono i parlamentari 5 stelle (quelli che sono dentro il partito) il tecnico come minimo ha rivelato le password a questo fantomatico staff, che mostra di avere avuto accesso alle email.

        Però il tecnico, pagato con soldi pubblici, dice la Terzoni,

        non doveva rispondere allo staff, ma solo a noi.

  3. mary · martedì, 8 marzo 2016, 8:39 am

    media
    nel caso d’intercettazione/controllo di parlamentari in Parlamento
    si ravvisa, una violazione anche degli altri parlamentari

    una nota su cui riflettere
    il watergate USA,costo’ una presidenza
    da noi?una tirata d’orecchio?
    non va così
    occorre una Commissione nParlamentare che indaghi ,per verificarne l’esistenza,la verità
    nb
    i grillini non facciano gli offesi,la Commissione d’inchiesta serve anche alla loro libertà di pensiero e parola

    • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 5:05 pm

      No, per favore. La Commissione Parlamentare NO.
      Non sono cose serie in Italia.

  4. mary · martedì, 8 marzo 2016, 8:22 am

    Mollica
    non esistono scusanti sul watergate grillesco
    media,analisti
    vi vedono un pericolo
    alcuni si chiedono ma, se “le intercettazioni”avvenivano anche mentre i grillini erano presenti alle camere,allora, viene lesa la sicurezza dei lavori parlamentari?una violazione della privacy,non solo dei singoli politici grillini ma di tutti gli altri?
    una riflessione che porta a ben piu’ gravi riflessi ed analisi
    se,durante le commissioni , analisi in gruppi di diversi componenti, venivano analizzate problematiche nazionali ed, il grillino presente subiva quella specie di controllo,anche gli altri politici,appartenenti al altri partiti, subivano la stessa violazione/controllo?
    occorre riflettere su tali quesiti,ne va della sicurezza,sempre, della libertà non solo del singolo politico”controllato”ma anche degli altri presenti nel sito
    certo, di spioni ve ne sono tanti ma , simili,si trovano nelle antiche storie diu spionaggio,anche meno tecnologici

    una riflessione importante
    occorre una Commissione Parlamentare che faccia luce
    urge
    inchiesta sul watergate grillico, per chiarezza

    riflettiamo

  5. Armando Zappa · martedì, 8 marzo 2016, 8:15 am

    al di la’ di questa faccenda
    che sia vera o meno…
    da sempre di ha l’impressione che i vertici
    del M5S non abbiano
    molta fiducia dei propri
    parlamentari…si rendono
    conto che con il tipo di
    selezione…con numeri da
    assemblea condominiale
    al parlamento e’ arrivato
    di tutto…quindi questa
    massa di sprovveduti va
    in qualche modo gestita

    • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 5:18 pm

      Certo, prima si mette una massa di sprovveduti in Parlamento, escludendo chi ha autonomia di pensiero e scegliendo tra chi crede a sirene, scie chimiche e quant’altro.
      Poi siccome si è scelto tra cchi si dichiarato disponibile a essere servo occorre che lo si sia fino in fondo. E quindi anche se nessuno aveva detto loro che sarebbero stati controllati diventa giustificabile anche questa cosa.

      Eh no, per i controlli non ci sono giustificazioni.
      Hai centrato il punto però. Se si scegliesse prima con criteri meritocratici, magari anche facendo votare gli elettori i candidati, e se non ci fosse l’esigenza di uniformare le posizioni, allora l’esigenza del controllo non ci sarebbe.
      La diversità di opinioni può anche essere una ricchezza, insomma.
      I vertici poi dovrebbero essere contendibili. O no?

