La ribellione di medici e partiti contro la scandalosa nomina di Andrea Gentile all’Istituto dei tumori

lunedì, 14 marzo 2016

La nomina di Andrea Gentile all’interno del Cda dell’Istituto Nazionale dei Tumori ha suscitato una rara reazione compatta di praticamente tutti i partiti lombardi contro una scelta così insensatamente lottizzatrice. Il figlio del potente sottosegretario calabrese di NCD Antonio Gentile non ha praticamente alcuna competenza medica, ed è stato indicato dal ministro Lorenzin solo per concedere un incarico prestigioso a un rappresentante del suo partito, che da ormai molti mesi conferma di aver più poltrone che voti. Il segretario del PD Lombardia, Alessandro Alfieri, che ha sostenuto Renzi sin dalle primarie 2012, è stato durissimo nel bocciare la nomina del governo. “ Il curriculum di Gentile parla da sé. Dove sono le competenze richieste per ricoprire questo ruolo? Questa scelta è un grave errore che la Lombardia non si può accollare”. La Lega della Lombardia ha condiviso questa critica, ironizzando sull’assenso alla posizione del PD, mentre il Movimento 5 Stelle ha annunciato un’interrogazione parlamentare. Il M5S critica in particolar modo l’inchiesta in cui è stato coinvolto Andrea Gentile, da cui è stato però assolto, ma il vero problema appare la sua manifesta incompetenza. Il figlio del sottosegretario di Ncd è un avvocato penalista, in passato membro del Cda della finanziaria della regione Calabria, senza alcun esperienza nel mondo medico. Come rimarca il Corriere della Sera di lunedì 14 marzo, altre motivazioni sembrano aver pesato nella scelta di Andrea Gentile. ” Il loro compito è prendere le decisioni strategiche per il futuro dell’Istituto dei tumori, gioiello dell’oncologia a livello nazionale. Ma nella scelta dei sette membri del suo cda più del merito sembra aver contato, ancora una volta, il peso politico”. Su La Repubblica un articolo di Tiziana De Giorgio raccoglie l’unanime bocciatura espressa da diversi medici lombardi. Tra di essi sono citate le prese di posizione di Pier Mannuccio Mannucci, Alberto Scanni e Maurizio Mari, prestigiosi operatori nel settore sanitario che parlano di “nomina senza pudore”, sconfortante per la mancanza di competenze e per l’evidente gioco politico deciso da NCD. Unico motivo di sollievo, spiega Mannucci, è rappresentato dal fatto che “un singolo consigliere non può fare chissà quali danni”.

104 Commenti

  1. daniele- · lunedì, 14 marzo 2016, 6:45 pm

    o.t. dal blog di beppe grillo:

    di Luigi Di Maio
    Lo sapevate che per essere candidato nel Partito Democratico si devono pagare 25.000 euro e altri 150.000 in 5 anni? Si chiama “patto di candidatura”, con cui i partiti vendono i seggi in Parlamento, pena la decadenza e la non candidatura per le prossime elezioni. La conferma è arrivata in diretta tv a Coffee Break su La 7: “Non è vero che i partiti vendono i seggi” ha detto l’ex tesoriere del Pd Misiani. “Ma come no” replica in diretta Mineo, ex senatore del Partito Democratico: “A me la tesoreria del Pd, a cose fatte, mi ha mandato una lettera con la richiesta di versare 25.000 euro perché ero stato messo in ‘posizione utile’ in lista. Significa che il partito si sente padrone del seggio e allora il Parlamento non conta nulla”.
    Abbiamo già presentato un’interrogazione per fare chiarezza, e chiediamo alla Boldrini e a Grasso di acquisire tutti questi contratti alla Presidenza della Camera per aprire un’indagine sulla vendita di seggi da parte del Pd.

    • daniele- · lunedì, 14 marzo 2016, 6:52 pm

      penso che mineo verrà querelato, se quello che ha affermato è falso;
      certo che se fosse vero sarebbe un bello sputta namento per un pd che ha tanto deprecato la penale che viene chiesta ai rappresentanti del ***** in caso non vengano rispettati gli impegni presi.

      • Zerlina · lunedì, 14 marzo 2016, 6:56 pm

        La Boldrini pare abbia detto che accoglierà richiesta dei grillini. Boh.. fossero accuse prive di qualche fondamento non si sarebbe esposta così, immagino.. ma non so, non ho seguito molto la vicenda.

