Renzi-Berlusconi-Grillo-Salvini uniti in politica estera: l’Italia se ne resti fuori

giovedì, 24 marzo 2016

Nel cicaleccio televisivo, per scaramanzia, non si discute del perchè l’Italia negli ultimi quindici anni non sia stata mai bersaglio di un attentato del terrorismo jihadista. Solo per merito dei nostri apparati di sicurezza, che tengono a bada il pericolo costituito dai cosiddetti “lupi solitari” o anche per scelta di strategia dei burattinai che muovono le fila di questa guerra mondiale?
In America e in Europa, finora il terrorismo islamico ha colpito paesi che partecipavano direttamente ad attività militari offensive contro le sue roccaforti. L’Italia, quand’anche presente nei teatri di guerra, vi mantiene un ruolo per lo più d’interposizione o di addestramento o di retrovia logistica o di intelligence. Così avviene nel Kurdistan iracheno, così in Libano e in Libia. Neanche dopo gli attentati di Parigi del 13 novembre scorso il governo italiano ha fatto quel passo in più, richiesto da Parigi, di una partecipazione offensiva diretta ai bombardamenti del territorio Is.
Questa scelta del governo Renzi, al di là delle diatribe di facciata, è condivisa da tutte le principali forze politiche italiane. Nessun Salvini o Berlusconi, tanto meno un Grillo, chiedono al primo ministro di intraprendere azioni di guerra contro i jihadisti in casa loro, nè in Siria nè in Libia. La speranza inconfessabile, ma condivisa, è che questa posizione attendista e rinunciataria preservi il nostro paese (così come la Germania) da ritorsioni sanguinose come quelle subite dalla Francia, dalla Russia, dagli sciiti libanesi, dalla Turchia ecc.
Il caso del Belgio è un po’ diverso: lì l’attacco è avvenuto per reazione allo smantellamento di una cellula terroristica che aveva agito in Francia, più che per controbattere alla politica estera interventista di Bruxelles. Ma il dilemma che abbiamo di fronte, discusso solo sottovoce nelle stanze del potere, e mai in sede pubblica, resta il medesimo. Questa idea che l’Italia possa restarsene fuori dal conflitto, dilazionando le sue scelte militari e ribadendo una vocazione neutralista, alla lunga potrà funzionare? Le due guerre mondiali del secolo scorso inducono a pensare che questa sia solo una pia illusione opportunistica, nella quale si ritrovano uniti i principali leader politici del paese.

247 Commenti

  1. Hollybloodland · giovedì, 24 marzo 2016, 12:19 pm

    Il presidente turco ieri alla stampa: Uno dei kamikaze in azione il 22 marzo estradato dalla Turchia a Belgio e poi rilasciato. La replica di Bruxelles: El Bakraoui estradato in Olanda. La Turchia avrebbe segnalato alle autorità belghe la pericolosità di El Bakraoui, identificato come uno dei kamikaze in azione all’aeroporto Zaventem di Bruxelles lo scorso 22 marzo. Ad affermarlo è stato ieri il presidente Erdogan, nel corso di una conferenza stampa in cui ha accusato il Belgio di negligenza specificando come, malgrado gli avvertimenti provenienti da Ankara, le autorità belghe non avessero confermato i legami con il Daesh del giovane arrestato in Turchia nel giugno del 2015 provvedendo al suo rilascio una volta rientrato in Europa. La replica di Bruxelles non si è fatta attendere, con le dichiarazioni rilasciate alla stampa da Koen Geens, ministro degli Esteri belga. Ibrahim El Bakraoui non fu estradato in Belgio, questa la tesi sostenuta dal ministro, ma in Olanda. “All’epoca — ha poi aggiunto Geens — non era noto per terrorismo ma era un criminale comune in libertà condizionata”

    Hollywood ? Hollybloodland ?
    Ibrahim El Bakraoui e fratellino ?
    Furono arrestati il 15 di Marzo a Bruxelles:

    http://www.centerforsecuritypolicy.org/2016/03/16/shootout-turns-brussels-suburb-into-warzone/

  2. Alessandro Milano BASTA TASSE VIA EURO STOP INVASIONE · giovedì, 24 marzo 2016, 12:17 pm

    Il Belgio è il ventre molle e putrescente che ha allevato STÌ figuri.
    Il re Baldovino li fece entrare senza controllo pur di avere il petrolio.
    Li si sono incistati e da li partiranno.
    Sperare di essere immuni è da cretini.
    È solo una questione di tempo.
    Bisogna adottare la dottrina di Israele
    Infiltrare le cellule
    Arresti amministrativi anche di tre quattro mesi.