      • mary · martedì, 8 marzo 2016, 6:04 pm

        sai
        la parentopoli condominiale,non dimentichiamola

  6. daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 11:36 pm

    a proposito di trasparenza: da ansa:

    Primarie Pd: Napoli, “Dati soldi fuori dai seggi”: in un video la denuncia
    Persone all’esterno dei seggi che distribuiscono monete da un euro per portare i cittadini a votare. E tra loro anche consiglieri comunali e consiglieri municipali. É un video di Fanpage.it girato tra i seggi dei quartieri Scampia, Piscinola, San Giovanni a Teduccio a scuotere il Pd all’indomani delle primarie vinte a Napoli a Valeria Valente. Tra le persone che distribuiscono le monete si riconosce anche Antonio Borriello, consigliere comunale del Pd ed ex bassoliniano di ferro, tanto che, da consigliere comunale, celebrò il matrimonio tra l’ex governatore e la senatrice Annamaria Carloni. Borriello in queste primarie ha firmato la candidatura di Bassolino per poi cambiare idea, sostenendo la Valente e nella sua zona d’elezione, San Giovanni a Teduccio, dove la candidata ha vinto nettamente, surclassando Bassolino. “L’ho fatto – commenta Borriello – per non essere scortese come partito. Faceva freddo, erano venuti lì, non avevano l’euro e così gliel’ho dato io, ma l’ho fatto davanti a tutti, mica di nascosto”.

    ecco spiegata l’alta affluenza alle primarie di napoli!
    bella roba!
    ma smettetela con queste primarie fasulle!
    fate schifo!
    vergognatevi!

    • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 11:41 pm

      primarie da invalidare subito!
      smettetela!

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 5:23 pm

        Vuol dire che se i vostri chiedono di fare ricorso essendo stati esclusi dalla competizione in cui ha vinto la Raggi, le primatie sono da invalidare?

        Io nel caso in esame dico che soo da cacciare i basssoliniani che, magari proprio al fine di sporcarle, invitavano a votare Valente.
        Ed è da cacciare Bassolino se fa ancora polemiche chiedendo di ripetere la votazione.

        Ma siccome il risultato non cambia minimamente, essendo enorme il divario, vanno rispettati quei votanti che hanno votato Valente.
        Non si invalida un bel tubo per colpa di presunti ex bassoliniani, si cacciano dal partito loro!

      • daniele- · martedì, 8 marzo 2016, 6:14 pm

        enorme il divario?
        400 voti sono un divario enorme?
        senza imbrogli chissà chi avrebbe vinto!

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 6:29 pm

        500 se non sbaglio. Le costestazioni riguardano decine di casi. Oltretutto sono non validi non i voti in cui si dà un euro, ma quelli in cui si chiede di votare per un candidato.
        Forse non arriviamo nemmeno a 10 casi.

    • il segreto del successo · martedì, 8 marzo 2016, 12:30 am

      Eccala’.. come volevasi dimostrare..

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 5:24 pm

        Cosa?

  7. bruno d · lunedì, 7 marzo 2016, 10:26 pm

    Casaleggio è poco trasparente.
    ——————————————
    Obiettivamente,non è così magro!

  8. daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 9:45 pm

    andrea, sei pregato di aprire un topic su taormina che si è iscritto al movimento!
    argomento degno di nota e che necessita di ampio dibattito!

    • bruno d · lunedì, 7 marzo 2016, 9:59 pm

      Aspira a diventare membro della Corte Costituzionale, ed è una notizia vera.
      Se ti riferisci all’avvocato Taormina, quello del caso Cogne.

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 10:23 pm

        Ah, adesso capisco l’improvvisa conversione.
        Grazie.

        La chiudo qui , scusate l’off topic.

    • il segreto del successo · lunedì, 7 marzo 2016, 11:22 pm

      Che senso avrebbe avuto, prendere un consulente esterno per controllare la sicurezza del sistema, anni fa, se avesse davvero avuto interesse che lo “spionaggio” o presunto tale ad opera sua, continuasse. Mi appare sempre più sbrodolata per fini elettorali e niente più. Ma che stronzata.

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 5:37 pm

        E’ una stronzata così grossa che fino a poco tempo fa a dirsi indignati per il controllo delle email e a dire che quel tecnico dipendeva da Casaleggio erano non solo ex, ma anche attuali parlamentari.

        Parlamentari che sono dentro il movimento dicevano le stesse cose del Foglio, perchè non li querelate o non li espellete dunque?

        Quello che tutti vogliono sapere è il nome e cognome di chi abbiamo pagato con soldi pubblici, ne abbiamo diritto. Poi ci dicano anche come faceva lo Staff di Beppe Grillo a dire che solo in 30 controllavano la posta , poteri divinatori, o lo Staff di Beppe Grillo non ha nulla a che fare con Grillo?