    • Ivano · lunedì, 14 marzo 2016, 8:24 pm

      Ti levano la voglia di vivere!!!

      • Gabriele · martedì, 15 marzo 2016, 9:07 am

        Ma la voglia di fare una rivoluzione te la fanno venire :-)

      • maurizio · mercoledì, 16 marzo 2016, 2:10 am

        la tua frase è la sintesi di ciò che la maggior parte delle persone pensanti provano, il fatto è che pensarlo è come essere morto.

    • tsè · lunedì, 14 marzo 2016, 8:35 pm

      Mineo è ambiguo:

      se ‘a cose fatte’ si intende una volta messo in lista allora è una forma di mercimonio;

      se invece si intende, coe credo, ‘una volta eletto’ si tratta di uno dei contributi al partito che gli eletti devono versare fin dai tempi del PCI, dagli anni cinquanta.

  2. wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 3:52 pm

    Tra le altre cose quello che è chiamato a fare il CDA di quell’istituto è (secondo lo stesso sito)

    • deliberare l’acquisizione di eredità, legati, donazioni, altre liberalità e le modifiche patrimoniali;
    • autorizzare il Presidente a promuovere azioni giudiziarie e/o a resistere in giudizio;

    Dunque può essere utile avere un avvocato che conosce la materia.

    Meno spiegabile invece la presenza di gente laureata in Lettere e Filosofia.

    • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 6:47 pm

      Sotto i pareri di alcuni esimi primari, oncologi e direttori scientifici di importanti ospedali.. e cosa ne penseranno mai di Gentile nel cda dell’Istituto tumori? Vai un po’ a vedere..

      • wilson · martedì, 15 marzo 2016, 12:09 am

        Cosa ne pensano dell’intero CDA?
        Che c’è solo lui non medico?

        E allora mi insospettisco. Potrebbero non volere Gentile per piazzarci qualche amico meno qualificato.

        I dati di fatto sono questi

        a) non è richiesto di essere medico
        b) mezzo cda non ha cometenze mediche.
        C’è gente che non ha le competenze gestionali, che invece Gentile ha, e questo è grave.

        Buona notte

      • wilson · martedì, 15 marzo 2016, 12:10 am

        Ops, manca una p

      • Miii.. · martedì, 15 marzo 2016, 6:15 pm

        Sono illustri professionisti, e di altre strutture ospedaliere che nulla hanno a che vedere con le nomine nel cda in questione, se volessero sistemare qualcuno, lo potrebbero fare senza problemi nelle strutture dove operano, dove arrivano le congetture per perorare una causa persa come la difesa di un esponente della stirpe dei Gentile.. dalla difesa che ne fate sembrerebbe più uno del pd renziano anziché dell’ncd calabrese.. mah.. i misteri gloriosi..
        Anzi, il più alto esponente del PD in regione Lombardia a dire il vero è anche più duro del mondo medico sulla nomina di Gentile.

      • Miii.. · martedì, 15 marzo 2016, 6:50 pm

        Ho già spiegato del perché un ospedale non si possa considerare una azienda dove l’unico obiettivo contabile è il profitto, un ospedale deve sì far quadrare i conti, ma le esigenze che dovrebbero guidare la contabilità, senza competenze tecniche e specifiche portano a danni seri. Come dice uno dei luminari sotto citati, “queste persone,si trovano ad amministrare un ospedale,non a definire le politiche generali, come potrebbe fare un assessore che non deve necessariamente essere un tecnico (…)”
        O ancora: “se proprio vogliamo andare a cercare qualcuno fuori, mi aspetto che abbia un pedigree nella sanità di tutto rispetto e AL RIPARO DA CRITICHE. E NON MI SEMBRA QUESTO IL CASO”, oppure “una persona così discussa, in in posto così delicato non può che amareggiarmi.”
        Laddove non esiste obbligo di competenza tecnica, dovrebbe sopperire il buon senso, ma signori.. siamo in Italia, il poltronificio più garantito del mondo. Non dico che gli altri componenti siano meglio.. ma la Lorenzin con i Gentile, “dalla Calabria con furore”, ha davvero sbracato. E dai..

  3. zarafa · lunedì, 14 marzo 2016, 3:39 pm

    Un vecchietto è convinto che, estirpando Alfano, non ci saranno più raccomandati,mafiosi,corrotti, perché fanno parte di una genia che alligna solo nel ncd ! Beata ingenuità: in questo momento in speciali palestre una nutrita schiera di senza vergogna stanno esercitandosi nel salto sul carro di Renzi. Senza contare che il pd non è certamente un partito immacolato, ai cui rappresentanti il potere faccia schifo.