  3. Lady Dodi · giovedì, 24 marzo 2016, 12:10 pm

    Quando e se andare in guerra lo decideremo noi, e stavolta non saremo al traino di un Sarkollande.
    Sarkollande e la politica estera francese sono giustamente odiati. Noi no.

    • Lady Dodi · giovedì, 24 marzo 2016, 12:13 pm

      I Sarkollandi ci vorrebbero trascinare in guerra perché loro sono malvisti ovunque mentre noi siamo la faccia pulita dell’Occidente.

  4. Julio · giovedì, 24 marzo 2016, 12:08 pm

    Possiamo vedere qualche parallelismo tra le due o tre guerre mondiali del XX secolo e la tragedia in corso: le sempre più numerose vittime civili, la lotta per il controllo di una risorsa strategica come il petrolio, il totalitarismo in uno dei ‘bandi’, alimentato dal rancore verso il colonialismo, da recenti guerre disastrose (Iraq, Afghanistan fondamentalmente) e da una grave crisi economica.

    Il fattore religioso, l’assimmetria nelle forme di attacco e di difesa e nella potenza economica e militare tra i diversi ‘bandi’, rendono però molto diverso tutto. Gli uomini hanno ampiamente dimostrato di essere capaci delle cose più orrende che si possano immaginare. Mi auguro che nel combattere questi nostri nemici che con tanta pervicace ingiustizia, menzogna e criminalità diversi governi occidentali hanno contribuito ad allevare, non si allarghi l’offesa a centinaia di milioni di musulmani, e che le nostre libertà vengano preservate. Sono favorevole a una risposta dura per vincere l’IS, Al Qaeda e simili, non a creare più danni di quelli che abbiamo già.

  5. Michael Goldfarb · giovedì, 24 marzo 2016, 11:57 am

    Interessantissimo articolo che spiega alla lettera come tutti questi attacchi ” terroristici ” siano eterodiretti dai Servizi di tutto il Mondo, con la complicità delle forze dell’ordine di ogni singola nazione europea, è incredibile che i ” kamikaze ” siano stati addirittura arrestati il 16 di Marzo e poi il 22 di Marzo si fanno esplodere per aria uccidendo e ferendo ” a caso “.
    Visto che si parla dell’attentato terroristico di Domodedovo, mi sembra utile ricordare come venne coperto all’epoca dai principali media outlet: non unanime condanna del terrorismo di matrice islamica, ma “attentato di insorgenti” che si ribellano al giogo di Mosca. Eh già, perché quando fanno attentati da noi sono brutali e fanatici, quando li fanno altrove diventano “patrioti”.
    https://www.rt.com/op-edge/336922-domodedovo-brussels-media-attack/
    In Occidente siete messi, molto ma molto male, di fronte a certe verità è impossibile non capire, è impossibile non reagire.
    Sono d’accordo, il Re del Belgio dovrebbe arrestato per crimini di guerra, è impossibile che in rete si dica la VERITA’, mentre i ” centri di comando ” non sappiano NIENTE, Orwell ha raggiunto la sua profezia letteraria. Diffidate dei Vs Governanti, dei Media e dei Giornalisti: VI MENTONO 24/24 ore.

    • Michael Goldfarb · giovedì, 24 marzo 2016, 12:06 pm

      L’articolo a cui mi riferivo è certamente questo:
      Bruxelles: le False Flag di CIA, Mossad e Gladio
      MARZO 23, 2016
      Aanirfan

      Svegliatevi tutti o farete una brutta fine.
      Bye, Michael.

  6. Lady Dodi · giovedì, 24 marzo 2016, 11:54 am

    Noi non è che vogliamo restare fuori, è che SIAMO fuori dalle vostre porcherie di malaffare caro guerrafondaio!
    Noi siamo persone perbene e non vogliamo vessare nessuno come certi Stati, Staterelli e pseudo-Stati.
    Vedi Arabia Saudita e compagnia.