        Grillo e Casaleggio sostengono in pratica di non avere nulla a che fare con questo staff ? Con lo staff di Beppe Grillo?
        I Parlamentari a 5 stelle indignati sostenevano il contrario e erano preoccupati che questo signore a loro dire segnalato da Casaleggio, assunto coi soldi della Camera, e che avrebbe dovuto rispondere NON allo staff, ma ai parlamentari, avesse l’accesso alle loro email.
        Questo signore poi , secondo quello che dicono loro, ha cambiato le password di accesso.

        Chi lo dice ? Non ex 5 stelle, ma persone che sono dentro il m5s.

        http://www.nextquotidiano.it/wp-content/uploads/2014/11/patrizia-terzoni.jpg

  9. Lady Dodi · lunedì, 7 marzo 2016, 9:09 pm

    Merlo non ci ha mai potuto vedere Daniele.

  10. Lady Dodi · lunedì, 7 marzo 2016, 9:08 pm

    Wilson, quando Renzi ha dato 80 euro per “favorire” il suo voto qualcuno ha scritto sul blog di Grillo: “se vi da 80 euro, prendeteli e NON votatelo”.
    Taormina si è iscritto legittimamente?
    Ha fatto magari una donazione?
    Grazie, ma adesso si mette in coda per attaccar manifesti.
    Per comprarci come dagli altri, non esiste cifra. E rigare dritto!

    • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 9:13 pm

      ciao dodi, hai visto che man mano si avvicinano le amministrative questi piddini doc sbroccano?
      si attaccano proprio a tutto, fanno ribrezzo!

    • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 9:35 pm

      Non ho capito cosa c’entrano gli 80 euro, non ho parlato di donazione. Piuttosto può esserci la convenienza a attirare un elettorato di una certa parte politica.

      Perchè citavo Taormina? Perchè daniele sosteneva: da noi non entrano i voltagabbana.

      • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 9:43 pm

        iscriversi secondo te vuol dire entrare?
        sì, come ha scritto dodi, ad attaccare i manifesti!
        ma smettila, ti rendi ridicolo!

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 10:15 pm

        Si, iscriversi vuol dire entrare.

        Iscrivendosi si condiziona il partito, nel bene e nel male.
        Taormina voterà le decisioni e avrà diritto alla pari di tutti gli altri anche di richiedere di partecipare a cariche pubbliche , perchè lui no?

        Poi tu hai detto che essendo incensurato è onesto, quindi? .

        Come sta bene vicino a Travaglio e Di Pietro!

        http://tv.ilfattoquotidiano.it/2014/03/01/lavvocato-taormina-m5s-unica-speranza-renzi-berlusconi-piu-superficiale/268007/

      • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 10:19 pm

        io ho scritto che se è incensurato è onesto?
        l’ho scritto prima che sei sbroccato!
        ti va di continuare ancora questa discussione idiota?
        tranquillo, tra poco verrà la gallina a darti man forte;
        bravo!

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 10:28 pm

        E allora vuol dire che fate non fate entrare (iscrivere cioè) gli incensurati , ma che possono entrare (iscriversi) i disonesti.

        Dunque per te Taormina è disonesto, ne prendo atto. Pensavo fosse solo un voltagabbana.

        Adesso chiudo, scusa.

  11. daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 9:06 pm

    che l’articolo era farlocco lo avevo scritto sui primi post;
    come si può dare credibilità alcuna al foglio e a merlo?
    solo w. e la gallina del blog avevano abboccato!

    • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 10:40 pm

      Come si può dare credibilità a alcuni vostri attuali parlamentari che dicono che Casaleggio ha fatto quello che dicono gli espulsi?

      • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 10:51 pm

        e chi sarebbero?

      • wilson · martedì, 8 marzo 2016, 7:13 pm

        Un perfetto sconosciuto segnalato da Casaleggio ha avuto accesso a tutte le nostre email.

        Il perfetto sconosciuto, assunto con soldi pubblici , doveva rispondere alla Camera, e non allo staff.