  4. zarafa · lunedì, 14 marzo 2016, 3:34 pm

    Nelle scuole superiori milanesi, alunni extracomunitari neoarrivati (che arrancano con l’italiano perché non ci sono soldi per i corsi di alfabetizzazione e le classì sono pollai affollatissimi ), sono costretti a seguire incontri sulla legalità, in cui si parla delle raccomandazioni che spianano la carriera ai figli dei potenti, di mafia, corruzione…. Il ministero dell’istruzione è tassativo: guai a non parlare di legalità nelle scuole, è lì che bisogna gettare i semi dell’onestà, che brilla e sfavilla nelle alte sfere del governo dei rottamatori !

  5. wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 2:44 pm

    Guarda caso poi, la sede dell’Istituto Nazionale Tumori si trova a Milano, una delle roccaforti di Ncd

    Questo scrivono i 5 stelle.

    Propongo di spostare l’ospedale per evitare incompatibilità!

    —-

    Qualcuno può spiegare i criteri familistici usati dai loro sindaci , relativamennte a cda e quant’altro?

    Grazie.

    http://www.sandrovanni.it/wordpress/2016/02/fallimento-politico-a-5-stelle/

    —–

    Non difendo nessuno, dico solo che il CDA non è composto da medici. E questo è un fatto.
    Poi, perchè si tira in ballo Renzi quando la nomina l’ha fatta il ministro della Salute ?

  6. Francesco D'Agostino · lunedì, 14 marzo 2016, 2:32 pm

    dov’è scritto che la competenza in un CdA debba essere medica? io penso che quella medica sia l’ultima delle competenze richieste in materia gestionale e organizzativa.
    Altra questione è l’opportunità della nomina. Le considerazione che ho letto sulla Calabria, pur in presenza di sconcerto e perplessità per talune manifestazioni di inefficienza ed altro, squalificano essenzialmente gli autori che rivelano una meschinità aggravata dall’anonimato.

  7. otto il bassett-hound · lunedì, 14 marzo 2016, 1:39 pm

    Come al solito…il Gentile si rivela “mostro” e “mostriciattolo” il figlio…e il tutto è archiviato.
    Se si pensa che la famiglia Gentile sia rea,dovrebbe essere il magistrato archiviatore da rendere attenzionato da un “giornalismo d’inchiesta” e magari denunciare la corruzzione nel sistema giudiziario.

    https://www.google.it/url?q=https://it.m.wikipedia.org/wiki/Antonio_Gentile&sa=U&ved=0ahUKEwjc59yCmsDLAhUBLA8KHTlvAQYQFggOMAE&usg=AFQjCNG_uREFjnM4KRDw1dzgPPcrmhctqA

  8. otto il bassett-hound · lunedì, 14 marzo 2016, 1:32 pm
  9. VITALIZI POLITICI ESENTASSE VERGOGNA ITALIANA · lunedì, 14 marzo 2016, 12:32 pm

    Il figlio del potente sottosegretario calabrese di NCD Antonio Gentile non ha praticamente alcuna competenza medica,..
    ============================================
    Il sistema statalista è un sistema corroto dove o ti adegui o te ne vai specialmente nei settori dove la spesa pubblica, come in SANITA’ è piu’ gonfiata per la redistribuzione a chi ne fa parte.
    E’ strano che a reclamare siano proprio i medici che sulla corruzione pubblica hanno impostato, per chi voleva farlo, la loro fortuna.

    • VITALIZI POLITICI ESENTASSE VERGOGNA ITALIANA · lunedì, 14 marzo 2016, 12:40 pm

      La stessa cosa potrebe dirsi per le commissioni urbanistiche comunali, i cui membri sono obbligatoriamente consiglieri comunali eletti, quindi politici, NON COMPETENTI IN MATERIA, pero’ decidono se un progetto è da bocciare o da far passere.
      Cosa conta allora?
      Conta quanto hai pagato di TANGENTE. Funziona cosi’ dicono non si puo’ cambiare. Lo stesso per la sanità e lavori pubblici.