  7. Bruto · giovedì, 24 marzo 2016, 11:48 am

    credo che il copia-incolla sia la maledizione di internet.
    Uno va sui siti appositi e lo fa per frasi o citazioni estrapolate apposta.
    Ma idee proprie questi commentatori non ce le hanno affatto?
    Ah, questa volta sono in disaccordo con Gad: l’intervento militare è controproducente.
    Abbiamo seminato bombe e stiamo raccogliendo bombe.
    E’ possibile cercare altre strade? Magari non spingendo con il nostro ostracismo altri ragazzi ad abbracciare l’isis?

  8. Milena · giovedì, 24 marzo 2016, 11:39 am

    Il passo in piu’ dovrebbe essere quello di coordinare l’intelligence in Europa. Non vanno semplicemente sconfitti i jihadisti con le bombe ma la loro ideologia.

    • Milena · giovedì, 24 marzo 2016, 11:51 am

      L’Italia vista anche la sua posizione geografica potrebbe avere un ruolo di mediazione.

  9. tsè · giovedì, 24 marzo 2016, 11:34 am

    il guerrafondaio parla di “posizione attendista e rinunciataria”, ma non è così: l’Italia repubblicana nel primo dopoguerra ha praticato, unica tra le nazioni occidentali, una politica di scambi economici e di relazioni che le ha guadagnato una posizione unica, un prestigio che negli ultimi due decenni stiamo perdendo.

    eravamo neutrali e possibilmente pacifisti per necessità di convivenza tra un PCI filosovietico ed una DC filo-occidentale ma con convinzione politica ed etica, convinzione che si ritrova in costituzione:

    L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa della libertà degli altri popoli e come
    mezzo di risoluzione delle controversie internazionali

    l’opposto, anche idealistico, della constatazione di Von Clausewitz “La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi” un cui volumetto stampato, credo, da Editori Riuniti si vendeva come il pane tra i militanti della sinistra – sinistra.

    aridateci Mattei.

  10. ma va?? · giovedì, 24 marzo 2016, 11:34 am

    LEGGERE ZOMBI, LEGGERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LEGGERE ZOMBI, LEGGERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LEGGERE ZOMBI, LEGGERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LEGGERE ZOMBI, LEGGERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LEGGERE ZOMBI, LEGGERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LEGGERE ZOMBI, LEGGERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  11. ma va?? · giovedì, 24 marzo 2016, 11:27 am

    I fratellini?? Arrestati il 15 Marzo, e poi MIRACOLOSAMENTE RILASCIATI PER FARE STRAGI DI SANGUE il 22???. Cari Signori, questa è la PROVA DEL 9 che SONO PROPRIO I GOVERNI i VERI TERRORISTI, addirittura i TG presentano VIDEO FALSI. Ma di che caxo stiamo PARLANDO?? ISIS???????????????????

    • ........................ · giovedì, 24 marzo 2016, 11:37 am

      Isis? Aria fritta. Attentati di Bruxelles fatti da agenti terroristi , prima arrestati dalla polizia, istruiti , pianificato gli attentati insieme, rilasciati e BUM!!! E nessuno dice NIENTE. Ottimo articolo:
      CIA, MOSSAD E GLADIO.
      Fate tutti quanti SCHIFO

  12. LUIGI · giovedì, 24 marzo 2016, 11:20 am

    MAOMETTO PROFETA GUERRIERO CONQUISTATORE

    CORANO
    XXV 55
    … IL MISCREDENTE SARA’ SEMPRE ALLEATO DEI NEMICI CONTRO IL SUO SIGNORE.

    SE IL CORANO DICE COSI’ QUALE INTEGRAZIONE POTRA’ ESSERCI?

    • ma va?? · giovedì, 24 marzo 2016, 11:28 am

      leggi, IMBECILLE, LEGGI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. daniele- · giovedì, 24 marzo 2016, 11:17 am

    o.t. dal blog di beppe grillo:

    Marea nera in Tunisia, dopo gli allarmi di Greenpeace e Legambiente il Movimento 5 Stelle chiede al governo d’intervenire per avere notizie certe. Lo fa con interrogazioni presentate al Senato e alla Camera a prima firma Vincenzo Santangelo e Davide Crippa .

    In merito all’incidente che si è verificato domenica 13 marzo sulle coste delle isole Kerkennah, nella regione di Sfax in Tunisia, a 120 chilometri a sud di Lampedusa, l’incidente che è stato praticamente ignorato dalla stampa, escluso qualche sito tunisino che riporta che i ministeri tunisini della Salute e dell’Ambiente hanno aperto un’inchiesta per chiarire le responsabilità della società Thyna Petroleum Services, a cui sarebbe imputabile il danno. “La società civile residente sull’isola denuncia gravissimi danni” ha ricordato Legambiente.

    non è che qui passa tutto silenzio perché il 17 aprile ci sarà il referendum?
    grazie *****, avanti così, sempre!