        Queste le lamentele di Patrizia Terzoni, che difendeva anche l’espulso Massimo Artini .

        Ora è troppo chiedere il nome di questo perfetto sconosciuto? La Terzoni lo sa.
        Grillo chiede conto addirittura al PD (siamo al ridicolo) di chi ci fosse nello Staff di Beppe Grillo, lo si chieda alla parlamentare.

        http://www.nextquotidiano.it/wp-content/uploads/2014/11/patrizia-terzoni.jpg

        Esiste poi una lettera in cui lo Staff di Beppe Grillo si lamenta per il fatto che in pochi leggano la posta lì su quel portale.

        Ma che è un caso di omonimia?

  12. e già... · lunedì, 7 marzo 2016, 4:17 pm

    Avessero mostrato maggior attenzione alle legittime critiche in merito su questo punto, questo caso sarebbe stato valutato con maggior serenità da parte di tutti.

    tu penzzzza ai cazzzi tuoi che ai miei ci penzzzo io

  13. Francescosocialista · lunedì, 7 marzo 2016, 4:16 pm

    CAOS LEGA!!!!!

    I sondaggi fanno male, gli scandali di Maroni non aiutano, le piroette di Salvini a Roma, la scomparsa della ridicola Padania

    l’avevamo detto: il crollo verticale della Lega e’ iniziato e non può bastare il soccorso Mediaset

  14. Lady Dodi · lunedì, 7 marzo 2016, 3:17 pm

    Ah ecco. Accettiamo le scuse.
    Per l’ultima volta però.

  15. wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 3:09 pm

    OT (breve)

    daniele, ti dò una notizia.
    Carlo Taormina, quello delle leggi ad personam, si è iscritto al moVimento 5 stelle.
    E nessuno ha avuto niente da eccepire .

    Ma il moVimento non era quel soggetto politico che non accettava i voltagabbana?
    Ma non mi avevi fatto la morale su Giachetti che, quando non c’era il PD era di altri partiti di sinistra.
    O sulla sua tessera da radicale (che Giachetti conserva ancora) e sulle sbattaglie radicali che Giachetti non si è mai sognato di rinnegare?

    ————-

    Ho lavorato per anni per Berlusconi, conosco le sue strategie. Quando ero il suo consulente legale e mi chiedeva di scrivergli delle leggi che lo proteggessero dai magistrati, non faceva certo mistero del loro scopo ad personam. E io gliele scrivevo anche meglio di quanto facciano adesso Ghedini e Pecorella. Quella sulla legittima suspicione, mi pare fossimo nel 2002, gli serviva per spostare i suoi processi da Milano a Roma. Lui ce la chiese apertamente e noi, fedeli esecutori della volontà del principe, ci siamo messi a scriverla. E abbiamo anche fatto un bel lavoretto, devo dire: sembrava tutto a posto.

    Manca l’articolone di un Travaglio indignato.

    • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 3:12 pm
    • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 8:47 pm

      e allora? è iscritto perché l’iscrizione non è vietata a nessuno se non ha precedenti penali;
      stai tranquillo che non avrà alcuna carica istituzionale.
      cosa c’entra il paragone con giachetti , parlamentare e candidato sindaco?

    • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 8:51 pm

      e con ciò? è iscritto perché l’iscrizione non è vietata a nessuno se non ha precedenti penali;
      stai tranquillo che non avrà alcuna carica istituzionale.
      cosa c’entra il paragone con giachetti , parlamentare e candidato sindaco?

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 9:26 pm

        L’hai detto tu: da noi non entrano i voltagabbana.
        Intanto è entrato.

        Poi secondo te si è iscritto perchè non vuole fare politica?

        http://www.mafia-capitale.it/index.php/2016/03/04/rispondi-al-sondaggio-avv-taormina-propongo-al-m5s-di-inserirmi-nella-lista-per-le-elezioni-comunali-di-roma/

      • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 9:31 pm

        entrato?
        risulta iscritto, punto!
        come ho già scritto non avrà alcuna carica istituzionale, che ti piaccia o no.
        ti attacchi proprio a tutto, non c’hai ritegno!

      • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 9:34 pm

        w. ti sei talmente abituato all’attitudine del tuo pd di imbarcare cani e porci, per e con cariche istituzionali che non riesci più a fare distinzione tra uno che si iscrive e uno che ha incarichi politici.
        il fatto che abbia chiesto di venire candidato al consiglio comunale sapendo che questo non potrà avvenire può interessare solo ad una mente perversa.

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 9:42 pm

        No, è Taormina che si è attaccato a voi e a volere cariche politiche intanto.

        Scusa, ma come fai a sapere che non gli saranno concesse candidature? Sei forse nella testa di Grillo? Se lo reputerà conveniente perchè non dovrebbe farlo candidare?
        Hai appena detto che può iscriversi non essendoci la regola , non siete ideologici, dunque non avete problemi a stare con chi della legalità e dei gay la pensa come lui , no?
        E dunque in teoria se gli elettori lo vogliono, perchè no?

        Nel Pd per essere iscritti bisogna

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 9:53 pm

        Bisogna non pensarla in maniera contraria a quanto dice lo statuto: gli organi di garanzia dovrebbero controllare che non entri gente poco seria .

        Da voi entra (si iscrive ) chiunque?
        No, perchè ricordo che facevate le morali anche se con alcuni si prende un caffè. E poi fate entrare Taormina?

        Taormina è del m5s , ti piaccia o no.
        E’ entrato nel m5s.
        Se Verdini (pure lui incensurato) si iscrivesse al PD entrerebbe nel Pd. E a questo punto tu faresti il diavolo a quattro se qualcuno lo permettesse, sostenendo che un partito che dice di avere certi valori non può accettare certi soggetti.

        Però Taormina ti va bene, ne prendo atto.

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 9:59 pm

        Ma chi te lo dice che non potrà avvenire ?!

      • daniele- · lunedì, 7 marzo 2016, 10:04 pm

        mi va bene per attaccare i manifesti, te l’ho già detto!

      • wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 10:22 pm

        Non sei tu che comandi. Se a Grillo andrà bene per altre cose lo metterà a fare altro. Magari potrebbe sponsorizzarlo alla Corte Costituzionale.

        Ma poi non capisco perchè ti fa schifo questo Taormina. Si è convertito alle tesi grillesche. Se lo si fa iscrivere poi è assurdo che ci sia una preclusione.
        La preclusione dovrebbe esserci prima semmai!
        E dovrebbe essere dei vertici.

  16. wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 2:26 pm

    Ciprini for president!

  17. wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 2:15 pm

    Ecco, appunto. Leggiamoci NextQuotidiano.

    Dove si dice che il perfetto sconosciuto sarebbe stato segnalato da Casaleggio.

    Lo dice la Terzoni (che non è una dissidente) qui, accusando le altre di mentire e prendendo le parti di Artini, poi espulso .

    http://www.nextquotidiano.it/wp-content/uploads/2014/11/patrizia-terzoni.jpg

    Dicano dunque il nome e cognome di questo perfetto sconosciuto, assunto con soldi pubblici, che non doveva “rispondere allo staff ma a noi” e che, secondo la Terzoni dipendeva da Casaleggio e aveva accesso a tutte le email o è eccessivo pretendere trasparenza?

    La Terzoni non è una dissidente, spieghi!

    Spiegate cari miei.
    Le interrogazioni parlamentari servono a fare chiarezza.
    Quanto al fango ve lo lanciate tra di voi.
    La Terzoni è nel movimento, e quando gli espulsi dicono che anche tra gli attuali appartenenti quella cosa ha provocato una protesta dice il vero.

  18. teresa · lunedì, 7 marzo 2016, 2:11 pm

    Paura eh?

  19. wilson · lunedì, 7 marzo 2016, 2:00 pm
  20. tsè · lunedì, 7 marzo 2016, 1:18 pm

    i grillini sono ingenui: credono che si possa combattere la corruzione eleggendo degli onesti e che il contenuto di un server resti riservato e sicuro perchè l’amministratore di sistema è un bravo giovine.

    • bruno d · lunedì, 7 marzo 2016, 10:18 pm

      Per definizione:
      - Chi è onesto è ladro.-

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.