  10. jules.b · lunedì, 14 marzo 2016, 12:00 pm

    Da avvocato penalista calabrese sono sicuro che le competenze che deve avere – quelle “reali”, non quelle del mondo dei barbapapà in cui vivono troppi cojoni votanti -… quelle competenze lì le possiede ad abundantiam.
    Gente normale si limiterebbe a segnalare a lui ed ai suoi mentori che segnalarsi nome&cognome certificandosi pubblicamente per quel che si è in questo modo è cosa gradita e benvenuta.

    • xx · lunedì, 14 marzo 2016, 12:41 pm

      In Italia ci sono piu’ avvocati che cittadini.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 12:43 pm

        Si, come la Boschi e la Raggi.

    • foresto · lunedì, 14 marzo 2016, 1:06 pm

      cioè? non s’è capito che vuoi dire

    • Roberto · lunedì, 14 marzo 2016, 1:23 pm

      Fosse per me introdurrei una dogana extraeuropea fra Calabria e Italia, si figuri. Per parte mia equiparo quelka regione al Montenegro.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 2:20 pm

        Napoli? Che mi dici di Napoli? Comunque Gentile è laureato alla Luiss, non in Calabria.

      • jules.b · lunedì, 14 marzo 2016, 4:30 pm

        Luiss? Pure l’aggravante…

  11. picodepaperis · lunedì, 14 marzo 2016, 11:53 am

    wilson

    Di Maio, visto che critica Gentile e che aspira a fare il candidato premier metta online il curriculum, così facciamo un confronto.

    Ahaha.
    ÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷
    Testina di cazzzo, anzi, TESTONA DI CAZZZZO, si sta parlando di ricoprire cariche pubbliche da manager con competenze scientifiche !

    F A R A O N E ——-> V A F F A N C U L O , anche di lunedì !!!

    • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 12:42 pm

      Per quel posto servono competenze gestionali, diciamo che Gentile non è eccellente su questo, come altre persone laureate in Lettere e Filosofia, o in Scienze Politiche.

      Ah, per fare il presidente del consiglio invece non serve nessuna competenza di tipo gestionale?

      • Lorenzo M. · lunedì, 14 marzo 2016, 1:59 pm

        Il classico scaricabarile del supporter prezzolato: incapace di sostenere con solidi argomenti la scelta del governo, e del suo beniamino/datore di lavoro, che ha ficcato a forza un palese incompetente nel Cda di un ente pubblico, meglio parlare di altro.

  12. tsè · lunedì, 14 marzo 2016, 11:17 am

    * è bensì scandalosa la nomina politica: scandalosa quanto altre che non hanno suscitato ‘ribellione’, però.

    ed allora la ribellione ha altri bersagli …

  13. tsè · lunedì, 14 marzo 2016, 11:15 am

    giusto per ripetersi, almeno un paio dei componenti del CdA hanno curriculum non più qualificanti (e senza alcun esperienza nel mondo medico), ma nessuno ha, vedi caso, fiatato.

    anche il componente nominato dal comune di milano, gestione Pisapia, è un ragioniere programmatore senza alcun esperienza nel mondo medico: un esperto di gestione e controllo contabile, secondo me ottima scelta (si tratta di amministrare, non di curare) ma …

    http://www.istitutotumori.mi.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=567

    • Penelope Pitstop · lunedì, 14 marzo 2016, 11:38 am

      Ora ho visto proprio tutto.. anche i Gentile fans club.

    • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 12:05 pm

      Amministrare un istituto tumori non è come amministrare una qualsiasi altra cosa. Se devi fare tornare i conti sulla pelle della gente, ignorando le problematiche delle malattie e dei malati.. vabbe’ per fare quello, basta tagliare con la mannaia le spese strafottendosene delle esigenze. Perché i medici sono in rivolta? Forse perché un contabile sarà per loro un interlocutore che parlera’ un’altra lingua e per cui il primo interesse è far quadrare i conti. Ribadisco, che chi parla un tumore l’ha avuto e che frequentando da vicino strutture e protocolli e burocrazie e i salti mortali che fanno i medici per salvare la gente e aver sentito a volte la loro esasperazione.. ma lascia perdere.. fate pure la vostra battaglia per giustificare una posizione presa a beneficio dell’appartenenza politica. Alla fine, stringi stringi, il punto è quello. Mo’ anche la difesa dei Gentile. Senza offesa, ma è ciò che penso.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 12:29 pm

        Perchè non sono in rivolta nei confronti di chi è stata nominata con la laurea in lettere in filosofia e essendosi occupata di terzo settore e di immigrati ?