    • daniele- · giovedì, 24 marzo 2016, 11:17 am

      tutto>sotto

    • tsè · giovedì, 24 marzo 2016, 11:40 am

      basta una immagine da satellite, credo.

    • Rieducational channel · giovedì, 24 marzo 2016, 4:27 pm

      La notizia potrebbe venire fuori, qualora, i barconi dei migranti venissero raccolti assieme al petrolio a Lampedusa (per dirne una..).
      Forse, se gli abitanti facessero un po’ di cagnara.. del resto, si è saputo della svendita di porzioni dei nostri mari alla Francia, solo grazie alle denunce di alcuni pescatori sardi, fermati da motovedette francesi per sconfinamento in territorio francese. Ancora non si ha contezza dell’accaduto e dell’operazione illegittimamente “confidenziale”.. la solita Fantasilandia..

  14. NORIMBERGA 2.0 · giovedì, 24 marzo 2016, 11:06 am

    ..il pericolo costituito dai cosiddetti “lupi solitari” o anche per scelta di strategia dei burattinai che muovono le fila di questa guerra mondiale?

    I presunti attentatori di Bruxelles del 22 marzo 2016, i fratelli Qalid e Ibrahim al-Baqrawi, e Najim Lashrawi, vanno considerati agenti dei servizi di sicurezza. Qalid e Ibrahim al-Baqrawi sarebbero stati reclutati dai servizi di sicurezza qualche tempo fa mentre erano in carcere per reati comuni. Qalid e Ibrahim al-Baqrawi furono nuovamente arrestati pochi giorni prima dell’attentato del 22 marzo 2016, secondo il Centro per la politica della sicurezza. Najm Lashrawi avrebbe lavorato per la CIA e alleati in Siria. I media hanno presentato un video della sorveglianza come video dell’attacco terroristico del 22 marzo 2016 a Bruxelles. Il video invece era sull’attacco terroristico all’aeroporto Domodedovo di Mosca del 24 gennaio 2011. Il Video che pretende di dimostrare l’esplosione di Zaventem fu ripreso nel 2011. Falso video utilizzato per informare sugli attentati di Bruxelles.(……)

    ARRESTATE IL RE DEL BELGIO PER I CRIMINI DI GUERRA FATTI DUE GIORNI FA A BRUXELLES ED INSIEME A LUI TUTTI QUANTI QUELLI DELLA CIA, MOSSAD e GLADIO, DIRETTORI DEI TG PER LESA MENZOGNA E QUANT’ALTRA ALTRA PORCHERIA.
    NORIMBERGA 2.0 E’ VICINA.

  15. ARRESTATELI TUTTI · giovedì, 24 marzo 2016, 11:03 am

    Bruxelles: le False Flag di CIA, Mossad e Gladio
    MARZO 23, 2016
    Aanirfan
    Il 22 marzo 2016, il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Malqi doveva comparire dinanzi alla commissione affari esteri di Bruxelles per discutere come riavviare il processo di pace in Medio Oriente. EP. Così, il 22 marzo era il giorno giusto per il Mossad per colpire Bruxelles? Gli attacchi terroristici a Bruxelles saranno utilizzati per giustificare un’invasione della Siria? I presunti attentatori di Bruxelles del 22 marzo 2016, i fratelli Qalid e Ibrahim al-Baqrawi, e Najim Lashrawi, vanno considerati agenti dei servizi di sicurezza. Qalid e Ibrahim al-Baqrawi sarebbero stati reclutati dai servizi di sicurezza qualche tempo fa mentre erano in carcere per reati comuni. Qalid e Ibrahim al-Baqrawi furono nuovamente arrestati pochi giorni prima dell’attentato del 22 marzo 2016, secondo il Centro per la politica della sicurezza. Najm Lashrawi avrebbe lavorato per la CIA e alleati in Siria. I media hanno presentato un video della sorveglianza come video dell’attacco terroristico del 22 marzo 2016 a Bruxelles. Il video invece era sull’attacco terroristico all’aeroporto Domodedovo di Mosca del 24 gennaio 2011. Il Video che pretende di dimostrare l’esplosione di Zaventem fu ripreso nel 2011. Falso video utilizzato per informare sugli attentati di Bruxelles.(……)
    https://aurorasito.wordpress.com/