        Gentile è avvocato, conosce le leggi, ha scritto libri relativamente al diritto penale nella PA.

        Autore di una pubblicazione sulla responsabilità degli enti

        Autore di un saggio dal titolo: l’illecita captazione di risorse pubbliche.

        Organizza convegni su: la responsabilità penale del medico, la sanità nella complessità, nuove frontiere progettuali e tecnologiche.

        Insegna all’università

        Bisogna essere dottori? Allora c’è da lamentarsi di gran parte del CDA.
        Io non lo so, ma le qualifiche richieste cosa riguardano ? Deve essere lo stesso per tutti, su questo ci siamo?

        In ogni caso, ribadisco, la nomina è arrivata dal ministro della Salute.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 12:38 pm

        Quanti sono i medici nel CDA?

      • Penelope Pitstop · lunedì, 14 marzo 2016, 2:12 pm

        E quindi, a parità di incompetenza, tanto vale promuovere colui che almeno faccia comodo politicamente, oppure sistemare con poltrona esponente proveniente da area che sostiene il governo. Logica schiacciante. Di certo, non hanno estratto a sorte.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 3:39 pm

        Io rilevo solo la strumentalità di certe critiche. I medici, nel caso in cui servano competenze mediche, dovrebbero dire che mezzo CDA è inadatto

        Servono competenze mediche?
        Questa è la domanda, tu dici di si.
        Questo è quello che deve fare il CDA
        Amministrare , gestire, approvare bilanci.

        http://www.huffingtonpost.it/?ref=HRBH-1

        Altro punto è quello del per cui a parità di competenza si dovrebbe scegliere al di fuori di certe cerchie.
        A me sembra eccessivo, basterebbe che venissero scelte persone competenti.

        Ma chi lo ripete ossessivamente poi lo fa?

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 3:52 pm

        Link errato.

        Le competenze richieste al CDA non sono mediche, secondo quanto si legge qui

        http://www.istitutotumori.mi.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=20

      • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 6:43 pm

        Allora passiamo a pareri più importanti di ciò che può essere il mio:

        Maurizio Mari direttore generale della fondazione Cerca e BRACCIO DESTRO di VERONESI:
        “Non entro nelle competenze di Gentile che personalmente non conosco, io critico la nomina legata a questioni di partito per questo tipo di posizioni: QUESTE PERSONE SI TROVANO AD AMMINISTRARE UN OSPEDALE, non a definire le politiche generali come potrebbe fare un assessore, che non deve essere necessariamente un tecnico.”
        Alberto Scanni, noto oncologo, primario emerito del Fatebenefratelli, non si discosta di molto e parla di “mancanza di buon gusto”, poi commenta: “se questo è il modo in cui cambiano i tempi, non siamo messi bene. In Lombardia abbiamo fior di personaggi importanti nel campo. Se proprio vogliamo andare a cercare qualcuno fuori mi aspetto una persona con un pedigree nella sanità di tutto rispetto e al riparo da critiche. E non mi sembra questo il caso.”
        Pier Mannuccio Mannucci, fino lo scorso dicembre direttore scientifico della fondazione Policlinico:” non posso dire che la mossa mi stupisca, il ministro Lorenzin non è nuovo a questi giochi. L’ncd è un partito debole, per questo mette i suoi uomini anche là dove dovrebbero stare i tecnici. (…) Una persona così discussa in un posto così delicato non può che amareggiato..”

        Ce ne sarebbero altri.. praticamente il mondo medico è sconcertato. Psicopatici?

      • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 6:44 pm

        Fondazione Cerca=Fondazione Cerba.

      • Ser · martedì, 15 marzo 2016, 7:31 pm

        Perchè non sono in rivolta nei confronti di chi è stata nominata con la laurea in lettere in filosofia e essendosi occupata di terzo settore e di immigrati ?
        Gentile è avvocato, conosce le leggi, ha scritto libri relativamente al diritto penale nella PA.
        Autore di una pubblicazione sulla responsabilità degli enti
        Autore di un saggio dal titolo: l’illecita captazione di risorse pubbliche.
        Organizza convegni su: la responsabilità penale del medico, la sanità nella complessità, nuove frontiere progettuali e tecnologiche.
        Insegna all’università

        Indagato per truffe proprio nella sanità non lo aggiungi Wilson

  14. daniele- · lunedì, 14 marzo 2016, 11:01 am

    il cantastorie da tutto a merxasecca, qualunque cosa voglia, a uno che rappresenta una parte insignificante di italiani;
    non mi stupirei gli desse anche il culo!