  16. ARRESTATELI TUTTI · giovedì, 24 marzo 2016, 10:55 am

    Arrestate i direttori dei TG · Giovedì, 24 Marzo 2016, 10:39 Am
    Che emozione il video dell’esplosione all’aeroporto di Bruxelles! Peccato sia falso
    Lo avete visto tutti, in tv o sul web: il video dell’esplosione all’aeroporto di Bruxelles, accompagnato da accorate e toccanti descrizioni da parte dei giornalisti. Peccato che sia falso. O meglio: è vero ma è il filmato di un altro attentato, avvenuto all’aeroporto Domodedovo di Mosca nel 2011.
    Non ci credete? Guardate qui quello di Bruxelles:
    YouTube Direkt
    e quello di Mosca:
    YouTube Direkt
    Visto? Sono identici.
    E allora occorre chiedersi chi abbia passato queste immagini alle tv internazionali. Per esperienza delle due l’una: o si è trattato di una furbata di un collega che puntava a far lo scoop confidando sulla scarsa memoria dei giornalisti (e in fondo ci è riuscito, perché tutti hanno abboccato) o siamo di fronte a un’operazione pianificata per amplificare l’orrore per la strage.
    In ogni caso, ancora una volta, i media non ne escono bene. Abboccano alla manipolazione, a conferma che i misfatti più clamorosi sono quelli perpetrati sotto gli occhi di tutti, quando la razionalità è annebbiata dall’emozione, dal cordoglio, dalla rabbia.
    marcello foa
    Rispondi

    Arrestate il Re del Belgio x crimini di guerra · Giovedì, 24 Marzo 2016, 10:12 Am
    Il 15 marzo 2016, le forze belghe e francesi stavano conducendo un raid antiterrorismo di una casa nel sobborgo di Bruxelles di Forest quando sono stati attaccati da sospetti armati di Kalashnikov.
    L’incidente è avvenuto a pochi chilometri dal quartiere Molenbeek di Bruxelles, che è il focolaio di attività jihadista.
    Un sospetto che ha aperto sparato feriti tre poliziotti ed è stato barricato all’interno della casa. Altri due sospetti hanno tentato di fuggire sui tetti vicini. Un quarto agente di polizia è stato ferito in un secondo scontro a fuoco Tutti i funzionari feriti sostenuta non in pericolo di vita gli infortuni e si prevede di recuperare.
    Le forze di sicurezza belgi sono ancora a caccia giù jihadisti nella regione, legata agli attacchi di Parigi che hanno ucciso 130 persone. autorità belghe novembre hanno arrestato 11 persone in relazione agli attentati di Parigi e hanno 8 ancora in custodia.
    L’esperto senior belga contro il terrorismo ha detto alla CNN che all’inizio di questi anni hanno scoperto due telefonate da Belgio a Parigi gli aggressori. Questo suggerisce sospettato mente Abdelhamid Abaaoud potrebbe essere stato ricevuto istruzioni da un membro più alto rango di Stato islamico ..
    La polizia ha bloccato strade durante Foresta come testimoni riportate fino a 20 auto della polizia, una presenza della polizia pesantemente armati e veicoli blindati che scendono sulla scena. operatore di trasporto pubblico STIB-MIVB sospese le operazioni di autobus e tram sotto ordine della polizia. La polizia ordinato i cittadini a rimanere nelle loro case.
    Eric Van Der Spyt, un portavoce del procuratore federale, ha osservato molti sospetti sono ancora ricercati tra cui Salah Abdelslam, che ora è latitante più ricercato d’Europa.
    Intorno 18:00, la polizia ha fatto irruzione l’appartamento e una volta dentro hanno trovato i resti di uno dei jihadista ucciso da un cecchino della polizia. E ‘stato identificato come 35 anni Mohammad Belkaid, un immigrato illegale dall’Algeria che è stato trovato per avere un kalashnikov, IS bandiera, e il manuale jihadista vicino al suo corpo.
    Due fratelli Khalid e Ibrahim El Bakraoui sarebbero stati arrestati in base alla media quando uno dei fratelli si presentarono ad un ospedale con una gamba rotta. L’altro fratello è stato trovato nascosto in una casa di polizia stavano cercando. I due fratelli sono stati noti per avere legami con la criminalità violenta nella zona di Bruxelles.
    Mentre la polizia ritengono che questi tre individui sono stati gli unici indagati in casa, il Belgio ha sollevato la sua allarme terrorismo ad alta e incoraggiato la vigilanza pubblica per attività o comportamenti sospetti.

    Questa non è la prima sparatoria di alto profilo tra polizia europei e sospetti jihadisti a seguito degli attacchi di Parigi, un riflesso del crescente afflusso di armi di piccolo calibro, tra cui fucili d’assalto e missile terra-aria verso l’Europa dalla ex Jugoslavia e la Libia. Mentre questo tempo di formazione, il lavoro di squadra, e la determinazione della polizia ha permesso loro di raggiungere il loro obiettivo della missione e mantenere la sicurezza pubblica. L’incidente dimostra il crescente pericolo di jihadisti sede in Europa.
    Articolo del 16 Marzo 2016
    http://www.centerforsecuritypolicy.org/2016/03/16/shootout-turns-brussels-suburb-into-warzone/
    Rispondi

    ARRESTATELI TUTTI

  17. Bruno d · giovedì, 24 marzo 2016, 10:44 am

    Mi ricorda, non tanto vagamente un governo sul democristiano in Chile, durante il golpe di Pinochet.
    questo dice wikipedia

    La Giunta[modifica | modifica wikitesto]
    Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Giunta militare cilena.
    Inizialmente la junta militar che prese il potere era formata da quattro capi: oltre a Pinochet dell’esercito, c’erano Gustavo Leigh Guzmán dell’aviazione, José Toribio Merino Castro della marina, e César Mendoza Durán dei carabineros. I capi del golpe si accordarono subito per una presidenza a rotazione (cosa che Pinochet non farà mai) e nominarono Pinochet capo permanente della giunta.
    Pinochet si mosse subito per consolidare il suo controllo contro ogni opposizione. Il 12 settembre furono nominati dei militari come nuovi ministri, e il 13 la giunta militare sciolse il Congresso e assunse anche il potere legislativo.
    Vi piacerebbe questo tipo di soluzione latino-americana?
    Leggetevi l’intera pagina, parla anche di campi di concentramento, io ero appena entrato in fabbrica
    21 5 1973, il golpe ci fu in settembre.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Golpe_cileno_del_1973
    Lerner dovrebbe ricordarselo.

  18. Francesco · giovedì, 24 marzo 2016, 10:42 am

    Non sarà una soluzione taumaturgica ma che l’Italia, dopo aver fatto fin dall’unificazione una ridicola, velleitaria e disastrosa politica di potenza, in Europa e in Africa (perfino in Cina, per la verità), finalmente capisca di non averne i mezzi morali e materiali mi pare un fatto molto positivo.

    • Rieducational channel · giovedì, 24 marzo 2016, 4:17 pm

      Siamo poeti, santi e navigatori (oltre che palazzinari, abusivi e corrotti, corruttori e corruttibili e rubagalline.. ecc. Ecc. ), non certo soldati.. la storia ce li insegna, e poi, anche lo fossimo, e non è così.. i denari?? E tutto sommato..

  19. jules.b · giovedì, 24 marzo 2016, 10:36 am

    L’impero inglese con tutta la sua prosopopea – oltre che indiscutibile abilità – ha SEMPRE pagato bande di ladroni e mantenuto più o meno improbabili regnanti in quasi ogni angolo del globo: in Asia e nei confronti dei musulmani in particolare.
    Il risultato finale è che li bombardano (occasionalmente) a casa loro… forse perché non li pagano più o non li pagano abbastanza? O perché qualche sgherro non è riuscito a farsi la sua mezza ed è vendicativo?
    Chiedetelo alla regina se en sa qualcosa.

    • Bruno d · giovedì, 24 marzo 2016, 10:45 am

      Come è facile arguire, la verità viene sempre a galla.

  20. Quattro · giovedì, 24 marzo 2016, 9:41 am

    ! 4 Cavalieri dell’Apocalisse
    che Perversano solo in Italia

I commenti di questo blog sono sotto monitoraggio delle Autorità. Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione entro i limiti di buona educazione e netiquette in essere come regole del blog. Inoltre usa con moderazione i seguenti comandi di formattazione testo.

Lascia un commento

Se sei già iscritto a questo blog Entra oppure Registrati inserendo i tuoi dati nel form che trovi in alto a destra di questa pagina.
Puoi lasciare un commento anche se non sei registrato.
Tutti i campi sono obbligatori.