    • daniele- · lunedì, 14 marzo 2016, 11:02 am

      da>dà

  15. Un vecchietto · lunedì, 14 marzo 2016, 10:45 am

    Fosse anche un genio quel figlio di senatore non poteva dalla politica essere nominato in una carica pubblica. Sono certo che all’interno dell’istituto si doveva trovare chi avrebbe saputo svolgere meglio di chiunque quella mansione tanto importante. Quel cretino di Speranza vorrebbe bloccare il percorso dell’approvazione della legge elettorale costringendoci a tenerci Alfano e associati per sempre.

  16. wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 10:40 am

    Di Maio, visto che critica Gentile e che aspira a fare il candidato premier metta online il curriculum, così facciamo un confronto.

    Ahaha.

    • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 10:43 am
    • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 11:22 am

      Io ho avuto un tumore, so di cosa si tratta e perché sarebbe importante la competenza in un ruolo simile. È palese la poltrona regalata al posto della meritocrazia e della competenza, non esistono argomentazioni, neppure tra le più fantasiose o frutto di esercizi acrobatici di benaltrismo capaci di cancellare il dato di fatto. Poi, io sulla Gentile family, ho forti perplessità, nonostante l’esito dei processi, poi se ci vogliamo prendere per il culo da soli, ma per favore.. siamo alle solite. Non c’è altro da dire.

  17. wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 10:31 am

    Laurea in scienze politiche, specializzazione politica monetaria

    http://www.istitutotumori.mi.it/upload_files/CV_Pellegrinigenn2016%20p.pdf

  18. wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 10:30 am

    Non sono un esperto, mi pare una esagerazione. Quali competenze bisogna avere oltre a quelle gestionali ?
    E’ laureato, ha scritto libri.

    Bisogna essere medico?

    Comunque se le competenze non fossero adeguate prendetevela con chi ha fatto la nomina, Beatrice Lorenzin, NCD.

    I grillini che si scandalizzano per le competenze di Gentile fanno semplicemente ridere, dopo aver scelto tra trombati della politica, disoccupati e casalinghe.

    Praticamente ovunque amministrano hanno piazzato amici e familiari del tutto incompetenti.

    Gentile qualche competenza ce l’ha, suvvia.

    I curriculum degli altri consiglieri e le loro competenze mediche, visto che per Gentile si pretendono?

    Questa qui è laureata in lettere e filosofia

    http://www.istitutotumori.mi.it/upload_files/CV_Pellegrinigenn2016%20p.pdf

    • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 11:32 am

      Essere laureati.. e aver scritto libri.. che curriculum! Un libro, non si nega a nessuno.. da quando aver scritto un libro fa curriculum? A casa mia curriculum adeguato ad un incarico del genere è altro. Essere laureato.. vabbe’, requisito minimo, forse potrei ritenere la laurea decisiva se si dovesse scegliere tra lui e Razzi! L’unico laureato in circolazione era lui?? Siamo in un manicomio. E diciamolo che si tratta di opera di distribuzione di poltrone compensa e facciamola finita, ma non attacchiamoci al ridicolo.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 12:34 pm

        Ma che c’entra il Cda, il cda non cura il tumore.

        Semmai, se proprio si vuole trovare un punto debole, servirebbero più competenze gestionali.

        Ma quelle servono anche per un sindaco o per un candidato premier.

      • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 12:57 pm

        Lo so anche io chi cura il tumore, il mio i medici, che si ribellano alla gestione di Gentile.. ma saranno gufi in camice.
        Vuoi che faccia un esempio di come una gestione possa ricadere sulla pelle dei malati senza toccarli fisicamente?
        Il nuovo isee, ad esempio (non c’entra col caso Gentile, ma è per far capire quali sono i danni di chi gestisce e non cura) è stato bocciato da tar e dopo richiesta appello del governo che proprio non ci stava, anche dal consiglio di stato sulla illegittimità a voler considerare indennità di accompagnamento come parte che potesse rientrare nel reddito. La prima sentenza del tar era immediatamente esecutiva ma per 2 lunghi anni, il governo ha continuato ad applicare un idee palesemente ingiusto, che a detta di chi lo ha subito, ha creato ingiustizie, gravi danni e stupisci.. anche morti.
        È possibile su certe materie, fare anche morti, e vessare gente allo stremo che già fatica per la situazione che ha.. senza essere medico, senza conoscere quelle persone, senza sfiorarle neppure.
        Parlando di contabilità, quel cambiamento, avrebbe certo permesso risparmi e la possibilità di far cassa, eh certo, dal punto di vista ricavi/spese ineccepibile, contabilmente una mossa geniale! Da premio. Se non fosse stato fatto ricorso a fatica, sarebbe pure considerata legittima. Un colpo da maestri! Ma non si può amministrare la pelle come una azienda, lo capisci?

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 2:12 pm

        Tu lo sai, vero, che ci sono un sacco di casi in cui queste indennità di accompagnamento sono fraudolente ?

        Allora diciamo così.
        Quando ci riempiamo la bocca sul combattere i furbi come si fa in altri paesi, poi non vogliamo le stesse regole che ci sono in altri paesi.
        Non se ne esce!

        I morti li causa chi vuole mantenere tutto com’è, a quel punto le risorse per aiutare chi ha VERAMENTE bisogno non ci sono e la gente non ce la fa più.

      • Penelope Pitstop · lunedì, 14 marzo 2016, 2:41 pm

        E quindi, perché esistono persone che frodano lo stato, tu che fai? Con quel pretesto massacri tutti, quindi certamente quelli che invalidi con diritto all’ accompagnamento lo sono davvero. La lotta ai falsi invalidi la fai togliendo quel poco ai veri.. complimenti! Io alla storiella non credo, credo abbiano solo provato a far cassa dove credevano di poterla fare. Io conosco gente che per tirare avanti si è venduta la casa, ma tu che caxxo pensi di sapere? Tu prendi per buona qualsiasi boiata esca dall’esecutivo. Ma svegliati! A me parli dei falsi invalidi, secondo te non mi fanno incaxxare?? Ma con il tentativo di porcata che volevano perpetuare questo non c’entrava proprio. È arrivato Wilson a spiegarmi le cose.. ma finiscila, non sai di cosa parli.

  19. Gigi del Merre · lunedì, 14 marzo 2016, 9:57 am

    Un prezioso aiuto per le comunali di Milano.

    • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 10:44 am

      In effetti… vi siete tolti dalle scatole la disoccupata.

      Ma Di Maio che faceva prima?

      • daniele- · lunedì, 14 marzo 2016, 10:53 am

        qualunque cosa facesse fa le scarpe al migliore dei vostri;
        punto!

      • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 11:34 am

        Da sto torrone che ci stai facendo, sembra che il competitor di Gentile fosse Di Maio. Ma che palle! Abbiamo capito che ti stanno sul caxxo i 5s, pigliati un calmante, ti vedo provato.. e datte ma calmata fio mio.. con sta fissa ce stai a frantuma’ i cojoni..dacce tregua.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 12:13 pm

        Ma va? La vogliamo mettere sul consenso? Pensavo foste diversi, che contasse il merito.
        E allora perchè per altri lo chiedete ?
        Ma quindi nel partito di Berlusconi sono dei geni, anche se scelgono le olgettine in politica.
        Voi fate lo stesso con i vostri, l’importante è che abbiano, come dice Di Battista, un sacco di ammiratori su Facebook?

        Parlavo di merito, non di consenso.

        Oltretutto, se siete diventati una forza contendibile non è merito vostro.
        E’ dell’Italicum. Quando dici che il m5s potrebbe battere il Pd citi i dati del ballottaggio, giusto?
        Ballottaggio che il m5s considera incostituzionale.

      • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 12:45 pm

        A rieccoce col torrone! Allora è un’ossessione. Uffhhhh.. che palle.

      • wilson · lunedì, 14 marzo 2016, 2:05 pm

        miiii

        Non ti ha interpellato nessuno, comunque se vuoi argomentare costruttivamente accomodati.

      • miiii.. · lunedì, 14 marzo 2016, 3:26 pm

        Metti insieme cose che nulla c’entrano, e poi se permetti io per parlare e dire ciò che mi pare, non ho bisogno della tua concessione.
        La tua personale guerra ai 5s o l’ossessiva avversione per Di Maio, cosa c’entrano con Gentile, i tumori, o la sua nomina. Io avrò avuto anche un tumore, ma con la tua testa non farei a cambio. Poi, pensala come ti pare, ma che mi frega.

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.